Ultime notizie/ Di oggi ultim’ora Lecco: valanga Grignetta, morti 2 alpinisti. Si cerca il terzo (16 febbraio)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, 16 febbraio 2018, ultim’ora: Bologna, esplosione in un palazzo, un morto. Lecco, valanga sulla Grignetta, morti due alpinisti. Si cerca il terzo

valanga_slavina_montagna_alpinisti_elicottero_soccorso_lapresse_2018
Immagine di repertorio

VALANGA SULLA GRIGNETTA (LECCO): MORTI 2 ALPINISTI

Il bilancio è purtroppo ancora provvisorio per quanto riguarda le ultime notizie che arrivano da Lecco: una valanga è caduta sulla Grignetta e ha sorpreso tre escursionisti che stavano salendo il monte lombardo. La slavina si è originata dopo il distacco di alcuni massi sulla montagna del gruppo delle Grigne e avrebbe travolto tre alpinisti. Secondo il Corriere della Sera al momento due sono morti e il terzo invece è ricercato dal 118 tramite elicottero e personale del Soccorso Alpino alla disperata ricerca del suo corpo per potergli salvare la vita. Al momento le notizie sono frammentarie confermano anche dalla Provincia di Lecco, comprensibile vista la concitazione del momento; sul posto ci sono squadre dei Vigili del fuoco di Lecco e del Soccorso Alpino, delegazione della Valsassina, con il nucleo cinofilo specializzato nella ricerca di persone intrappolate sotto la neve. Secondo le prime notizie filtrate, di due escursionisti sarebbero rimasti tragicamente intrappolato in un canalone dopo il forte distacco della neve mentre il destino del terzo alpinista è ancora ignoto ed in fase di recupero. (agg. di Niccolò Magnani) CLICCA QUI PER LA NOTIZIA APPROFONDITA

BOLOGNA, ESPLOSIONE IN UN PALAZZO: UNA VITTIMA

Un’esplosione è avvenuta oggi, poco dopo le 13, alla periferia di Bologna. Non sono ancora note le cause, peraltro ancora da accertare al momento, dello scoppio verificatosi nelle cantine di una palazzina in via Pietro Canonici, zona San Ruffillo, ma sarebbe stata esclusa la fuga di gas. L’esplosione ha provocato un boato che è stato udito anche a distanza. Sul posto sono intervenuti 118, Vigili del Fuoco e Carabinieri. Secondo le prime informazioni, riportate dal Corriere della Sera, ci sarebbe una vittima. Una persona, un uomo italiano di 59 anni, sarebbe morto in seguito all’esplosione. Pare che stesse lavorando nei locali seminterrati del palazzo forse con alcuni flaconi di solvente. Un vicino ha lanciato l’allarme appena ha avvertito lo scoppio, ma non è stato possibile salvare la vita all’uomo, conosciuto nella zona per avere un negozio di biciclette. Sul posto sono arrivati anche il pm di turno Bruno Fedeli e il procuratore aggiunto Valter Giovannini per un sopralluogo. (agg. di Silvana Palazzo) CLICCA QUI PER LA NOTIZIA APPROFONDITA

ROMA, CASA POPOLARE A UNO SPADA (ABUSIVO)

Il caos nel Comune di Roma, purtroppo, non accenna a diminuire: lo zio dei boss Carmine e Roberto Spada (i ras fascistoidi di Ostia), Giuseppe, per anni si è “inserito” in una casa popolare al numero 7 di piazza Ener Bettica e ora il dipartimento Politiche abitative del Campidoglio lo mette in regola. Ne dà notizia oggi Repubblica, a firma Lorenzo d’Albergo: «La determina dirigenziale, anticipata dal Messaggero, firmata dalla direzione Interventi alloggiativi è del 12 febbraio e assicura l’alloggio Erp (di edilizia residenziale pubblica) a Giuseppe e a sua moglie Maria Dell’Orco». Gli uffici del Campidoglio confermano che vi sono gli estremi di regolarità e veridicità nei documenti presentati da Spada, «stante l’assenza di motivi ostativi». Mentre la decisione è ancora sub judice, il Pd attacca il sindaco Virginia Raggi: «A Torino Appendino per risolvere il problema emergenza abitativa si affida ai centri sociali, a Roma Virginia Raggi assegna casa popolare occupata illegalmente ad un membro della famiglia Spada. Questo è il modo di governare del M5S», spiega il senatore dem Stefano Esposito. (agg. di Niccolò Magnani)

FOGGIA, VICEPRESIDE AGGREDITO: ARRESTATO IL PADRE PICCHIATORE

Alla fine l’arresto è scattato dopo la denuncia e il padre-picchiatore che qualche giorno fa ha pestato il professore-vicepreside del figlio 11enne ora si trova in carcere con l’accusa di violenza e minaccia a pubblico ufficiale e lesioni gravi: il vicepreside, Pasquale Diana, venne aggredito qualche giorno fa riportando lesioni guaribili in 30 giorni, dal genitore di un alunno che il docente aveva rimproverato il giorno prima. L’arrestato è un 38enne con precedenti penali, Domenico Carella, e dovrà rispondere delle gravi accuse davanti alla Corte: al momento il padre picchiatore è stato messo ai domiciliari in attesa della decisione del Tribunale di Bari sulle prossime decisioni disciplinari. La dinamica dell’aggressione è purtroppo chiarissima: Carella, il giorno successivo al rimprovero subito dal figlio, è entrato nell’istituto scolastico e dopo aver cercato il docente, alla presenza di personale scolastico e di studenti, lo aveva aggredito con calci e pugni. (agg. di Niccolò Magnani)

NUOVI MASSONI TRA I CANDIDATI DEL MOVIMENTO 5 STELLE, CACCIATI

Nuovi casi di massoneria tra i candidati del M5S, ad essere iscritto in una loggia sembrerebbe essere Infatti anche Piero Landi, sceso in campo con i grillini in Toscana, precisamente nel collegio di Lucca. A rendere nota la situazione il quotidiano Il Foglio, per il quale Landi sarebbe un “massone in sonno” dall’anno scorso. E in serata spunta anche un massone calabrese, si tratterebbe di Azzerboni. Il leader del partito, Di Maio, sentito dai giornalisti non conferma ma neppure smentisce, limitandosi a dichiarare che se la situazione fosse vera il suo candidato sarebbe automaticamente fuori dalla lista del movimento. Su questa ennesima rivelazione attacca il centro-sinistra, sottolineando che gli elettori ancora non hanno contezza di chi siano veramente i candidati riconducibili al partito di Grillo.

STATI UNITI EX STUDENTE FA UNA STRAGE

Una vera e propria strage quella che è avvenuta in un liceo della Florida, dove un ex studente ha aperto il fuoco uccidendo almeno diciassette persone. L’assalitore un ragazzo di 19 anni Nicolas Cruz è stato definito dagli stessi investigatori un ragazzo problematico. Cruz dopo la sparatoria si era dato alla fuga, intercettato dalla polizia a circa tre km dalla scuola si è arreso senza opporre resistenza. Oltre alle 17 vittime si contano almeno una ventina di feriti alcuni in gravi condizioni. La sparatoria ha riaperto la polemica sull’uso delle armi, con la Casa Bianca che non ha ancora rilasciato dichiarazioni in merito, limitandosi tramite il portavoce presidenziale a fare le condoglianze alle famiglie delle vittime.

GUARDIA DI FINANZA CONTRO LE BOLLETTE DI 28 GIORNI

Scende in campo la Guardia di Finanza, allo scopo di vigilare su quello che sta diventando una vera e propria beffa per i consumatori. I militari delle Fiamme Gialle oggi hanno compiuto diverse perquisizioni nelle sedi delle più importanti compagnie di telecomunicazioni, lo scopo dell’attività e quello di accertare che tra i colossi del telefono non vi sia stato accordo per alzare il prezzo delle tariffe. Tutto nasce da un esposto dell’associazione consumatori al Garante, le compagnie telefoniche hanno infatti comunicato che da aprile ritorneranno alla fatturazione mensile, con un aumento medio del 8%. Il sospetto è che i dirigenti si siano messi d’accordo, tutto a danno dei consumatori ignari. I militari hanno sequestrato diversi personal computer, alla ricerca di mail che possano confermare il sospetto del Garante.

LA POLIZIA CONTRO IL VOTO DI SCAMBIO IN CAMPANIA

Importante operazione della Polizia di Stato che unitamente ai colleghi dello SCO, hanno effettuato decine di perquisizioni in tutta la Campania. I poliziotti che si sono mossi su ordine della procura di Napoli, ipotizzano il reato di corruzione elettorale e voto di scambio. Almeno dieci indagati, tra di essi molti esponenti del centro-destra partenopeo. Immediata la levata di scudi dei leader di partito, Con lo stesso Silvio Berlusconi che parla delle ennesimo caso di giustizia ad orologeria. Tra gli indagati risulterebbe esserci anche Luciano Passariello, per capire la valenza di quest’ultimo basti pensare che Passariello ha fatto da “cicerone” a Giorgia Meloni, nel recente tour elettorale del leader di Fratelli d’Italia.

EUROPA LEAGUE, TRA LE ITALIANE BENE SOLO IL MILAN

La giornata di Europa League regala sorrisi solo al Milan di Gennaro Ivan Gattuso. I rossoneri infatti si sono imposti fuori casa 3-0 contro il Ludogorets, decisivi i gol di Patrick Cutrone, Ricardo Rodriguez su rigore e Fabio Borini. Scivola ma non fa tanto rumore l’Atalanta che anzi riesce a fare due gol in trasferta, finisce 3-2 a Dortmund anche se si vive come una beffa un match dove la squadra di Gasperini era riuscita a passare in svantaggio per un gol di Schurrle, ma aveva ribaltato nella ripresa la gara con una doppietta di Josip Ilicic. Nella seconda parte della gara però arrivava la doppietta di Batshuayi con il gol del sorpasso a tempo ormai scaduto. Brutto ko della Lazio in casa dello Steaua Bucarest 1-0, gol di Gnohere. Fragoroso ko per il Napoli che era passato in vantaggio con Ounas, ma che aveva subito non solo il pari di Werner ma anche il gol di Bruma e la doppietta del primo per il 3-1 finale. Ecco tutti gli altri risultati: Astana-Sporting 1-3, Marsiglia-Braga 3-0, Nizza-Lokomotiv Mosca 2-3, Ostersunds-Arsenal 0-3, Real Sociedad-Salzburg 2-2, Sp.Mosca-Athletic Bilbao 1-3, AEK-Dynamo Kiev 1-1, Celtic-Zenit 1-0, Lione-Villarreal 3-1 e Partizan-Plzen 1-1.

DOMANI TORNA LA SERIE A

Chiusa la settimana europea oggi è già vigilia di Serie A. Sono tre le sfide che si giocheranno domani con la partenza alle ore 15.00 dalla Dacia Arena dove vedremo Udinese-Roma. Alle 18.00 ci sarà poi un bel match tra due squadre che lottano per uscire dalla zona salvezza, un Chievo-Cagliari dove entrambe vogliono vincere. La sera poi l’Inter di Luciano Spalletti va in campo a Marassi per sfidare il Genoa. Domenica il big match si giocherà a Torino alle 12.30, un derby tra i granata e la Juventus che anticipa il ritorno in campo del Napoli al San Paolo contro la Spal. Completano il turno di campionato: Benevento-Crotone, Bologna-Sassuolo, Atalanta-Fiorentina, Milan-Sampdoria e Lazio-Verona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori