Auguri di Natale 2018/ Le migliori frasi per non essere banali: messaggi ironici a parenti, colleghi e amici

Auguri di Natale 2018/ Le frasi e i migliori film: da Mamma ho perso l’aereo a Una poltrona per due, tutti i film consigliati

22.12.2018, agg. il 23.12.2018 alle 18:38 - Davide Giancristofaro Alberti
Mamma, ho riperso l'aereo: mi sono smarrito a New York
Mamma, ho riperso l'aereo: mi sono smarrito a New York, una scena del film

Mancano davvero poche ore a Natale, il momento dell’anno in cui il traffico su Whats App è più intenso che mai. Ma come rispondere ai numerosissimi auguri che riceviamo da amici e parenti senza rischiare di essere banali? Tra frasi a effetto e immagini riciclate, il consiglio è sempre uno solo: evitare di utilizzare lo stesso augurio per tutti i contatti presenti in rubrica. Cartoline e messaggi personalizzati sono sempre da preferire agli aridi auguri copia e incolla. Ma se la fantasia non è il vostro forte, Frasimania.it corre in vostro aiuto; ecco qui di seguito alcune frasi di sicuro effetto suggerite dal noto portale. Per scaldare il cuore a una persona molto cara, questa frase è l’ideale: “Le cose più belle della vita non si trovano sotto l’albero, ma nelle persone che ti stanno vicino nei momenti speciali. Buon Natale!”, mentre quella che segue è perfetta per strappare un sorriso al destinatario: “Le renne di Babbo Natale stanno volando e arrivando da te e famiglia per augurarti un Buon Natale… speriamo che non sbaglino strada!”. Non manca poi una frase ironica e un po’ ambigua da dedicare ai colleghi, ma se lo fate, assicuratevi che il vostro rapporto sia davvero idilliaco: “Buon Natale, buone feste e una serena ripresa del lavoro… il più tardi possibile!”. (Agg. di Fabiola Iuliano)

LE MIGLIORI FRASI D’AUTORE

Se qualcuno è stanco dei soliti auguri di Natale e punta a scrivere una frase ad effetto sul bigliettino, magari d’autore, eccovi alcune idee interessanti. Sono diverse le citazioni di autori e scrittori famosi sulle festività natalizie, a cominciare da quelle di Alda Merini, compianta poetessa milanese scomparsa nel 2009: «A Natale non si fanno cattivi pensieri – diceva – ma chi è solo lo vorrebbe saltare questo giorno. A tutti loro auguro di vivere un Natale in compagnia». E ancora: «A tutti voi auguro un Natale con pochi regali ma con tutti gli ideali realizzati». Uno dei maestri del Natale è senza dubbio lo scrittore Charles Dickens, colui che ha scritto l’opera natalizia probabilmente più famosa di sempre “Canto di Natale”. Ecco che cosa diceva a riguardo: «È bene tornar bambini qualche volta e non vi è miglior tempo che il Natale, allorché il suo onnipotente fondatore era egli stesso un bambino». Questo invece il pensiero amaro di Charles Bukowski, scrittore contemporaneo morto nel 1994: «È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti. Io vorrei un dicembre a luci spente e con le persone accese». Infine il pensiero di Gianni Rodari: «Non ho che auguri da regalare: di auguri ne ho tanti prendete quelli che volete, prendeteli tutti quanti». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

AUGURI DI NATALE CON I DOLCI DELLA TRADIZIONE

Qual modo migliore per fare gli auguri di Natale, se non con un gustoso dolce? Come si sa, in questo periodo dell’anno gli zuccheri in quantità esagerata sono all’ordine del giorno, visto che sono moltissimi i dolci natalizi nella tradizione italiana. Ovviamente il più noto è il panettone, prodotto ormai in tutte le sale. Si va dal classico con canditi e uvette, passando per quello liscio, quello con il cioccolato all’interno, quello con la glassa sopra (più comunemente noto come Mantovana), quindi quello con la crema e via discorrendo. Seconda posizione per un altro dolce amatissimo dagli italiani, il pandoro, anche in questo caso disponibile in mille versioni. Come dimenticarsi poi degli Struffoli, palline di pasta che sulla tavola di ogni napoletano che si rispetti non possono mancare. Altro dolce tradizionale di questo periodo è il Panforte, detto anche Pane natalizio, originario della Toscana e precisamente di Siena. Concludiamo con un altro classico, il torrone: ma occhio ai denti! (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

AUGURI DI NATALE 2018: I MESSAGGIO PER GLI INNAMORATI

Qual è la cosa più bella se non fare gli auguri di Natale alla propria amata o al proprio amato? Il 25 dicembre è ormai vicinissimo, inizieranno già da domani i primi preparativi, e anche quest’anno le festività stanno per esplodere in un lungo abbraccio di cibo, regali, divertimento, amore e gioia. Vogliamo dedicare questo spazio, come detto in apertura, ai regali per la propria fidanzata o per il proprio fidanzato. Ecco quindi alcune frasi che abbiamo pescato sul web e che potrebbero esservi utili nel caso non sapeste cosa scrivere sul bigliettino d’auguri. «Tra un regalo da scartare ed un battito del cuore, ti auguro un meraviglioso Natale mio dolcissimo amore». Oppure: «Sull’albero quest’anno ho messo le nostre foto al posto degli addobbi, semplicemente perchè il mio Natale più bello sei tu amore mio!». Se la vostra è una relazione che dura da tempo, potreste anche scrivere: «Sei il regalo più prezioso che ogni anno trovo sotto l’albero, tutto ciò che voglio, e vorrò, ricevere ancora all’infinito! Buon Natale amore mio!». Infine, per gli amanti delle rime: «Mentre ti abbraccio con ardore ti auguro un Natale pieno d’amore che porti tanta gioia nel cuore… Buone feste!». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

AUGURI DI NATALE 2018: I REGALI LAST-MINUTE

Gli auguri di Natale possono essere spesso e volentieri accompagnati da un regalo. Moltissimi gli italiani che in queste ore assalteranno i negozi per il classico acquisto dell’ultima ora: magari un parente che abbiamo scoperto ci farà il regalo, oppure, un invito last minute che obbliga a non presentarsi a casa dell’invitante a mani vuote. Milioni i ritardatari in tutta Italia, indecisi fino all’ultimo su quali regali presentare. Vi vogliamo quindi dare qualche piccolo consiglio, provando a “salvarvi la vita”. Fra i classici regali più gettonati vi sono senza dubbio i film e i libri. Regalare un blu ray, soprattutto ad un amante dei film, fa sempre piacere, così come regalare un nuovo romanzo ad un lettore. Due regali che tra l’altro sono unisex, nel senso che vanno bene per lui o per lei. Altro classicone natalizio è il profumo, anche se in questo caso bisognerebbe conoscere abbastanza bene colui o colei a cui compreremo la fragranza, visto che il profumo è una questione molto personale. Si può stare quindi su un gioiello, in particolare un bracciale, oppure un capo d’abbigliamento, magari una calda sciarpa o un bel maglione natalizio tanto in voga in questi ultimi anni. Infine un altro dei regali più gettonati, il cibo: dai cesti già confezionati, ad una bella bottiglia di vino o di liquore, passando per un pandoro o un panettone, di solito apprezzano sempre. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

AUGURI DI NATALE 2018: OCCHIO AL FILM NATALIZIO

Si avvicina sempre più il momento degli auguri di Natale. Oggi è il 22 dicembre, inizia il lunghissimo weekend che ci porterà al 25 dopo aver affrontato gli ultimi frenetici giorni dell’anti-vigilia e della vigilia. Milioni di persone in tutta Italia si ritroveranno assieme ai loro cari, attorno ad un cenone o ad un pranzo, come nella più classica delle tradizioni del Belpaese, scambiandosi vicendevolmente i regali e appunto gli auguri. Molti di noi scriveranno delle belle frasi di auguri, pensieri da dedicare ai propri cari, e nel passeranno le festività a gustarsi un bel film tutti assieme, nella maggior parte dei casi, uno dei “classiconi” natalizi. Come dimenticarsi quindi di “Mamma ho perso l’aereo”, il più famoso film natalizio della storia. Uscito nel 1991, la pellicola con protagonista il piccolo Kevin Mcallister risulta ancora oggi gradevolissima, nonostante la maggior parte degli spettatori conoscano quasi ogni battuta a memoria. Rimanendo nell’ambito dei grandi classici, spazio a Una poltrona per due”, film che ha più di 30 anni, datato 1984, interpretato in maniera egregia da Eddie Murphy, Dan Aykroyd e da una giovanissima Jamie Lee Curtis. L’appuntamento con la pellicola ambientata a New York è in prima serata su Italia 1 il giorno 24 dicembre: una tradizione, quella di Mediaset, che va avanti esattamente da 21 anni.

AUGURI DI NATALE 2018: I FILM DA VEDERE

Se invece volessimo passare la giornata di Natale gustandoci un film italiano, anche in questo caso c’è l’imbarazzo della scelta visti i moltissimi “cinepanettoni” e nel contempo le svariate commedie prodotte negli ultimi anni. “Vacanze di Natale 1983”, è uno dei più amati in tal senso, il primo storico cinepanettone mai girato, mentre se volessimo vedere un film più recente, “Indovina chi viene a Natale?”, con Claudio Bisio, Diego Abatantuono e Raul Bova, è senza dubbio gradevole, così come “Il peggior Natale della mia vita”, con Fabio De Luigi. Infine, per i più piccoli ma anche per quelli più cresciuti, qualche film di animazione, a cominciare da “Polar Express” del 2004, con la trasposizione in computer grafica del premio Oscar, Tom Hanks. Decisamente apprezzabile e per certi versi lugubre, la versione 2009 di Canto di Natale di Charles Dickens “A Christmas Carol”, in cui un Jim Carrey in 3D interpreta in maniera egregia le vicende del vecchio signor Scrooge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA