I DOWN SONO BELLI/ “Guardateci in modo un po’ diverso”: foto-ritratti sul National Geographic

- Paolo Vites

Il National Geographic edizione polacca ha preso parte alla campagna dedicata alle persone con la sindrome di Down con una serie di ritratti

Sindrome di Down
Foto da Instagram, National Geographic

Il National Geographic edizione polacca ha pubblicato una serie di fotografie per la nuova edizione della campagna “Guardateci in modo un po’ diverso” (la precedente era di due anni fa) dedicata alle persone con la sindrome di Down. Una campagna che ha il suo scopo nel dimostrare che chi è così non è né un essere inferiore o “mostruoso”, fastidioso, infelice, come normalmente si vuol far credere. E’ un dato di fatto che a partire dagli ultimi anni grazie alle ecografie prenatali sempre più neonati in cui si individua la sindrome di Down prima della nascita vengano abortiti, fino ad arrivare a casi come l’Islanda dove non ce ne sono più.

I RITRATTI DELLE PERSONE DOWN

Pulizia etnica? Guai a dirlo. Sta di fatto che la persona Down non è affatto inferiore ai cosiddetti “normali”, anzi sviluppa capacità che molti non hanno. Il fotografo polacco Marcin Zaborowski ha così realizzato una serie di splendidi ritratti: volti sereni e sorridenti, persone felici, che spezzano il tabù da sempre loro lanciato sopra. “Ho avuto il privilegio di realizzare una parte di una campagna sociale molto insolita (…) Scattare le fotografie è stato molto impegnativo (è stato il mio debutto in studio), ma sono felice soprattutto di aver avuto il privilegio di guadagnarmi il sorriso dei più piccoli per qualche ora”, ha scritto Zaborowski sul suo blog. Le foto sono visibili anche sulla pagina Instagram del National Geographic edizione polacca.



© RIPRODUZIONE RISERVATA