Donatella Grosso scomparsa/ Video, l’avvocato è una furia “Chiesta la morte presunta, storia allucinante”

Donatella Grosso scomparsa. Video, l’avvocato è una furia “Chiesta la morte presunta, storia allucinante”. Non si hanno sue notizie da 20 anni

19.12.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
Donatella Grosso, scomparsa nel 1997
Donatella Grosso (Quarto Grado)

Donatella Grosso è scomparsa da Francavilla (in Abruzzo), da quasi 20 anni, e precisamente dal novembre del 1997. Da allora la sua sparizione è rimasta avvolta nel mistero e le indagini non hanno portato ad alcun risultato: Donatella non è mai stata ritrovata, e un eventuale colpevole della sua scomparsa mai condannato. In questi (quasi) due decenni, la mamma e il papà (ora scomparso), si sono sempre battuti per ottenere giustizia e conoscere la verità, ma con il passare del tempo e con le risposte che tardavano ad arrivare, la madre, Maria Catena Melita, ha chiesto che venisse emesso il documento di morte presunta, di modo che si potessero sbrigare alcune pratiche burocratiche riguardanti ad esempio la successione del padre. Peccato però che dal 2014 ad oggi, da quando è stata effettuata richiesta al tribunale di Chieti, non sia stato fatto alcun passo avanti. Una situazione che è stata denunciata alla trasmissione di Rai Tre, Chi l’ha Visto? da parte dell’avvocato della famiglia Grosso.

DONATELLA GROSSO SCOMPARSA

Giacomo Frazzita ha spiegato, visibilmente irritato: «E’ una storia allucinante, il presidente del tribunale di Chieti non ha mai deciso dopo 4 anni sulla richiesta di morte presunta, e si è anche perso il fascicolo di Donatella, ritrovato solo qualche giorno fa a casa dello stesso presidente, ora in pensione: non la paga una negligenza di questa portata?». Quindi il legale ha proseguito con il suo sfogo: «Abbiamo dovuto creare un collegio di avvocati per sbloccare questa situazione, perchè questo magistrato insensatamente ha bloccato la dichiarazione di morte presunta, una negligenza gravissima e la magistratura dovrebbe prendere provvedimenti: il ministro provveda a fare dei controlli al tribunale di Chieti». Entro questa settimana il tribunale di Chieti dovrebbe finalmente pronunciarsi sulla richiesta di morte presunta, e chissà che tale assurda vicenda non trovi la parola fine. «Mi affido agli avvocati – ha detto la mamma di Donatella, presente in studio – io cerco ancora giustizia per mia figlia, visto che è finita in una maniera inattesa». Clicca qui per rivedere la puntata di Chi l’ha Visto?



© RIPRODUZIONE RISERVATA