Sant’Evaristo/ Santo del giorno, video: il 27 ottobre si celebra il patrono di Giovecca di Lugo

- Matteo Fantozzi

Il 27 ottobre si celebra Sant’Evaristo, Santo del giorno: l’uomo è patrono della piccola frazione di Giovecca di Lugo che si trova nella provincia di Ravenna in Emilia Romagna.

sant_evariste_santo_del_giorno_2018_iconogafia
Sant'Evaristo, Santo del giorno

Sulla vita di Sant’Evaristo, Santo del giorno, non si sa molto, tanto che alcuni documenti accertano la sua nascita in Grecia da padre ebreo, mentre altri ancora lo vedono nativo della città di Betlemme. Anche riguardo l’anno di nascita non ve n’è uno con certezza, ma quello che si sa è che Evaristo morì a Roma intorno all’anno 108. Proprio nella città capitale dell’Impero, egli si convertì al Cristianesimo, fu così fedele al nuovo credo religioso che papa Clemente I gli affidò la diocesi romana in seguito al suo esilio nel Chersoneso Taurico a causa delle persecuzioni cristiane degli Imperatori Domiziano e Traiano. Quello che gli studiosi si sono chiesti nel corso degli anni è se Evaristo possa venire considerato un vero e proprio papa, non un semplice vice o sostituto, dall’anno 97, quello dell’esilio di Clemente I o possa essere considerato Pontefice soltanto dall’anno 101, quando Clemente I divenne martire e morì in Crimea, una notizia dichiarata da Eusebio di Cesarea, nell’opera Storia Ecclesiastica. L’autore dichiarò anche che Clemente I dopo 9 anni di papato, quelli dall’88 al 97, trasferì la propria carica pontificia a Evaristo. Nel Liber Pontificalis viene narrato come Evaristo fu il primo ad assegnare titoli ai presbiteri cittadini, oltre ad ordinare ben 7 diaconi affinché potessero aiutarlo durante le celebrazioni religiose e liturgiche. Egli fu anche iniziatore della pratica di benedizione pubblica una volta celebrato il matrimonio con rito civile. In contraddizione con queste notizie, però, il Liber Pontificalis vede l’istituzione di Evaristo a Roma in un periodo differente e più tardivo.

Sempre nel Liber sono contenute le notizie riguardanti la morte e la sepoltura presso la tomba dell’apostolo Pietro, anche se la tradizione lo vede seppellito a Pietrasanta, in provincia di Napoli nella chiesa dedicata a Santa Maria Maggiore. Riguardo al martirio, invece, non esistono delle prove storiche ma viene citato nella tradizione religiosa. Ad oggi, papa Evaristo viene riconosciuto autore di due epistole appartenenti ai Decretali Pseudosidoriane, un complesso di falsi risalenti all’era medievale.

Clicca qui per il video della vita del Santo

Sant’Evaristo, Santo del giorno: Feste e sagre dedicate

Sant’Evaristo è patrono della piccola frazione di Giovecca di Lugo, nella provincia di Ravenna in Emilia Romagna. Nonostante il Santo venga ricordato e celebrato il 27 ottobre, la sagra e la festa in suo onore si svolge in estate tra luglio e agosto. Le celebrazioni comprendono numerosi spettacoli ma è sicuramente la rievocazione storica della giostra medievale l’evento di rilievo della sagra dedicata a Sant’Evaristo. Durante questa rievocazione dei cavalieri simulano una vera e propria sfida a cavallo esattamente come avveniva nel Medioevo. Oltre a questo evento principale, si svolge la tradizionale tombolata, alla quale chiunque può partecipare e numerosi spettacoli musicali. Non mancano ovviamente cibi e preparazioni tipiche, come piadine, tortellini, tagliatelle, oltre a specialità a base di pesce e carne e per i più golosi anche la tradizionale pizza fritta.

Giovecca di Lugo e gli altri Santi di oggi

Giovecca di Lugo, di cui Sant’Evaristo è patrono, è una piccolissima frazione di Ravenna che si trova a pochi chilometri dal comune di Lugo. Gli abitanti sono circa 380 e molti di questi sono bambini, per un totale di circa 160 famiglie. Nonostante le ridotte dimensioni, durante le celebrazioni per la Festa di Sant’Evaristo, la frazione riceve un elevato numero di visitatori provenienti dai comuni limitrofi e dalle zone della provincia. Si celebrano oggi anche: San Desiderio da Auxerre, Vescovo; San Gaudioo da Abitine, Vescovo; Sant’Otterano (o Ordan) da Iona, Monaco; San Teodoro II (o Teodulo), Vescovo di Sion; San Namazio da Clermont, Vescovo; Dan Trasea da Eumenia, Vescovo.

La vita del Santo



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori