Spelacchio è tornato a Roma: ma ha i rami spezzati/ Foto, ironia social: “Spezzacchio!”, ma è a costo zero

Spelacchio è tornato a Roma: ma ha i rami spezzati. Dopo dodici mesi ricompare a Piazza Venezia l’albero di Natale cult: e per i social network si trasforma in “Spezzacchio”

03.12.2018 - Raffaele Graziano Flore
Il ritorno di Spelacchio a Piazza Venezia
Spelacchio torna a Roma (Twitter, 2018)

Spelacchio è tornato a Roma: l’albero di Natale protagonista dell’ironia dei social l’anno scorso nei confronti nell’amministrazione di Virginia Raggi è pronto a fare bella mostra di sé a Piazza Venezia, dove intanto è sottoposto a dei lavori di restyling in vista dell’inaugurazione ufficiale prevista il prossimo 8 dicembre. E anche questa volta, in attesa che l’operazione di maquillage all’albero diventato oramai una celebrità, tanto da essere stato meta di “pellegrinaggi” laici a base di selfie da parte pure dei turisti stranieri, qualcuno trova il modo di fare polemica: infatti, al momento l’hashtag che spopola sui social network non è più #Spelacchio ma #Spezzacchio dato che alcuni rami sono spezzati o stati rimossi per facilitarne il trasporto. Qualcuno ha preso nuovamente di mira la sindaca pentastellata ma c’è anche chi ha preferito la strada dell’ironia con una punta di nostalgia, dedicando a Spelacchio un “Ce sei mancato!” oppure altri saluti come se fossero rivolti a un vecchio amico. E intanto proprio su Twitter l’account Spelacchio è tornato attivo e promette di tornare a prendere bonariamente in giro l’abete.

LA SPONSORIZZAZIONE DI NETFLIX

Spelacchio 2, il ritorno dunque: in vista dell’inaugurazione in vista della festa dell’Immacolata Concezione in cui saranno accese le sue luci, emergono nuovi dettagli attorno all’albero di Natale più commentato sui social network e che durante le festività 2017 era diventato un vero e proprio oggetto di culto. L’operazione infatti è stata sponsorizzata da Netflix e quindi sarà totalmente a costo zero per l’amministrazione capitolina: anche stavolta l’altezza sarà di circa 20 metri e dovrebbe essere addobbato con circa 60mila luci led a basso consumo energetico e 500 sfere colorate di rosso e di argento. E pazienza per qualche ramo rotto nella parte centrale (probabile indiziato un trasporto maldestro anche se la versione ufficiale è che sono stati tagliati apposta per facilitare le operazioni) che coloro che si stanno occupando dell’allestimento hanno giurato saranno sistemati in vista dell’8 dicembre e delle festività di Natale: l’abete naturale proviene da Cittiglio, un centro in provincia di Varese e IGPDecaux, che cura il progetto per Netflix, ha fatto sapere che si tratta di un esemplare di abies nordmanniana conifera; inoltre, pare che l’albero resterà acceso per 24 ore al giorno e vi sarà un’area dedicata alle foto per i turisti, in modo che sullo sfondo compaia l’Altare della Patria.



© RIPRODUZIONE RISERVATA