Sant’Eriberto/ Santo del giorno, il 16 febbraio si ricorda il vescovo di Colonia

- La Redazione

Sant’Eriberto di Colonia si celebre il 16 marzo. Cancelliere di Ottone III divenne nel 999 arcivescovo di Colonia. Nel 1003 fondò l’Abbazia di Deutz. Morì intorno al 1021.

croce_pixabay_2017
Pixabay

Sant’Eriberto di Colonia, la storia

Il 16 marzo 2018 la Chiesa celebra la memoria di Sant’Eriberto di Colonia, nato a Worms nel 970 e morto proprio a Colonia, il 16 marzo del 1021. Le sue origini sono nobili, essendo nato dalla famiglia del conte di Worms, la piccola cittadina tedesca che gli diede i natali. Trascorse la sua intera adolescenza nel monastero di Goze, dove venne istruito e guidato agli studi ecclesiastici fino ai suoi 18 anni. Conclusa la sua formazione, fece ritorno a casa dove finalmente riuscì a diventare sacerdote. Pochi mesi dopo, in virtù della grande stima che l’imperatore Ottone nutriva nei suoi confronti, Eriberto divenne cancelliere del regno. Negli anni successivi viaggiò assieme al sovrano tedesco in lungo e in largo in giro per l’Europa e nel frattempo divenne anche vescovo di Colonia. Quando l’Imperatore Ottone morì, Eriberto venne sequestrato per alcuni mesi da Enrico II, il futuro erede al trono della Germania. Il vescovo aveva osteggiato l’investitura a imperatore del suo sequestratore. L’anno successivo, intorno al 1003, Eriberto riuscì a erigere un monastero a Deutz, che fondò personalmente. 

La morte del santo

Circa 18 anni dopo, nel 1020, si spense a Colonia dove venne sepolto proprio nel monastero da lui fondato. La canonizzazione di Eriberto di Colonia avvenne a circa 50 anni di distanza dalla sua morte, nel 1074, ma già veniva venerato come un santo ben prima della sua scomparsa. La sua figura divenne particolarmente famosa in seguito un evento miracoloso di cui si rese protagonista. Sant’Eriberto, infatti, fu in grado di far cessare la siccità proprio a Colonia, che poco dopo il suo intervento fu investita da una straordinaria ondata di pioggie provvidenziali che salvarono i raccolti degli abitanti della città. La tomba di Sant’Eriberto si trova ancora nell’abbazia di Deutz che ogni anno, in occasione delle festività a lui dedicate, è oggetto di pellegrinaggio.  Una statua raffigurante il santo si trova su una delle facciate principali del Municipio di Colonia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori