ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora Svizzera: valanga travolge 10 alpinisti in cantone Vallese (18 febbraio)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: Iran, aereo di linea precipita, morti i 66 a bordo. Israele vs Iran, Netanyahu attacca droni. Valanga in Svizzera 10 alpinisti travolti (18 febbraio 2018).

valanga_slavina_montagna_alpinisti_elicottero_soccorso_lapresse_2018
Immagine di repertorio

VALANGA SVIZZERA, DECINA DI ALPINISTI NEL CANTONE VALLESE

Questo pomeriggio poco prima delle 14 nel Cantone Vallese è caduta una grossa valanga che ha purtroppo travolto almeno una decina di alpinisti che stavano compiendo un’escursione nella parte sud della Svizzera. «Soccorsi sono sul posto e stiamo attendendo notizie», ha riferito il portavoce della polizia Steve Lèger ai media svizzeri. Pare che l’incidente sia avvenuto a quota 2500 metri sul Fenestral appena sopra la cittadina di Finhaut, di fatto a pochissima distanza dal confine italiano con la Valle d’Aosta. Al momento due sono feriti mentre sono in corso le operazioni per trovare gli altri: non si hanno notizie di vittime ma purtroppo servirà attendere ancora qualche ora per avere sgombro il campo da ogni dubbio. 

ISRAELE VS IRAN: NETANYAHU ATTACCA

Una conferenza di Monaco letteralmente infuocata: lo scontro è sempre il solito, tra Israele e l’Iran che da anni afferma di voler eliminare lo stato israeliano dalla cartina del Medio Oriente. Il premier Benjamin Netanyahu ha però esacerbato ancora di più gli animi mostrando in piena discussione il frammento di un drone iraniano abbattuto giorni fa dall’aviazione di Tel Aviv dopo che era entrato in Israele. «Loro smentiscono? Ma io rilancio, signor Zarif lo riconosci vero? È vostro». A quel punto allora Bibi ha avvertito il governo di Teheran presente in sala, attaccando «Ho un messaggio ai tiranni di Teheran: non mettete alla prova la determinazione di Israele». Secondo Netanyahu, l’Iran è la più grande minaccia per il mondo libero: la risposta arriva subito, piccata, dal ministro degli Esteri iraniano, Mohammed Javad Zarif. «È un fumettista da circo. Alcuni ricorrono ai cartoni animati per giustificare errori strategici o forse per evitare la crisi interna». (agg. di Niccolò Magnani) CLICCA QUI PER LA NOTIZIA APPROFONDITA 

PRECIPITA AEREO IN IRAN: NESSUN SUPERSTITE

È precipitato un aereo di linea questa mattina in Iran: purtroppo le ultime notizie che arrivano dai media della capitale confermano le prime impressioni, non ci sono sopravvissuti o superstiti dalla tragedia aerea avvenuta a circa 480 chilometri da Teheran. Il volo della compagnia iraniana Aseman era partito dalla capitale, diretto a Yasuj ma si è schiantato al suolo nella regione di Semirom: a bordo c’erano 66 persone e sono tutte vittime di questa ennesima tragedia in volo tra Medio Oriente e Asia degli ultimi mesi. Pare, dalle prime informazioni raccolte, che il velivolo fosse scomparso dal radar poco dopo il decollo dall’aeroporto di Mehrabad: le piste investigative rimangono aperte tutte ovviamente dopo poche ore dalla tragedia, anche se il guasto tecnico e l’avaria al momento sono quelle più battute data la drammatica obsoleta “flotta” di aerei di cui dispongono le linee di volo iraniane, non nuove a incidenti del genere. «Scattato l’allarme, un elicottero ha cercato di raggiungere la zona dello schianto, ma non è riuscito ad atterrare a cause delle pessime condizioni meteo. Un portavoce della compagnia aerea ha dichiarato che non ci sarebbero superstiti», precisa Repubblica pochi istanti fa. (agg. di Niccolò Magnani) CLICCA QUI PER LA NOTIZIA APPROFONDITA

PRODI INCORONA GENTILONI

Suona proprio come un endorsement di altissimo livello, quello che l’ex presidente del consiglio e padre nobile del Partito Democratico ha fatto nei confronti dell’attuale presidente del consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Prodi l’attuale primo ministro riveste alla perfezione la figura di catalizzatore dell’universo di centro sinistra, in vista delle prossime consultazioni elettorali del prossimo 4 Marzo. Per il “professore” Gentiloni ha ricoperto il ruolo difficilissimo di traghettatore allorquando il paese si trovava nelle sabbie mobili dell’instabilità politica, un ruolo ricoperto ottimamente e che lo rende ideale per coniugare le diverse anime dell’attuale centro sinistra, una coalizione data sempre più indietro nei sondaggi elettorali.

SI SOSPENDE DAL MOVIMENTO GIULIA SARTI

Una sospensione che sembra più una resa, quella che la parlamentare Giulia Sarti ha fatto oggi e comunicato ai vertici del movimento cinque stelle. La Sarti al centro dello scandalo dei mancati rimborsi avrebbe scaricato tutta la colpa sul suo ex fidanzato, tale Bogdan Andrea Tibusche, con quest’ultimo però che durante un lungo interrogatorio in procura ha prodotto del materiale compromettente per la stessa parlamentare. La Sarti uno dei personaggi più in vista dell’intero partito di Beppe Grillo avrebbe omesso di versare quasi 25.000 euro nel fondo verso il mini credito d’impresa, un fondo nato dalle donazioni volontari di tutto il panorama pentastellato, ma sulla quale lo stesso Luigi Di Maio ha fondato la sua attuale campagna elettorale a futuro premier.

SANTO ENTRO QUEST’ANNO PAOLO VI

È stato lo stesso Papa Francesco ad annunciare la prossima santificazione di Paolo VI, al secolo Enrico Antonio Maria Montini. Il pontefice è intervenuto ad un incontro con i sacerdoti romani, con quest’ultimi ha affrontato alcuni degli importanti temi a cui la chiesa cerca di rimediare, non ultimo quello degli abusi sui minori. Parlando di Montini Bergoglio ha sottolineato che già due dei vicari di Cristo hanno “guadagnato” la santificazione, adesso tocca al Papa che viene ricordato forse di più dagli italiani di mezza età, un pontefice che è salito al cielo nel 1978 e che molti indicano come un uomo mite, riservato e di grande erudizione. Non è mancata neppure un momento goliardico nell’incontro, con il pontefice argentino che ha detto che lui si trova in “lista d’attesa” per una futura santificazione.

SERIE A, OGGI IN CAMPO JUVENTUS E NAPOLI

Un campionato che deve cancellare le delusioni delle coppe non solamente per le prime della classe, ma anche per Atalanta e Lazio. L’impegno più difficile sulla carta è quello della Juve, attesa dal derby della Mole, una partita che esulando dalle dinamiche di forza delle squadre in campo, riserva sempre innumerevoli emozioni. Sulla carta impegno molto più facile per il Napoli di Sarri che in casa ospiterà la Spal. Chiamata ad avere regolarità anche il Milan di Gattuso, che dopo la grande affermazione in coppa dovrà vedersela nel posticipo domenicale contro l’ostica Sampdoria. Intanto nella prima partita di oggi torna a correre la Roma di Di Francesco che a Udine vince contro i bianconeri per 2 a 0. Posticipo del sabato tra Genoa e Inter, con la squadra di Spalletti sconfitta 2-0 dai rossoblù. Il Chievo supera invece 2-1 il Cagliari.

TENNIS, FINALE DI ROTTERDAM: FEDERER VS DIMITROV

Roger Federer domani salirà al primo posto della classifica di Atp maschile regalandosi un altro record da scrivere nel libro della storia del tennis. Oggi però c’è da giocare un’altra finale che lo svizzero vuole vincere assolutamente. Di fronte nel torneo di Rotterdam si troverà il bulgaro Dimitrov numero 5 al mondo. Sarà sicuramente una bella gara con lo svizzero però che nei precedenti sei scontri con l’avversario ha sempre vinto. Il Re è arrivato a questo appuntamento dopo aver superato Bemelmans, Kohlschreiber, Haase e Seppi. Dall’altra parte invece Dimitrov ha avuto la meglio di Sugita, Krajinovic, Rublev e Goffin. Gara che si disputerà alle ore 15.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori