ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora: scandalo Oxfam, accusato n.1 Goldring. Sapeva delle molestie (13 febbraio)

- Fabio Belli

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: scandalo Oxfam, accuse al n.1 Goldring. Roma, clochard 75enne violentata a Esquilino. Scandalo rimborsi nel Movimento 5 Stelle. (13 febbraio 2018)

oxfam_scandalo_haiti_ong_lapresse_2018
Lapresse

SCANDALO OXFAM, ACCUSE AL N.1 GOLDRING

Si chiama Mark Goldring ed è il responsabile della Ong Oxfam da qualche giorno nella piena bufera per le orge e lo sfruttamento della prostituzione con baby minorenni ad Haiti, mentre i dipendenti avrebbero dovuto assistere la popolazione locale dopo il terribile terremoto del 2010. Il caso “festini a luci rosse” aveva visto ieri le dimissioni della vicepresidente Penny Lawrence – «non posso sopportare di avere avvallato un comportamento non trasparente sulla vicenda dei funzionari colpevoli di quelle oscenità» – e oggi invece vede il n.1 sotto la gogna mediatica in Inghilterra. L’accusa è quella consueta, con l’amministratore delegato che avrebbe saputo delle molestie compiute da alcuni suoi dipendenti ad Haiti ma avrebbe cercato di insabbiare il caso per evitare scandali. La soffiata di una ex-dipendente rivelata al Times questa mattina narra di Mark Goldring che «era a conoscenza della segnalazione del caso di una donna costretta a fare sesso per ricevere aiuti ma non fece niente per intervenire». L’ex dirigente ha attaccato il n.1 spiegando ai media Uk che Goldring avrebbe cancellato più volte le riunioni richieste per trattare i diversi casi spinosi: «Fra gli incidenti riportati da Evans c’erano una volontaria stuprata da un collega della Oxfam in Sudan e un tentativo di abuso nei confronti di un commesso in uno dei tanti negozi di beneficenza dell’organizzazione in Gran Bretagna», riporta l’Ansa. (agg. di Niccolò Magnani)

ROMA, ESQUILINO: 75ENNE CLOCHARD STUPRATA

Una donna di 75 anni è stata violentata ieri sera sotto i portici di piazza Vittorio all’Esquilino da un cittadino senegalese di 31 anni. La signora, una clochard tedesca solita stanziare in quella zona, stava dormendo all’angolo con via Carlo Alberto quando si è svegliata ritrovandosi con i pantaloni abbassati e lo stupratore alle sue spalle. Le sue urla hanno destato l’attenzione di due turisti di passaggio, che hanno allertato i carabinieri della Stazione Roma Piazza Dante, in transito di pattuglia, che hanno inseguito e arrestato il senegalese che stava tentando di darsi alla fuga. La donna, come riferisce La Repubblica, per il momento si trova ora nella caserma di via Tasso, dove viene rifocillata dai Carabinieri in attesa di una sistemazione. Lo stupratore, invece, è stato accusato di violenza sessuale e condotto nel carcere di Regina Coeli. (agg. di Dario D’Angelo) CLICCA QUI PER LA NOTIZIA APPROFONDITA

RENZI VS DI MAIO, “È COME CRAXI”

Matteo Renzi alla riscossa: dopo il caso “rimborsopoli” del Movimento 5 Stelle che sta mettendo in seria difficoltà Luigi Di Maio e l’intera base grillina, il segretario del Pd sia ieri a Otto e Mezzo che questa mattina a Non Stop News su Rtl 102.5 affonda il colpo per provare a recupera qualche voto. «La riduzione dei vari Dessì, Cecconi, Martelli, Vitiello a “mele marce” da parte di Di Maio? Altro che mele, ha un negozio di ortofrutta piuttosto. Ricorda Bettino Craxi con Mario Chiesa che era un “mariuolo”», attacca l’ex premier. Il caso rimborsi falsi impressiona, continua Renzi, non tanto per la questione in sé – restano infatti dei rimborsi non restituiti, allo Stato non hanno rubato nulla (fino a prova contraria) – ma per la “lezioncina” di morale e trasparenza massima che i 5Stelle vogliono insegnare a tutti. «L’affaire dei rimborsi è una «truffa acclarata messa in atto da moralizzatori senza morale che hanno “pontificato” sui comportamenti altrui che adesso restano in lista e, al contrario di quello che dice Luigi Di Maio, non potranno essere allontanati. Quindi, gli elettori se li ritroveranno sulla scheda il 4 marzo alle elezioni politiche». Il problema poi resta sui candidati, visto che Di Maio li può “squalificare” dal M5s i candidati “scrocconi” ma restano nelle liste per legge, dunque «se un cittadino vota 5Stelle contribuisce a eleggere un truffatore o uno scroccone, come li chiamano loro», conclude Renzi. (agg. di Niccolò Magnani) CLICCA QUI PER LA NOTIZIA APPROFONDITA

SCANDALO RIMBORSI NEL MOVIMENTO 5 STELLE

Mancano all’appello oltre un milione di euro in quelli che dovevano essere i rimborsi dei parlamentari cinque stelle dell’ultima legislatura, ma che in alcuni casi non sono stati per nulla rimborsati. La cifra è emersa dopo un indagine del programma televisivo “Le Iene” e immediatamente ha fatto scalpore, non tanto per la sua rilevanza quanto per i tentativi di giustificazione dei vertici del movimento. Lo stessoDI Maio parla di “mele marce”, l’opposizione interna invece si scaglia contro quello che immediatamente viene chiamato il “finto moralismo grillino”. In tale contesto spicca l’accusa di Pizzarotti, il sindaco di Parma rieletto in una lista civica dopo l’esautorazione da parte dei vertici del movimento ci va giù pesante, parlando di “rendicontazione a senso unico”, usata solamente contro i nemici per giustificare gli allontanamenti coattivi.

IL WEB SI STRINGE INTORNO A NADIA TOFFA

È bastato l’annuncio di una delle Iene più famosa di sempre, annuncio con la quale comunicava di essere ammalata di tumore, perché l’intera Italia si stringesse a Nadia Toffa. La Toffa che già alla fine dello scorso anno aveva catalizzato l’attenzione degli internauti dopo il malore che l’aveva colpita a Trieste, nell’ultima puntata della trasmissione delle reti Mediaset ha annunciato di essere ammalata di carcinoma. Nadia non ha nascosto di aver “passato momenti difficili”, per fortuna superati e ha confessato di andare davanti alle telecamere con una parrucca. Immediate le manifestazioni di stima, sulla pagina social dell’inviata apparsi infatti migliaia di messaggi di incoraggiamento, tra di essi spiccano quelli di Giorgia, Noemi e finanche di Renzi, con il leader del PD che ringrazia la Toffa per la “bellissima lezione di coraggio” che ha fornito agli italiani.

MACERATA, RIMOSSO IL QUESTORE

Cadono le prime teste a Macerata la cittadina marchigiana da qualche settimana epicentro delle cronache giudiziarie. Oggi il questore della città, Vincenzo Vuono, è stato trasferito ad altro incarico, e per quanto i vertici della polizia parlano di “normale avvicendamento” pochi sono i dubbi che l’alto funzionario abbia pagato lo scotto della situazione che si sta vivendo in città. A posto suo è stato immediatamente inviato Antonio Pignataro proveniente dalla DIA. Intanto sul fronte delle indagini relativamente all’uccisione di Pamela Mastropietro entra tra gli indagati un quarto cittadino nigeriano. L’uomo di cui non sono state rese note le generalità si sarebbe adoperato in concorso con gli atri tre connazionali e pulire il luogo del delitto, prendendo parte forse anche al “sezionamento” del cadavere della povera ragazza.

VICEPRESIDE PICCHIATO DAI GENITORI A FOGGIA

È avvenuto questa volta a Foggia l’ennesimo atto di violenza contro un professore. A farne le spese il vice preside dell’istituto secondario Murialdò, Pasquale Diana, colpito a calci e pugni dal genitore di un ragazzo rimproverato il giorno prima. L’aggressione che è stata subita sabato scorso è stata infatti causata dal rimprovero che Diana aveva fatto su un ragazzo definito “problematico”, mentre nelle sue funzioni di vigilanza aveva notato il giovane spingere alcuni compagni di classe. Dopo i pugni il professore si è recato nel locale nosocomio, dove gli sono stati diagnosticati diversi ematomi guaribili in 30 giorni. Il padre dell’alunno è stato denunciato per lesioni dolose.

SERIE A, LA CARICA DEI 20ENNI

L’ultimo turno del campionato di serie A ha confermato il grande momento dei 20enni che si stanno mettendo in mostra con le grandi squadre. Se Patrick Cutrone era già tra i nomi nuovi già messi in mostra dalle precedenti partite, a lui si aggiungono altri due ventenni, Karamoh, ivoriano dell’Inter, e Under, turco della Roma, Tutti giocano in attacco e Cutrone ha già messo a segno ben 12 reti in questa stagione scalzando i due titolari Kalinic e Andrè Silva, con Gattuso che si fida molto di lui e del suo fiuto sottoporta che ha portato qualcuno ad avvicinarlo al quel famoso “rapinatore di goal” che era Pippo Inzaghi. Per gli altri due un minor numero di reti, ma ad esempio Karamoh ha scalzato dal posto di titolare uno come Candreva e adesso potrebbe approfittare anche dell’infortunio di Perisic, mentre Under, seppure contro l’ultima in classifica, il Benevento, è stato grande protagonista con il suo ambidestrismo e con un assist a Dzeko oltre a due reti messe a segno personalmente.

LA JUVENTUS PUNTA SU FEDERICO BERNARDESCHI

L’ex viola venerdì sera ha confermato il suo buon momento sul terreno del suo ex stadio, il Franchi, mettendo a segno la prima rete dei bianconeri, su calcio di punizione che si era procurato, mostrando di non sentire assolutamente i fischi di tutto lo stadio che hanno accompagnato tutti i suoi tocchi di palla. Bernardeschi, che fa già parte del gruppo azzurro, sta confermando settimana dopo settimana la sua integrazione nel gruppo juventino e da qui a fine stagione dovrebbe essere maggiormente impiegato dal suo allenatore.

TORNA LA CHAMPIONS LEAGUE

Stasera i riflettori dell’Allianz Arena di Torino tornano ad accendersi per la Champions League con l’andata degli ottavi di finale che vede la Juventus ospitare il Tottenham di Pochettino. Nella formazione britannica il più temuto è il centravanti, Harry Kane, che ha segnato anche nell’ultimo turno di Premier League nel derby vinto contro l’Arsenal. Per lui pronta la guardia attenta di Chiellini, che sarà uno dei difensori della linea a 4 della Juventus nel 4-3-3 predisposto da Max Allegri. Nelle file dei bianconeri ancora assenti diversi infortunati tra i quali Barzagli e Cuadrado, mentre Dybala nell’allenamento di lunedì è tornato in campo ma non sarà convocato per la gara di domani sera.

EUROPA LEAGUE, GIOVEDì TOCCA AL NAPOLI

Come la Juventus anche il Napoli nel corso della settimana deve far fronte agli impegni europei. Per la formazione di Sarri ci sarà lo scontro con il Lipsia, al San Paolo. Entrambe le squadre avevano iniziato la loro stagione in Champions League e sono poi retrocesse nella seconda coppa in ordine di importanza. Per l’allenatore napoletano un’altra tegola che riguarda la difesa con l’infortunio muscolare che ha fermato Chiriches. Nel Napoli si prevede un ampio turnover per prediligere la formazione titolare negli scontri di campionato.

MOTOCROSS, ANCORA UN SUCCESSO PER TONY CAIROLI

Nella specialità del motocross, in attesa dell’inizio del mondiale, si stanno susseguendo le prove che fanno parte della manifestazione “Internazionali d’Italia”. Dopo aver vinto nella prima tappa che si è disputata in Sardegna, Cairoli, campione mondiale in carica, domenica si è aggiudicato anche la seconda tappa, che si è disputata sulla pista siciliana di Noto. Ora si attende la terza ed ultima tappa, in programma a Mantova.

NEL BASKET E’ IL MOMENTO DELLA COPPA ITALIA

Fermo il campionato di serie A, le migliori 8 formazioni al termine del girone d’andata si ritroveranno da giovedì a domenica prossima a Firenze, dove al Mandela Forum vanno in onda le “Final Eight” che assegnano la Coppa Italia. Quattro giorni di partite intense, con una manifestazione che negli anni ha sempre dato luogo a sorprese collegate alla partita secca che permette il passaggio al turno successivo. Madrina di questa edizione la grande lunghista Fiona May.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori