GUIDA CON LA PATENTE DI HOMER SIMPSON/ Inghilterra, fermato a un controllo si spaccia per il celebre cartoon

- Paolo Vites

Un cittadino inglese evidentemente con problemi di identità ha mostrato a una poliziotta la sua patente di guida: su nome e fotografia quelli di Homer Simpson

patente-simpson_tw
Immagine da Twitter

Se l’indirizzo che metti sulla patente è falso, è ovvio che ti becchi una multa o peggio. Insomma, lo sanno tutti che Homer Simpson vive al 742 di Evergreen Terrace a Springfield, ma se invece sulla patente c’è il 728 di Springfield Way non la puoi fare franca. Però anche loro, fermare una celebrità della televisione per un controllo, insomma questi poliziotti inglesi non hanno rispetto. Hanno però un buon senso dello humour (ovvio, sono inglesi) tanto che hanno riportato la notizia su twitter di loro iniziativa, concludendo con un “D’ho!”, la classica espressione usata da Homer. Ma mettiamo ordine. Succede che una poliziotta di Milton Keyenes, cittadina nel nord est del regno Unito ferma una automobile per un normale controllo.

Alla richiesta dei documenti, l’uomo le consegna la patente di guida. Non può credere a quello che vede: sul tesserino c’è una foto di Homer, il celebre protagonista della serie tv a cartoni dei Simpson; nome e cognome segnati sono quelli di Homer Simpson con data di nascita 4 agosto 1963 (probabilmente l’unica cosa vera su quella patente), poi la firma, H. Simpson e l’indirizzo che non è neanche quello del cartone animato. Scatta l’inevitabile multa per guida senza patente e anche senza assicurazione valida. Che cosa avesse in mente l’autista ad andare in giro con quella patente non lo sappiamo, forse pensava di essere un burlone e di farla franca in quel modo in caso di controlli, ma non è andata così. Chissà adesso che patente escogiterà, quella di uno dei Griffin, papà Peter? Ma soprattutto la domanda è: Homer avrà denunciato il furto della patente da parte di questo strambo cittadino inglese? Speriamo che adesso faccia correggere l’indirizzo. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori