CARMELO ZAPPULLA IN FIN DI VITA, COME STA?/ Ultime notizie, Tony Colombo: “Dai amico mio, non mollare”

- Dario D'Angelo

Carmelo Zappulla ricoverato d’urgenza: il cantante in pericolo di vita, colto da malore domenica. I medici drastici coi familiari:”Se non operiamo muore”.

carmelo zappulla 2018 twitter 640x300
Carmelo Zappulla

Sono tantissimi i messaggi di fan e colleghi per Carmelo Zappulla che è in fin di vita presso l’ospedale di Castel Volturno. L’uomo è stato operato d’urgenza, scatenando un incredibile gesto d’affetto da parte di molte persone che gli vogliono bene. Tra questi c’è Tony Colombo che su Instagram ha pubblicato una foto del collega, scrivendo: “Dai amico mio, non mollare”. Sicuramente sarà importante per Carmelo anche il sostegno delle persone nel momento più complicato della sua vita. Non è l’unico, visto che anche Lello Cantone scrive: “Per tutti puoi essere, ma Carmelo per me sei un padre. Quando ti sveglierai io sarò lì con te come un figlio“. Nelle prossime ore dovrebbero arrivare ulteriori notizie sullo stato di salute di Zappulla che speriamo si possa riprendere davvero molto in fretta dopo aver vissuto una situazione davvero molto complicata. La speranza ovviamente è che non viva delle conseguenze da questa brutta vicenda. (agg. di Matteo Fantozzi)

OPERATO D’URGENZA

E’ in fin di vita Carmelo Zappulla. Il cantante siciliano 63enne è stato operato questa notte presso l’ospedale di Castel Volturno, in provincia di Caserta, dopo un presunto infarto. A seguito dell’intervento chirurgico, l’uomo è stato sottoposto a coma farmacologico ed é tutt’ora è in rianimazione, in lotta fra la vita e la morte. I suoi fan sono preoccupati anche perché già nel 2008 Zappulla aveva subito un attacco di cuore, che lo stesso aveva comunque superato con esito positivo. Particolare la storia di Zappulla, che nasce come cantante ma che negli anni ha anche recitato e scritto una sua biografia riguardante gli anni ’90, periodo della sua latitanza. Zappulla era stato infatti accusato di essere il mandante dell’omicidio dell’amante della madre, assolto poi in via definitiva il 22 luglio del 1996. Carmelo decise di mettere nero su bianco la sua storia, scrivendo “Quel ragazzo della Giudecca”, da cui venne poi tratto un film uscito nel 2015. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

CARMELO ZAPPULLA IN FIN DI VITA

Carmelo Zappulla in pericolo di vita: il noto cantante di origini siciliane, ma ormai napoletano d’adozione, è stato ricoverato d’urgenza domenica scorsa, alle prime ore del mattino alla Clinica Pineta Grande di Castel Volturno. Zappulla sarebbe stato colto da un malore improvviso: sottoposto prontamente ad una Tac, il 63enne esponente del filone neomelodico napoletano è stato poi trasferito nel reparto di terapia intensiva. Non sono ancora state rese note le cause precise del malore che ha colpito Zappulla, ma in un primo momento da ambienti medici era filtrato che il cantante e attore fosse stato colto da un infarto, circostanza questa poi non confermata ufficialmente. Come riportato da Vesuvio Live, una seconda Tac sul paziente avrebbe reso evidente la necessità di un intervento di urgenza per scongiurare la morte dell’artista.

CARMELO ZAPPULLA, I MEDICI: “SE NON OPERIAMO MUORE”

Sono dunque ore di grande apprensione per tutti i fan di Carmelo Zappulla, il cantante ricoverato da domenica alla Clinica Pineta Grande di Castel Volturno in seguito ad un malore, forse un infarto, che ne ha reso necessario un intervento d’urgenza. Come riportato da casertace.net, i medici non avrebbero usato mezzi termini con i familiari dell’artista:”Se non lo operiamo, muore“. Queste le parole rivolte ai parenti di Zappulla dai camici bianchi, ad ulteriore conferma di una situazione molto critica. Secondo quanto riferito da Vesuvio Live, incerte sono anche la modalità e l’esito dell’operazione, che comunque si preannuncia molto lunga, dalle sei alle sette ore. Un arco di tempo nel quale si condenseranno tutte le preghiere di chi vuole bene a Carmelo Zappulla, che versa in queste ore tra la vita e la morte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA