Previsioni meteo: Vigilia di Natale mite, poi ancora freddo/ Ultime notizie, Capodanno gelido sotto la neve

Previsioni meteo Vigilia, Natale e Capodanno: temperature miti, poi nuovamente il freddo fino all’ultimo dell’anno quando sono attese aria gelida e neve

24.12.2018 - Emanuela Longo
Previsioni meteo Vigilia, Natale e Capodanno
Lapresse

In molti italiani sono entrati già in modalità vacanza ma c’è ancora un’incognita: come sarà il meteo per i prossimi giorni di festa? Le previsioni per la Vigilia di Natale parlano di un clima alquanto mite grazie all’alta pressione di matrice sub tropicale che dalla Penisola Iberica si sposterà verso l’Italia portando bel tempo e temperature in aumento. Anche in presenza di nubi, spiegano gli esperti di 3BMeteo, la massa d’aria resterà particolarmente mite. Tuttavia, questa situazione avrà una breve durata dal momento che già per la giornata di domani 25 dicembre, è previsto l’arrivo dall’Europa orientale di correnti più fredde che porteranno un repentino abbassamento delle temperature. Nel dettaglio, per oggi, giorno di Vigilia di Natale, il campo dell’alta pressione si sposterà sempre di più verso est conquistando del tutto l’Italia e portando bel tempo quasi ovunque con qualche nube che potrebbe disturbare leggermente solo l’area tirrenica. Anche al Nord la tradizionale nebbia del periodo dovrebbe diramarsi portando a temperature miti su gran parte delle città: 15° a Milano, Torino e Firenze, 16° a Roma e Napoli, in aumento scendendo verso sud, con 17° a Bari e 18° a Catania. Temperature elevate sono attese anche in Montagna. A partire da questa notte però, la situazione cambierà in maniera radicale lasciando spazio all’arrivo di aria fredda dall’Europa Nord Orientale.

METEO, LE PREVISIONI PER LA VIGILIA, NATALE E CAPODANNO

La Vigilia di Natale sarà dunque caratterizzata da un clima mite che contribuirà a rendere piacevole le uscite fuori casa in vista degli ultimi acquisti da mettere sotto l’alberomete. Domani 25 dicembre, giorno di Natale, però, potremo avere un risveglio con sorpresa in seguito ad una veloce irruzione di aria fredda dall’Europa orientale che porterà sull’Italia a venti di tramontana e grecale. Di conseguenza si registrerà un sensibile crollo delle temperature dove soprattutto nelle regioni orientali sarà possibile riscontrare anche un abbassamento fino a 7° rispetto alla giornata odierna. Le massime, dunque, si attesteranno attorno ai 10° con temperature miti solo sulle Isole Maggiori e in particolare Cagliari (16°) e Palermo (15°). Ma l’ondata di aria fredda avrà una durata brevissima poichè già nei prossimi giorni, da Santo Stefano in poi, si tornerà all’alta pressione con valori in leggero rialzo rispetto al Natale anche se il freddo dovrebbe poi tornare alla fine del mese, con un Capodanno gelido con la presenza di tanta neve.



© RIPRODUZIONE RISERVATA