Bologna, laser su aereo in arrivo “abbaglia” pilota EasyJet/ Ultime notizie: atterraggio regolare ma…

Bologna, laser su aereo in arrivo “abbaglia” pilota EasyJet: atterraggio regolare ma… Le ultime notizie sulla disavventura avvenuta ieri sera

10.12.2018 - Silvana Palazzo
aereo_easyjet_pixabay
Bologna, laser su aereo in arrivo “abbaglia” pilota EasyJet

Laser su aereo in arrivo: un fascio di luce verde ha disturbato ieri sera il pilota di un volo EasyJet proveniente da Londra Gatwick in atterraggio all’aeroporto Marconi di Bologna. L’episodio fortunatamente non ha pregiudicato il regolare atterraggio, ma è stato prima segnalato alla torre di controllo dello scalo e poi denunciato ai carabinieri. I militari dell’Arma hanno quindi, come riportato dall’Ansa, avviato un’inchiesta per cercare di identificare il responsabile, che probabilmente ha usato un puntatore laser. Se venisse individuato, verrebbe accusato di attentato alla sicurezza dei trasporti. Pare che quando il fascio di luce verde ha disturbato il pilota, l’aereo era già in fase di atterraggio. Stava infatti sorvolando l’abitato di San Lazzaro di Savena quando è stato raggiunto dal potente fascio di luce. Ma il pilota è riuscito comunque a proseguire, quindi l’aereo è atterrato regolarmente alle 19.40.

BOLOGNA, LASER SU AEREO IN ARRIVO “ABBAGLIA” PILOTA EASYJET

Non è il primo episodio registrato all’aeroporto Marconi di Bologna. Nel mese di novembre diversi piloti hanno segnalato alla torre di controllo di essere stati abbagliati da un fascio di luce verde in fase di atterraggio. Un’azione di disturbo che in quel caso fu messa in atto sulla verticale di piazzale Roma. Evidentemente chi si diverte a direzionare il puntatore del laser sulla cabina di pilotaggio dei velivoli in transito forse non è a conoscenza del fatto che si rischia dai 5 ai 12 anni di carcere, visto che si può prefigurare anche l’ipotesi di reato di disastro aviatorio, previsto dall’art. 423 del Codice Penale integrato anche dal successivo art. 432, cioè attentato contro la sicurezza dei trasporti. Nel 2014 un velivolo russo, carico di turisti, fu “centrato” durante l’avvicinamento all’aeroporto di Rimini. In quel caso il pilota perse quota. Non si tratta dunque solo di una bravata, visto che oltre a causare danni alla vista può danneggiare chi ha la responsabilità di pilotare un aereo con diverse persone a bordo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA