SCUOLA DI FURTI PER UN BIMBO DI 4 ANNI/ Torino, coppia rom lo “usava” per rubare: allontanato dai genitori

Scuola di furti per un bimbo di 4 anni: è successo a Torino dove una coppia rom “usava” il piccolo per rubare. Il Tribunale dei Minori decide di allontanarlo dai genitori

30.11.2018 - Raffaele Graziano Flore
Carabinieri (Pixabay, 2018)

Scuola di furti per un bimbo di 4 anni a Torino: è questa l’accusa a una coppia rom di Beinasco, piccolo centro nella cintura metropolitana del capoluogo piemontese, che “usavano” uno dei loro figli per compiere piccoli furti. Anche per questo motivo, l’autorità giudiziaria ha deciso l’allontanamento del piccolo, oltre che di suo fratellino di 2 anni, dai genitori per salvarli dal contesto familiare in cui stavano crescendo dal momento che non si tratterebbe del primo episodio di questo tipo. Infatti, già in passato era stata avviata la procedura di allontanamento, poi sospesa fino a quando alla madre è stato contestato un nuovo furto eseguito dal bambino: la donna si è difesa dicendo che il figlio avrebbe semplicemente messo in atto un gesto spontaneo quando, in un bar, aveva rubato il portafogli di un cliente. E sulla contestazione di aver preso il suddetto portafogli ed esserselo messo in borsa? “Era simile al mio” la labile difesa della madre che ha provato a spiegare di averlo confuso col suo.

LE DENUNCE A CARICO DELLA COPPIA

Dopo il nuovo episodio di furto, risalente allo scorso maggio e ripreso dalle telecamere di videosorveglianza dell’esercizio commerciale, il Tribunale dei Minori di Torino ha deciso di affidare il bimbo di 4 anni e suoi fratello piccolo a una comunità protetta dato che si è trattato del terzo episodio che vedeva coinvolta la coppia. Stando a quanto si apprende dalla cronaca locale, dopo che l’autorità giudiziaria ha emesso il provvedimento a seguito di ripetute segnalazioni, i Carabinieri sono intervenuti la scorsa mattina e messo forse la parola fine a quel contesto familiare in cui crescevano i due bambini: infatti, dopo i primi furti, il pm aveva deciso di allontanare i piccoli ma poi era tornato sulla sua decisione, sospesa, quando la coppia rom aveva giurato di voler collaborare beneficiando di alcune agevolazioni (tra cui una borsa lavoro per il papà) e garantendo ai figli un percorso scolastico. E invece i genitori ci sono ricascati: adesso a loro carico c’è non solo una denuncia per furto aggravato ma anche per minacce e pure lesioni personali.



© RIPRODUZIONE RISERVATA