Ultime notizie/Di oggi, ultim’ora: sequestro centro polivalente Norcia, indagato Boeri (13 marzo)

- Fabio Belli

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: Ratzinger “continuità interiore col pontificato di Bergoglio”. Arrestato Vito Nicastri, re dell’eolico finanziava Matteo Messiina Denaro (13 marzo 2018)

luigi__dimaio_m5s_mattarella_lapresse_2018
LaPresse

NORCIA, SEQUESTRO CENTROPOLIVALENTE: INDAGATO BOERI

Nel procedimento che ha portato al sequestro del centro polivalente di Norcia 4.0 risulta indagato anche Stefano Boeri, l’archistar che ha firmato il progetto in seguito al terremoto del 30 ottobre 2016, in qualità di direttore dei lavori. Come riportato da La Repubblica, nel provvedimento si sostiene che la struttura di Ancarano, sarebbe stato eretta come opera “definitiva e non provvisoria”, derogando alla normativa per la gestione dell’emergenza post terremoto. Una versione che Boeri all’Ansa ha respinto con forza:”Sono sereno e tranquillo. Credo che si tratti di un gigantesco equivoco. Sono comunque senza parole. Non so come si faccia a dire che non sia temporaneo. Il centro è smontabile e rimontabile completamente, impianti inclusi. (…) Come si fa a dire che non è temporaneo. E’ un esempio di temporaneità. Allora anche tutte le casette non sono temporanee”. (agg. di Dario D’Angelo)

DI MAIO PUNTA SU GOVERNO M5S

Luigi Di Maio chiude la porta all’eventualità di un governo istituzionale e di tutti: è una ipotesi che non contempla, perché «gli italiani hanno votato un candidato premier, un programma e una squadra». Il leader del Movimento 5 Stelle lo dice nell’incontro con i giornalisti della sala stampa estera. Di Maio non immagina una squadra di governo differente da quella espressa dalla volontà popolare: «C’è stata una grande investitura». Il leader pentastellato, come riportato da Repubblica, ribadisce la disponibilità di M5s a farsi il proprio governo con i voti di qualcun altro non ancora individuato. Inutili i tentativi dei giornalisti della stampa estera di incalzarlo sul tema delle alleanze. «Siamo aperti al dialogo sui temi che interessano l’Italia, nessuno al momento si è fatto avanti. Chiediamo responsabilità. Gli italiani hanno dato un forte segnale post-ideologico. Il nostro programma non è mai stato estremista. La volontà popolare è sacra. I punti di programma rimangono quelli». A proposito invece delle presidenze delle Camere, spiega che «non riguardano la questione del governo, non devono essere legate a dinamiche di governo, ma sono figure di garanzia che riguardano il Parlamento». A chi gli chiede se lo spaventa un ritorno al voto Di Maio risponde: «sempre più gente si convince che il M5s è l’unica speranza per portare il Paese fuori da baratro delle dinamiche del partito. Siamo inesorabilmente destinati a crescere». (agg. di Silvana Palazzo)

MAFIA, ARRESTATO VITO NICASTRI: FINANZIAVA MESSINA DENARO

Si stringe sempre di più il cerchio attorno alla figura al capo di Cosa Nostra, Matteo Messina Denaro. Nella notte è infatti finito agli arresti con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa Vito Nicastri, anche ribattezzato il “re dell’eolico”. Come riportato da La Repubblica, nella notte è andato in scena un blitz dei carabinieri del comando provinciale di Trapani e della Direzione investigativa antimafia che ha portato in carcere 12 persone. Tra questi i nuovi “colonnelli” della primula rossa – i capi delle famiglie di Vita e Salemi – oltre che diversi gregari, piccoli e grandi, impegnati nello smistare i messaggi che Messina Denaro continua ad inviare mediante pizzini attraverso fidati postini. Nicastri, secondo gli inquirenti, alcuni anni fa consegnò una borsa piena di soldi ad un fidato capomafia trapanese, Michele Gucciardi, dopo aver concluso un affare. Da Gucciardi la borsa passò nelle mani di Lorenzo Cimarosa, cugino acquisito del capomafia che 5 anni fa ha deciso di troncare dopo essere finito in carcere. La dimostrazione che Nicastri ha davvero finanziato la latitanza di Matteo Messina Denaro. (agg. di Dario D’Angelo)

RATZINGER, LETTERA IN FAVORE DI BERGOGLIO

Per i 5 anni di pontificato di Papa Francesco, Joseph Ratzinger ha scritto una lettera in cui esprime parole di grande elogio e difesa nei confronti del Santo Padre. Il Papa Emerito Benedetto XVI ha infatti scritto: “Plaudo a questa iniziativa che vuole opporsi e reagire allo stolto pregiudizio per cui Papa Francesco sarebbe solo un uomo pratico privo di particolare formazione teologica o filosofica, mentre io sarei stato unicamente un teorico della teologia che poco avrebbe capito della vita concreta di un cristiano oggi.” Parole che tendono dunque a sottolineare lo spessore del pontificato di Papa Francesco, affermando come tra i due papati ci sia “una continuità interiore.” (agg. di Fabio Belli)

PARTITO DEMOCRATICO: MARTINA ASSUME LA FUNZIONE DI SEGRETARIO

Preso atto delle dimissione di Matteo Renzi il parlamentino del Partito Democratico incorona l’ex ministro Martina come reggente fino alla prossima assemblea. Martina in apertura dei lavori ha sottolineato come Renzi sia stato coerente con le promesse fatte, presentando le sue dimissioni dopo la debacle elettorale del 4 Marzo. Martina in tale contesto ha anche evidenziato come non sia sua intenzione convocare in tempi brevi il congresso, ha sottolineato però come sia intenzionato ad operare la ricostruzione del partito cercando l’estrema collegialità tra le diverse anime del partito. Da parte sua Renzi, che ha disertato l’assemblea, ci ha tenuto a precisare che per quanto deluso non mollerà la politica attiva.

IL MOVIMENTO 5 STELLE TORINESE SI SPACCA SULLE OLIMPIADI INVERNALI

Una vera e propria spaccatura che ha portato all’annullamento del consiglio comunale, quella che è emersa dopo l’apertura del primo cittadino della città della Mole, alle olimpiadi invernali del 2026. Quattro consiglieri pentastellati contrari all’apertura dello stesso Grillo hanno infatti disertato il civico consesso, facendo cosi saltare il numero legale. Immediata la reazione delle opposizioni che puntano il dito sul cambiamento di rotta dei vertici grillini, con la loro posizione in netta contrapposizione con quella che ha portato alla delusione della mancata assegnazione delle olimpiadi a Roma rifiutata da Virginia Raggi.

RITORNA IL MALTEMPO

Dopo la piccola tregua di quest’inizio settimana ritorna in maniera importante il cattivo tempo. Le prime piogge sono attese già nella serata odierna in tutto il settentrione d’Italia, anche se gli acquazzoni hanno fatto già la loro comparsa nel Nord Est. Molti uffici della protezione civile in tale contesto hanno diramato l’allerta con codice giallo. La perturbazione che interesserà tutto il bel paese non è destinata a durare, stante che il prossimo settimana si riaffaccerà il sole in buona parte della penisola. Intanto da evidenziare alcune esondazione, nella più grave avvenuta alle porte di Premariacco in provincia di Udine, un’autombilista ha rischiato di perdere la vita, quando la sua auto è stata risucchiata dalla furia di un torrente. Per fortuna immediato l’intervento dei vigili del fuoco che grazie ad un autoscala attrezzata hanno levato d’impaccio la donna. 

INCIDENTE AEREO A NEW YORK, 5 MORTI

Un elicottero dedicato ai giri turistici è precipitato nella notte italiana nelle acque dell’East River di New York. Nell’incidente i cinque turisti sono morti, illeso invece il pilota che è riuscito a lasciare il mezzo prima che questo affondasse. L’incidente ha interessato uno dei tanti elicotteri che permettono a centinaia di turisti di vedere la grande mela dall’alto, un’escursione che questa volta si è risolta perà in maniera tragica. Dalle prime indiscrezioni l’incidente sembrerebbe essere stato causato da una borsa che sbalzata da una corrente d’aria ha pigiato il pulsante che permetteva l’erogazione del carburante al motore principale. Immediato l’intervento degli investigatori del National Transportation Safety Board, ad essi spetterà il compito di fare luce su una tragedia che sembrava del tutto evitabile.

ROMA, STASERA NOTTE DI CHAMPIONS

Notte di Champions League per la Roma che allo stadio Olimpico alle ore 20.45 ospita uno Shalhtar Donetsk capace di imporsi all’andata con il punteggio di 2-1. Agli uomini di Di Francesco, in grande forma in campionato dopo le vittorie ottenute contro Napoli e Torino, basterà l’uno a zero per accedere ai quarti di finale della competizione, ma sarà importante non concedere come all’andata spazi che possano mandare in gol gli ucraini. Tornerà Dzeko, dopo aver saltato il match di campionato contro i granata per squalifica, al centro dell’attacco giallorosso.

CASO SARRI, LA DIFESA DELL’AGENTE

Alessandro Pellegrini, agente di Maurizio Sarri, intervenendo in televisione sul canale Sportitalia ha parlato del caso che ha coinvolto il suo assistito, che nella conferenza stampa post Inter-Napoli aveva risposto a male parole alla giornalista Titti Improta. “Leggo che qualcuno ha scambiato la battuta di Maurizio Sarri alla giornalista Titti Improta come frase sessista. Sono senza parole. Come si può facilmente vedere nei video che circolano Maurizio, in ambito rilassato e scherzoso fa esattamente il contrario le dice: “se tu non fossi una donna ti manderei a quel paese. Proprio come a ribadire l’enorme rispetto verso le donne. Sessista è colui che si comporta in modo completamente diverso e di sicuro non si preoccupa di chiedere scusa se si rende conto che la battuta non è stata gradita.”

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori