Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Cesena, alunno tira pugno in faccia alla professoressa (17 febbraio 2018)

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: gli ultimi sondaggi parlano di un paese ingovernabile.  Sotto inchiesta il figlio di De Luca. Tre italiani scomparsi in Messico (17 febbraio 2018).

17.02.2018 - Matteo Fantozzi
scuola_aula_insegnanti_lapresse_2015
Aula Insegnanti (LaPresse)

CESENA, ALUNNO TIRA UN PUGNO ALLA PROFESSORESSA

Nuova aggressione ai danni di un insegnante da parte di un alunno. Questa volta è accaduto in una scuola media della Valle del Savio, Appennino di Forlì-Cesena, dove una professoressa è stata colpita in pieno volto dal pugno di un alunno. Questi, come riferito da Il Resto del Carlino, da alcune ore stava disturbando la lezione giocando a fare lo “spadaccino” con un cacciavite in mano. L’insegnante di turno si era allora rivolta alla collega che già in passato era stato in grado di gestire la vivacità dell’alunno. Senza alcun preavviso o motivo apparente, però, il giovane ha colpito l’insegnante, la cui prognosi è di 5 giorni. I fatti riportati da Il Resto del Carlino risalgono ad una settimana fa: già in passato il ragazzino era stato segnalato alla scuola, formalmente e informalmente, dai genitori degli altri compagni. (agg. di Dario D’Angelo)

TRE ITALIANI SCOMPARSI IN MESSICO

Raffaele Russo, venditore ambulante di 60 anni, suo figlio Antonio (25) e suo nipote Vincenzo Cimmino (29): sono loro i tre italiani, tutti originari di Napoli, di cui si sono perse le tracce da giorni in Messico. Il primo a sparire da Tecaltitlan, città dello stato di Jalisco, è stato Raffaele Russo il 31 gennaio scorso. A due ore di distanza è stata la volta dei due giovani, che si erano messi proprio sulle sue tracce recandosi sul luogo indicato dal Gps come ultimo spostamento della sua macchina. A quel punto, come riferisce “Repubblica”, i ragazzi fermatisi a fare benzina sarebbero stati avvicinati da “diversi poliziotti a bordo di un auto e due moto, che gli hanno intimato di seguirli”. Della situazione, fa sapere la famiglia dei 3, si sta interessando anche la Farnesina, che attraverso l’ambasciata a Città del Messico si tiene in contatto le autorità locali. (agg. di Dario D’Angelo)

PARMA CAPITALE DELLA CULTURA

Sarà Parma Nel 2020 A rivestire L’importante ruolo di capitale della cultura italiana. L’annuncio dato oggi dal Ministro dei beni culturali Franceschini ufficializza quello che era già nell’aria da qualche giorno, con la città ducale che per l’intero anno metterà in mostra la sua vita il suo sviluppo culturale. Parma era arrivata alla finale con altre 9 città tra cui Agrigento Casale Monferrato Macerata e Treviso. Soddisfazione state immediatamente espressa dal sindaco Pizzarotti che ha elogiato il lavoro dei suoi collaboratori, il primo cittadino ha voluto sottolineare come il giorno sia uno dei più belli della sua vita stante la soddisfazione di aver portato la sua città nel ristretto numero di quelle che possono fregiarsi di capitale della cultura la decisione è stata presa all’unanimità riconoscendo la valenza dei progetti presentati.

GLI ULTIMI SONDAGGI DANNO UN PAESE INGOVERNABILE

Comunicati alcuni degli ultimi sondaggi elettorali, prima del blocco voluto dai legislatori sulle rivelazioni demoscopiche. Dai dati emerge senza nessun dubbio come dopo il 4 marzo non ci sarà una maggioranza forte, nessuno dei partiti in lizza riuscirai Infatti ad avere i numeri per poter governare, in tale contesto esclusa la possibilità di un governo di larghe intese, si profila un Gentiloni bis, con l’attuale Presidente del Consiglio che potrebbe fungere da catalizzatore, in maniera tale da formare un governo più o meno stabile. Confermato dai dati il primo posto del Movimento 5 Stelle, il partito di Grillo arriverebbe a sfiorare il 30%, una percentuale alta ma non sufficiente a governare da solo, il PD sarebbe il terzo partito, con la coalizione di centro-destra sicuramente avanti nel consenso dato dagli italiani rispetto a Renzi e company.

SCONTRI A BOLOGNA TRA POLIZIA E CENTRI SOCIALI

L’ennesima scintilla per degli scontri tra polizia e manifestanti è arrivata a Bologna, essa è stata data da un comizio, autorizzato, del partito di estrema destra Forza Nuova. In mattinata infatti un centinaia di manifestanti per lo più appartenenti ai centri sociali bolognesi hanno cercato di occupare la piazza dove si doveva svolgere il comizio. Immediatamente intervenuta la polizia che ha cercato di sgombrare la manifestazione che ne era nata, l’intervento è stato accolto con lancio di pietre e sputi nei confronti dei tutori della legge. Il prefetto vista la situazione ha ordinato alcune cariche di alleggerimento, durante quest’ultime cinque persone, tra cui un agente, sono rimaste leggermente ferite.

SOTTO INCHIESTA IL FIGLIO DI DE LUCA

Nuovo nome eccellente emerso in un’inchiesta della procura di Salerno, che indaga su presunti episodi di corruzione politica. A finire sotto la lente d’ingrandimento questa volta è stato il figlio del governatore della Campania Roberto De Luca, assessore della città di Salerno. L’inchiesta è la seconda che in pochi giorni mette sotto accusa esponenti del centro destra campano, cosa questa che ha di fatto attirato gli strali dei leader della coalizione, sicuri che questo sia l’ennesimo episodio di giustizia ad “orologeria”. Da parte sua il figlio del governatore nega ogni addebito proclamandosi innocente.

SERIE A, SI TORNA IN CAMPO DOPO LA SETTIMANA D’EUROPA

Torna in campo la Serie A e lo fa con un match molto interessante. Alle ore 15.00 alla Dacia Arena di Udine si gioca la sfida Udinese-Roma, con il club allenato da Eusebio Di Francesco che vuole assolutamente ripetersi dopo essere tornato a vincere con continuità. Alle 18.00 si gioca un match invece in cui le due compagini cercano di battersi per evitare di scivolare nel vortice della zona retrocessione, al Bentegodi si gioca Chievo-Cagliari. Allo Stadio Marassi invece arriva l’Inter di Luciano Spalletti per affrontare il Genoa padrone di casa. Domani alle 12.30 sarà il momento del derby della Mole dove il Torino ospiterà allo Stadio Olimpico la Juventus. Il Napoli gioca alle ore 15.00 contro la Spal e completano il turno Benevento-Crotone, Bologna-Sassuolo, Atalanta-Fiorentina, Milan-Sampdoria e Lazio-Verona.

TENNIS, ROGER FEDERER TORNA N.1 AL MONDO

Roger Federer ha raggiunto un risultato incredibile tornando il numero 1 nella classifica Atp mondiale di tennis. Lo svizzero infatti ha superato in tre set l’olandese Haase a casa sua nelle semifinali di Rotterdam, grazie a un 4-6, 6-1, 6-1. Riuscirà così da lunedì a mettersi alle spalle Rafael Nadal. L’ultima volta in carriera che era riuscito a salire primo al mondo era il novembre del 2012 quando era riuscito a superare Novak Djokovic. Per Roger Federer sono arrivati davvero molti successi dopo il ritorno da un brutto infortunio che ne aveva minato anche la posizione nella classifica generale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori