San Romano/ Santo del giorno, il 28 febbraio si celebra l’abate di Condat

- La Redazione

Il 28 febbraio si celebra san Romano. È stato un monaco ed abate, fondò assieme al fratello san Lupicino il monastero di Condat, di Lauconne e quello femminile di La Balme.

croce_pixabay_2017
Pixabay

San Romano, agiografia

Monaco e abate, San Romano è nato a Izernore nel 390 ed è morto a Saint-Claude il 28 febbraio 463. Assieme al fratello San Lupicino diede vita ai monasteri di Condat, di Lauconne, quello femminile di La Balme e il monastero di Romainmôtier. Venerato dalla Chiesa cattolica come santo, si è ispirato nel corso della vita a quella dei Padri del deserto della Tebaide. Allievo dell’abate Sabino presso il monastero d’Ainay a Lione, Romano maturò fin da subito la voglia di trascorrere la vita da eremita . Per questo motivo a 35 anni decise di ritirarsi nelle foreste del Massiccio del Giura e più precisamente a Condat. Ha quindi trascorso una vita da eremita, cibandosi di frutti selvatici e bevendo acqua fresca di sorgente. Qualche anno dopo fu raggiunto dal fratello Lupicino che era rimasto vedovo e assieme vissero una vita a base di digiuni e penitenze. Stanchi delle fatiche a cui erano sottoposti, decisero di abbandonare Condat ma dopo aver chiesto ospitalità ad una donna, quest’ultima convinse loro a non lasciarsi tentare da Satana e continuare nel loro cammino. Dopo alcuni anni, altri giovani decisero di raggiungerli per cercare di imitarli e a quel punto i due fratelli deciso di costruire un monastero a Condat e uno a Lauconne per ospitarli. 

I monasteri

Raggiunti in seguito dalla sorella Yole, decisero allora di fondare il monastero femminile di La Balme che ben presto fu il punto di riferimento per ben 100 monache. Nel 444 Romano fu ordinato sacerdote dal vescovo d’Arles sant’Ilario, ma nonostante questo riconoscimento, il futuro santo continuava a restare umile e pronto ad aiutare il prossimo. Tra le sue gesta, infatti, si ricorda un suo pellegrinaggio sulla tomba di San Maurizio, a Saint Maurice-en-Valais, quando chiese ospitalità a due lebbrosi la cui dimora era una semplice capanna. I due avevano cercato di respingerlo in quanto non volevano che Romano si ammalasse a sua volta, ma lui non ascoltò e restò con loro tutta la notte. Il mattino seguente i due lebbrosi erano guariti. Il lunedì di Pentecoste nella città di Saint-Claude – il cui antico nome era Condat – si svolge ogni anno una processione in onore dei santi Romano e Lupicino. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori