Abusi su bambine di 10 anni durante ripetizioni/ Caserta, 55enne arrestato: le violenze nella sua abitazione

Abusi su bambine di 10 anni durante ripetizioni: arrestato 55enne di Caserta, disposti i domiciliari. Le violenze avvennero nel 2015 nella sua abitazione

07.12.2018 - Emanuela Longo
Schiaffi e morsi ai bimbi: maestro arrestato
Papà picchia figlia di 5 anni e le spezza una gamba (Pixabay)

Un caso di abusi sessuali su delle bambine di età inferiore ai 10 anni, commessi da un uomo di 55 anni di Piedimonte Matese, in provincia di Caserta. Il presunto pedofilo avrebbe agito nel 2015 ma solo oggi, a distanza di oltre tre anni, giunge la notizia del suo arresto. Stando a quanto reso noto dalla versione online di Repubblica, nei confronti dell’uomo sono stati disposti i domiciliari con l’accusa di violenza e atti sessuali su minore. Le piccole vittime ancora minorenni, sarebbero tutte figlie di amici che il 55enne era solito frequentare con una certa costanza. Sul caso vige al momento il massimo riserbo anche alla luce della giovanissima età delle bambine coinvolte. Nonostante siano passati numerosi anni dall’inizio degli abusi alle bambine, il fatto è venuto alla luce solo di recente in seguito alla denuncia presentata dai genitori della piccole vittime.

ABUSI SU BAMBINE: LA DENUNCIA DEI GENITORI

I familiari della bambine che nel 2015 avrebbero subito abusi dal 55enne hanno trovato il coraggio di presentarsi presso la stazione dei carabinieri di Piedimonente e sporgere denuncia. Dalla loro segnalazione è così partita la doverosa indagine coordinata dalla procura di Santa Maria Capua Vetere e condotta da Maria Antonietta Troncone, la quale avrebbe fatto emergere il contesto nel quale si sarebbero verificate le violenze a scapito delle piccole. Utili ai fini dell’inchiesta anche le testimonianze delle stesse bambine che hanno raccontato di essersi spesso recate a casa dell’uomo per fare i compiti. Alle minorenni infatti il 55enne dava delle ripetizioni e proprio durante lo svolgimento dei compiti scolastici sarebbero avvenuti i numerosi abusi che hanno portato alla misura dei domiciliari ordinata dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA