Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Garante per la privacy boccia la fattura elettronica (17 novembre 2018)


- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: Il garante per la privacy boccia la fattura elettronica, Sventato un reato grazie al nuovo software (17 novembre 2018).

salvini governo senato lapresse 2018 640x300
Matteo Salvini (Lapresse)

Importante avvertimento del garante della privacy all’Agenzia delle Entrate, relativamente all’obbligo della fattura elettronica. Per il presidente dell’agenzia Antonello Soro il nuovo sistema non protegge alcuni dati sensibili, per questo motivo esso deve essere rivisto prima dell’entrata in vigore. Per Soro sono tante le criticità evidenziate, una delle più importanti è quella relativa alla archiviazione delle fatture sul sito dell’agenzia delle entrate. Soro esercitando un nuovo potere ha per questo chiesto chiarimenti, la richiesta è stata esercitata preventivamente, così come contemplato da un Regolamento Europeo da poco recepito. L’obbligo per la fatturazione elettronica dovrebbe scattare dal 1 gennaio 2019.

Ultime notizie, scontro sugli inceneritori in Campania

Si apre immediatamente un nuovo fronte di scontro tra il partito di Di Maio è quello di Salvini. Il terreno questa volta non è la legge di bilancio ma l’emergenza rifiuti in Campania, con i grillini che si schierano con il sindaco di Napoli Luigi De Magistris e contro il proprio alleato di governo. La miccia è l’ennesima emergenza roghi, che ha spinto il leader del Carroccio a chiedere un intervento, anche se questo prevede la costruzione di un termovalorizzatore. Nettamente contro non solo gli attivisti campani ma anche il ministro Lezzi è il presidente della Camera Fico. Entrambi gli esponenti grillini erano oggi a Napoli per impegni pregressi, ma non hanno esitato a sottolineare che la richiesta di inceneritori appartiene alla vecchia politica. Immediata la contro risposta di Salvini, che afferma che chi dice sempre no provoca indirettamente i roghi.

Ultime notizie, uccide le figlie con iniezione letale e poi si suicida

Si chiamava Marisa Charrere ed abitava a Aymavilles, un piccolo borgo a pochi chilometri da Aosta, la donna che questa notte ha ucciso le due figlie con un iniezione letale e poi si è suicidata. L’omicidio suicidio è stato scoperto dal marito della donna, una guardia forestale, una volta rientrato in casa. La donna che dalle prime indiscrezioni sembrerebbe aver lasciato due lettere, lavorava in ospedale come infermiera, l’ipotesi degli investigatori e che proprio in ospedale abbia sottratto il potassio che è servito di uccidere le bambine. I vicini interrogati dagli agenti parlano di una donna “normale” che non aveva mai dato segni di squilibrio.

Ultime notizie, sventato un reato grazie al nuovo software

È stato inventato dai poliziotti della Questura di Napoli, creato da un gruppo di ingegneri informatici e presentato pochi giorni fa a Venezia, è già arriva il primo grande successo. Si parla di un sistema informatico predittivo dei reati, un programma che analizza tutte le denunce pervenute alle centrali operative della Polizia di Stato, e indica in maniera approssimativa dove si prevede la prossima rapina. Ieri il sistema che è conosciuto con l’acronimo di X-Law, ha indicato che c’erano alte probabilità che è un reato potesse essere commesso in piena notte. La centrale operativa di Venezia ha per questo allertato le volanti inviandole nelle zone indicate dal programma. Con esattezza quasi maniacale il reato è avvenuto alle 3:45 di notte, per i poliziotti già

Ultime notizie, stasera torna in campo l’Italia

L’Italia di Roberto Mancini torna in campo stasera per la sfida di Nations League contro il Portogallo. Tra gli ospiti non ci sarà Cristiano Ronaldo che è stato per il momento risparmiato dagli impegni della nazionale. La squadra azzurra si potrà basare sulla presenza di Ciro Immobile al centro di un tridente con due calciatori rapidi e tecnici come Lorenzo Insigne e Federico Chiesa. Sono diversi i calciatori però che hanno dovuto alzare bandiera bianca con l’ultimo che è stato Alessio Romagnoli costretto a tornare a Milano per un problema muscolare. Al suo posto è stato convocato Francesco Acerbi della Lazio che avrà così un’altra opportunità per giocare con la maglia della nazionale azzurra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA