Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: busta con polvere bianca, ricoverata Vanessa nuora di Trump (12 febbraio)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: Usa, polvere bianca in busta; ricoverata Vanessa nuora di Donald Trump. Cambia questore a Macerata. Caos rimborsi M5s (12 febbraio 2018).

vanessa_trump_donaldjr_nuora_presidente_usa_twitter_2018
Ultime Notizie, cambia questore a Macerata dopo manifestazioni - La Presse

USA, RICOVERATA VANESSA TRUMP NUORA DEL PRESIDENTE

Mistero negli Usa: Vanessa Trump, la nuora del presidente e moglie di Donald Jr, è stata ricoverata d’urgenza in ospedale a Manhattan. Il motivo inquieta, visto che ha aperto una lettera indirizzata al marito e vi ha trovato dentro della polvere bianca. La 40enne madre di cinque bambini, ed ex attrice televisiva, aveva accanto in quel momento due assistenti che subito le hanno allontanato la busta con la polvere sospetta: chiamate le forze dell’ordine che hanno immediatamente decontaminato le tre persone (che stanno bene, al momento). A quel punto è stato deciso comunque di fare ricoverare Vanessa Trump e i due assistenti in ospedale onde evitare problemi eventuali dal contatto con quella sostanza: come spiega il Corriere della Sera, «Vanessa ha chiamato il 911 quando ha cominciato a tossire. La nuora del presidente ha detto anche di sentirsi venir meno». Ricordiamo che Donald Jr è il primogenito del presidente ed è sposato con Vanessa dallo scorso 2005. (agg. di Niccolò Magnani)

MACERATA, VIA IL QUESTORE DOPO GLI SCONTRI DI SABATO

Secondo la Questura di Macerata il cambio al vertice è un normale avvicendamento istituzionale che doveva già avvenire; secondo i retroscenisti, la decisione arrivata oggi di sostituire il questore maceratese Vincenzo Vuono con il magistrato che viene da Roma, Antonio Pignataro, potrebbe centrare eccome con gli scontri nelle manifestazioni antifasciste e antirazziste avvenute sabato scorso, una settimana dopo la folle sparatoria di Luca Traini in quel di Macerata. Quella manifestazione prima era stata negata, su suggerimento del sindaco, poi però è stata autorizzata e non sono mancate polemiche visto poi come si sono svolte le operazioni, tra feriti e arresti per scontri. Il Dipartimento di Pubblica Sicurezza ha emesso una nota in cui spiega che «il passaggio di testimone al vertice della questura maceratese è un “normale avvicendamento di incarichi” e che si inserisce in un più ampio movimento di dirigenti e prefetti. Vuono rientrerà al Dipartimento con l’incarico di studio, ricerca e analisi, mentre Antonio Pignataro lascerà l’incarico di direttore del servizio II della Direzione centrale servizio antidroga». (agg. di Niccolò Magnani)

DI MAIO, “GAME OVER AL CANDIDATO MASSONE”

Luigi Di Maio prova a chiudere la polemica cercando di “cacciare” il candidato campano Catello Vitiello dopo aver scoperto, assieme a tutta Italia, la provenienza massone del candidato nella stessa regione del leader politico. «Per quanto ci riguarda è una persona che non ci aveva detto di far parte di una loggia massonica e per questa ragione non può stare nel movimento. Gli abbiamo inibito l’utilizzo del simbolo e quindi per lui è game over», spiega Di Maio durante un incontro di campagna elettorale a Napoli poche ore fa. Non solo, prova a chiudere la porta anche agli altri due candidati accusati di aver tarocco i rimborsi elettorali per intascarsi cifre altissime: «quelle persone come Cecconi e Martelli le ho già messe fuori, per gli altri stiamo facendo tutte le verifiche che servono ma siamo orgogliosi di quello che è il Movimento. Non sarà qualche mela marcia ad inficiare questa iniziativa che facciamo solo noi e come sanno gli italiani da noi le mele marce si puniscono sempre. La notizia in un paese normale è che M5S ha restituito 23 milioni e 100mila euro di stipendi e questo è certificato da tutti quanti e ci sono 7mila imprese in Italia che lo testimoniano perché quei soldi hanno fatto partire 7mila imprese e 14mila posti di lavoro». La polemica, insomma, continua.. (agg. di Niccolò Magnani)

M5S, SCANDALO RIMBORSI E MASSONERIA

Nelle ultime ore la situazione del Movimento 5 Stelle in campagna elettorale è attraversata da una bufera mediatica e non che rischia di far perdere non pochi punti nei consensi a meno di un mese dalle Elezioni. In primis il caso dei rimborsi non restituiti – si tratta di cifre da capogiro, che raggiungono quasi il milione di euro – dei candidati Cecconi e Martelli, “braccati” dal servizio delle Iene (non andato in onda per la par condicio); poi il caso Vitiello, il candidato campano che rivendica con forza la propria passata affiliazione alla massoneria. Fiano, Pd, attacca duramente e scrive su Facebook quello che in tanti – anche nella base elettorale del M5s – sospettano da tempo, «Cosa vi è di così imbarazzante nel servizi delle Iene per i 5 Stelle? Quale inconfessabili motivi ne impediscono la messa in onda? L’imbarazzo dei grillini senza Grillo per il sistema dei rimborsi non sarà perché magari tanto danno, solo poi per riprendere tutto o quasi con un accorto gioco di rimborsi?». Di Maio è infuriato e vorrebbe risolvere in poco tempo il triplice caso che rischia di mandare all’aria la campagna elettorale, e le promesse di Governo, di “totale trasparenza”. Situazione delicata e prossime ore forse decisive per capire le sorti dei tre grillini “imputati”. (agg. di Niccolò Magnani)

INCIDENTE AEREO IN RUSSIA

Un grave incidente aereo è accaduto in Russia, dove un aereo della Saratov Airlines è precipitato immediatamente dopo il decollo dall’aeroporto internazionale di Mosca Domodedovo. Nessun superstite tra le 71 persone presenti a bordo, 65 passeggeri e sei membri dell’equipaggio. Ancora fitto mistero sulle cause della tragedia, i soccorsi immediatamente intervenuti hanno recintato la zona, e gli esperti stanno cercando di capire se l’aereo sia precipitato per un guasto, un errore umano o un atto esterno. Il veicolo era un Antonov An-148 con quasi otto anni di vita, un’anzianità ritenuta del tutto accettabile tra i veicoli del genere. Il volo era diretto a Orsk, una zona al confine con il Kazakhstan. Immediata la presa di posizione del presidente russo Putin, che ha istituito una commissione speciale per indagare sulle cause della tragedia.

INDAGATO PER OMICIDIO COLPOSO UN GIOIELLIERE NAPOLETANO

Una rapina che si è conclusa tragicamente e che adesso vede quella che doveva essere la vittima indagata per omicidio colposo. Tutto è avvenuto quando quattro banditi hanno assaltato una gioielleria ubicata al centro di Frattamaggiore, un popoloso centro alle porte di Napoli. Accortosi del colpo il proprietario dell’esercizio, di cui non sono state rese note le generalità, e che si trovava fuori dalla gioielleria è accorso. Estratta una pistola regolarmente detenuta ha sparato dopo essere stato minacciato colpendo un rapinatore che è morto poco dopo. Nel frattempo un ispettore di polizia accorso sul posto ha provveduto a disarmare e arrestare un secondo rapinatore, gli altri due si sono dati invece alla fuga. L’iscrizione nel registro degli indagati del gioielliere è avvenuta questa mattina, ed è stata definita dal Procuratore di Napoli Nord un “atto dovuto”.

SERIE A, VINCONO TUTTE LE BIG

Continua ad essere appassionante la lotta nel massimo campionato di serie A, dopo la vittoria Venerdì della Juventus contro la Fiorentina, ieri pronta risposta del Napoli di Sarri che ha “asfaltato” per 4 a 1 una delle miglior squadre del campionato: la Lazio di Simone Inzaghi. Oggi vittoria anche per l’Inter che finalmente ha ritrovato i tre punti in una contestatissima partita contro il Bologna, con i rossoblù che hanno chiuso in nove. Chiude la giornata il posticipo Roma–Benevento, con la squadra capitolina che va sotto subito per il gol di Guillherme, ma poi riesce a recuperare e alla fine vince 5-2 con Cengiz Under che è stato grandissimo protagonista.

PER LA JUVENTUS È GIÀ VIGILIA, DOMANI TORNA LA CHAMPIONS LEAGUE

Per la Juventus è già vigilia di Champions League, domani i bianconeri tornano in campo per giocare l’andata degli ottavi di finale di Champions League tra le mura amiche dell’Allianz Arena. I bianconeri sono attesi da una sfida molto importante contro un avversario da non sottovalutare come il Tottenham di Mauricio Pochettino che conta su campioni come Eriksen e Kane. La Juventus dovrà fare a meno ancora di Juan Cuadrado e Blaise Matuidi oltre a Paulo Dybala che sembra pronto ma non per partire titolare. Probabile quindi che davanti vedremo Mario Mandzukic, Gonzalo Higuain e Douglas Costa con invece Federico Bernardeschi che partirà dalla panchina. Si giocherà un’altra partita interessante domani per gli ottavi della competizione, Basilea-Manchester City.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori