Catia Martorelli scomparsa da Poggio Mirteto/ L’appello della sorella “Torna a casa” (Chi l’ha visto?)

- Davide Giancristofaro Alberti

Catia Martorelli scomparsa da Poggio Mirteto. L’appello della sorella “Torna a casa che i tuoi figli ti aspettano” (Chi l’ha visto?)

Catia Martorelli, scomparsa di casa
Catia Martorelli (Chi l'ha visto?)

Catia Martorelli è scomparsa da Poggio Mirteto, in provincia di Rieti, nella giornata di ieri. La 38enne, madre di tre figli, è uscita di casa la mattina presto del 4 dicembre, e non ha più fatto ritorno. La famiglia è in apprensione, a cominciare dalla sorella della donna, Fabiana, che si è rivolta alla trasmissione di Rai Tre, Chi l’ha visto? Per diramare il suo appello: «Mia sorella è scomparsa ieri mattina verso le 5, indossa un piumino lungo beige chiaro, ghiaccio. Ha un tatuaggio sul bracco destro, le iniziali dei figli (s, m, f), con una rosa. Ha molto spesso gli occhiali da sole». Difficile capire come mai questa donna, apparentemente dalla vita normale, abbia deciso di allontanarsi da casa, anche se la sorella parla di un carattere un po’ fragile: «Lei forse si è sentita insicura – racconta – ha “mandato giù, ha mandato giù”, e poi se ne è andata». La ragazza è alta un metro e 68 centimetri, ha i capelli biondi, e potrebbe aver preso un treno verso Roma e poi una metro.

CATIA MARTORELLI SCOMPARSA

Con se ha portato i documenti, una borsa di paglia di medie dimensioni, e anche dei soldi. Come racconta la sorella Fabiana alla Rai, la scomparsa della donna di Poggio Mirteto è stata già denunciata ai carabinieri, che la stanno cercando non soltanto in Italia ma anche fuori dai confini nazionali, visto che non si è esclude che possa aver preso un aereo o un treno per trasferirsi all’estero. Anche l’ex compagno la sta cercando: «Siamo andati al mare, a Fregene – spiega Fabiana – e anche al centro commerciale dove doveva dirigersi». Quindi l’appello finale: «Qui non c’è nessuno che ce l’ha con lei, ha tre figli che l’aspettano a casa, deve stare tranquilla e che tornasse che ci sono i bimbi, soprattutto quello piccolo, che la cercano».







© RIPRODUZIONE RISERVATA