Esame avvocato 2018, seconda prova oggi/ Parere diritto penale, tracce, risultati: addio ai codici commentati

Esame Avvocato 2018, oggi la seconda prova: il parere del diritto penale, info risultati e testi delle due tracce proposte nella prova d’esame

12.12.2018, agg. alle 19:54 - Niccolò Magnani
Tentò di uccidere la ex: condannato
Immagine di repertorio (Pixabay)

Anche la seconda prova per l’esame da avvocato 2018 e relativa al parere penale è stata archiviata ed ai candidati non resta che attendere ora, con estrema trepidazione, i risultati ufficiali. Tra le tracce proposte, c’era anche quella in cui veniva chiesto di redigere parere motivato sul rapporto tra il reato di sostituzione di persona e il reato di truffa. I candidati che hanno sostenuto la seconda prova, anche quest’anno hanno potuto utilizzare i codici commentati ma, come ricorda il portale Diritto.it, dal prossimo entrerà in vigore la riforma della prova e gli aspiranti avvocati potranno solo avere a disposizione i codici cosiddetti “nudi”, ovvero senza annotazioni e approfondimenti. A partire dalla dettatura della traccia, hanno avuto sette ore di tempo per portare a termine la prova in attesa di domani, quando andrà in scena la seconda e ultima prova che consisterà nella redazione dell’atto difensivo. Questo dovrà essere strutturato e motivato sia nella parte in fatto che nella parte in diritto, prendendo le parti del proprio assistito, esattamente così come avviene nell’esercizio concreto della professione di avvocato. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

REGISTRAZIONE CERTIFICATO NASCITA

Nel giorno dell’attesa seconda prova per quanto riguarda l’Esame di Avvocato 2018, emergono nuovi dettagli in merito a una delle tracce dell’esame per i candidati, vale a dire quella relativa al parere penale: agli aspiranti avvocati infatti veniva chiesto di redigere un parere motivato a proposito del caso della registrazione di un certificato di nascita nell’evenienza in cui il figlio venga concepito all’estero e col metodo della maternità surrogata eterologa. Molti siti specializzati hanno pubblicato il testo integrale di quella che era la prima traccia, il candidato che deve assumere le vesti di legale della coppia, valutando tutte le questioni giuridiche che una simile vicenda sottintenderebbe. Il reato che in questo caso potrebbe venirsi a configurare è quello di alterazione di stato, disciplinato dall’art. 576 del Codice Penale che riguarda il caso in cui mediante la sostituzione di un neonato se ne altri lo stato civile. (agg. R. G. Flore)

LE INFO SUI RISULTATI

Si tiene oggi la seconda prova dell’Esame Avvocato 2018, la delicata e sempre particolarmente complessa (storicamente) traccia del parere di diritto penale: dopo le lunghe attese ieri per la conclusione di tutte le prime prove (parere di diritto civile) nelle varie sedi sparse in tutta Italia, nel momento in cui vi scriviamo sono ancora in corso alcune prove d’esame nelle Corti d’Appello dopo le convocazioni sono state in tarda mattinata. Anche la seconda prova ha la durata di 7 ore e vede la scelta di una delle due tracce presentate dalla Commissione per l’Esame Avvocato 2018 (che trovate qui sotto): per quanto riguarda i risultati, come sempre, bisognerà attendere la lunga fase di correzione che entro il mese di giugno 2019 giungerà sui vari portali online delle Corti d’Appello italiane. Solo in quel momento si avranno le notizie certe in merito all’ammissione o meno alla fase degli orali, che si terrà invece tra settembre e ottobre 2019 secondo calendario deciso in sede di Commissione d’Esame nei prossimi mesi. Domani invece, terzo e ultimo appuntamento con gli scritti: è prevista la redazione di un atto giudiziario (diritto privato, diritto penale, diritto amministrativo).

LA PRIMA TRACCIA

Come ogni anno occorre ricordare, è determinante riuscire ad ottenere la sufficienza in ciascuno degli elaborati scritti in modo da poter accedere agli orali previsti nei prossimi mesi. In merito a quanto emerso dalle varie pubblicazioni dei siti specializzati, eccovi la prima traccia della Seconda Prova d’esame Avvocato 2018, riguardante il delicato tema della fecondazione eterologa con gravidanza di maternità surrogata. Ecco il testo integrale: «Tizio e caia, sposati da circa, e residenti in Italia, si recano all’estero per fare ricorso alla fecondazione eterologa e portare a termine una gravidanza con surrogazione di maternità (consentita dalla legge in vigore in loco). In particolare, la tecnica cui ricorrono i coniugi prevede la formazione di un embrione in vitro con metà del patrimonio genetico del padre e l’altra metà proveniente da una donna ovodonatrice. L’embrione così generato viene impiantato nell’utero di una terza donna, maggiorenne e volontaria, che porta a termine la gravidanza. Per effetto del ricorso alle menzionate procedure, i due divengono- secondo la legge straniera- genitori di Sempronio. Al fine di ottenere la trascrizione in Italia dell’atto di nascita formato dall’ufficiale di Stato civile straniero, i coniugi compilano e presentano all’ambasciata i documenti necessari ai sensi di legge, dichiarando, in particolare che Caia è madre di Sempronio. L’ufficiale di Stato civile del comune di residenza dei coniugi registra l’atto di nascita attribuendo al neonato lo stato di figlio di Tizio e Caia. Successivamente, però, i predetti ricevono una comunicazione da parte della locale Procura della Repubblica. preoccupati per le possibili conseguenze penali delle proprie azioni, si rivolgono al proprio legale di fiducia per un consulto. Il candidato, assunte le vesti di legale di Tizio e Caia, premesso i cenni sulla punibilità in Italia del reato commesso all’estero rediga motivato parere esaminando le questioni giuridiche sottese al caso in esame».

LA SECONDA TRACCIA

In merito alla seconda traccia proposta dalla Commissione nel testo d’Esame per tutti gli aspiranti avvocato, il contenuto riguarda un ruolo di concorso di accesso alla carriera diplomatica con diverse e complesse conseguenze penali nello svolgimento di tale concorso. Ecco il testo integrale della traccia: «Tizia, insegnante di lingua inglese è sorella gemella di Caia, laureata in Giurisprudenza e funzionario amministrativo comunale, nonché aspirante alla carriera diplomatica. Caia, dovendo sostenere le prove del concorso di accesso alla carriera diplomatica e non avendo adeguate conoscenze della lingua inglese, convince la sorella a sostituirla nella relativa prova di esame, promettendole di darle i preziosi orecchini di diamanti ricevuti in eredità dalla comune nonna. Tizia, pertanto, prende parte all’esame e consegna l’elaborato scritto, esibendo il documento di identità della sorella nonchè firmando la richiesta di attestato di presenza necessario a far giustificare l’assenza da lavoro di Caia. In quelle stesse ore, Caia, però.viene coinvolta in un sinistro stradale mentre si trova alla guida della propria autovettura: i vigili urbani intervenuti redigono verbale dell’accaduto ed elevano a Caia una sanzione amministrativa. Tizia, riscontrato il superamento del concorso da parte di Caia nonché temendo di esser scoperta in considerazione di quanto risultante dal citato verbale dei vigili urbani, si rivolge al proprio legale per un consulto. Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizia rediga motivato parere illustrando quali possano essere le conseguenze penali della condotta della propria assistita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA