Lecco, valanga sulla Grignetta travolge due alpinisti/ Ultime notizie video: la ricostruzione della tragedia

- Niccolò Magnani

Lecco, valanga sulla Grignetta in Valsassina: video, ultime notizie e aggiornamenti. Trovati morti due alpinisti vicino a Primaluna, recuperato il terzo: era vivo sotto la slavina

valanga_neve_meteo_vallelunga_alto_adige_soccorso_elicottero_montagna_twitter_2018
Alto Adige, valanga sul Gran Zebrù travolge alpinisti

Una valanga ha travolto e ucciso due tecnici del Soccorso alpino nel primo pomeriggio di oggi. Stavano risalendo la Grignetta quando è avvenuta la tragedia. Le vittime, Ezio Artusi e Giovanni Giarletta, stavano percorrendo il Canale Sasso Incastrato, versante est della Grigna Meridionale si trovavano a circa 1.800 metri di quota. Erano quasi usciti dal canalone quando una slavina di ghiaccio, neve, sassi e terra è piombata loro addosso trascinandoli duecento metri più in basso. La valanga, stando a quanto riportato da Il Giorno, sarebbe stata provocata da un innalzamento delle temperature e dal sole a picco che ha scaldato il manto gelato provocando l’improvviso cedimento. “Ho provato a telefonare, ma i loro cellulari squillavano a vuoto. Ho avuto come una brutta sensazione, quasi un presagio e ho chiesto che venisse effettuata una ricognizione aerea in elicottero… Purtroppo la premonizione si è rivelata vera”, ha dichiarato Giuseppe Rocchi, capostazione del Soccorso alpino di Lecco. (agg. di Silvana Palazzo)

“INTERO CORPO PIANGE I NOSTRI AMICI”

Una tragedia immane, quella avvenuta oggi in alta quota a causa di una valanga che si è staccata sulla Grignetta, in provincia di Lecco, travolgendo ed uccidendo due alpinisti. Si tratta di Ezio Artusi e Giovanni Giarletta, rispettivamente 46enne di Introbio e 37enne di Lecco, come riporta Askanews entrambi in forza da anni al Servizio Alpino lombardo e con alle spalle numerosi interventi di soccorso. I due sono stati travolti mentre erano impegnati in una escursione personale. In una nota il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico “si stringe con forza alle famiglie e agli amici dei nostri due uomini che hanno perso la vita oggi sulla Grignetta”. Qui “una placca insidiosa di neve” li ha colpi alla sprovvista uccidendoli. “L’intero Corpo piange questi due nostri amici”, si legge ancora nella nota. Un destino alquanto beffardo per Giarletta da poco rientrato in Italia dopo aver compiuto una grande impresa alpinistica. Come riporta Gazzetta.it, insieme ad altri due esperti aveva salito in tre giorni, con bivacco a 30 metri dalla vetta, il mitico Cerro Torre ripetendo la via dei Ragni. Una grande impresa per un alpinista la cui sorte non è stata però così clemente. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

MORTI 2 ALPINISTI, SALVO IL TERZO

Due sono morti, un terzo è stato da poco recuperato e verrà portato dall’elicottero nell’ospedale più vicino: avviene tutto in provincia di Lecco dopo che la valanga staccatasi dalla Grignetta ha provocato l’ennesima tragedia mortale in montagna di questo inverno. Le vittime rimaste senza vita sotto la slavina improvvisamente staccata dalla piccola Grigna nella Valsassina sono Giovanni Giarletta, 37 anni residente a  Lecco, vice capostazione della diciannovesima delegazione lariana  e Giovanni Artusi, 46 anni di Introbio. Sono morti nel percorso che hanno fatto migliaia di volte: erano due alpinisti molto esperti ma la valanga li ha sorpresi questa volta in maniera fatale: non si conoscono le condizioni fisiche del terzo alpinista che li accompagnava, ma è stato da poco recuperato vivo dal Soccorso Alpino e per lui si spera il meglio dopo le ultime ore critiche passate sotto la slavina nel canalone del Sasso Incastrato, sul versante valsassinese della montagna. Non è chiaro neanche l’identità del terzo escursionista: l’unica cosa che sappiamo, perché lo scrive Il Giornale di Lecco, è che a far partire la macchina dei soccorsi è stato Manuele Panzeri, altri alpinista esperto che si trovava anche lui sulla Grignetta. Se fosse lui il terzo travolto dalla valanga, al momento, non è dato saperlo.

ALPINISTI ESPERTI CHE TORNAVANO DA UN’IMPRESA

Giarrletta era da poco rientrato dopo una clamorosa e storica impresa: aveva infatti compiuto assieme a Panzeri la scalata del Cerro Torre, dall’altra parte del mondo in Patagonia. Sono tornati lunedì scorso e oggi almeno due dei tre alpinisti che avevano partecipata alla storica impresa in Argentina avevano organizzato una gita molto più modesta sulla Grignetta, dove migliaia di altre volte avevano utilizzato come “allenamento”. Come riporta la Provincia di Lecco, «Sono arrivate attorno alle 18 al Bione di Lecco, sede della centrale operativa della XIX Delegazione del  Soccorso Alpino le salme delle due vittime recuperate sul luogo della valanga», come si può vedere nel video diffuso su YouTube qui sotto. Secondo quanto scoperto da Tg Com24, i tre esperti escursionisti sarebbero stati travolti dalla valanga staccatasi all’improvviso sul versante della Grignetta (2.177 metri) vicino al comune di Primaluna. «Stando alle prime informazioni, stavano tentando un’ascensione ma sarebbero rimasti intrappolati in un canalone quando la neve si è staccata», conclude il Corriere della Sera nell’ultimo aggiornamento pochi istanti fa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori