Napoli, muore in piscina a 17 anni/ Un ragazzo serio e volenteroso che sognava di diventare grande

Malore in piscina, muore nuotatore 17enne: dramma a Napoli, Mario Riccio deceduto durante un allenamento. Porzio: “Una tragedia immane”, era tesserato Acquaporzio

09.03.2018 - Carmine Massimo Balsamo
piscina_nuoto_wikipedia_2018
Immagine di repertorio (Wikipedia)

Dopo la scomparsa di Davide Astori, un’altra tragedia scuote l’Italia e il mondo dello sport. Nella giornata di ieri è infatti venuto a mancare Mario Riccio, 17enne nuotatore originario di Casoria, periferia nord di Napoli. Si stava allenando nella piscina di Caivano quando ha subito un arresto cardiocircolatorio, e a nulla sono serviti gli interventi dei suoi allenatori e dei medici accorsi sul posto: il cuore non ha più ricominciato a battere. Mario, da come lo raccontano, era un ragazzo molto diligente, «serio e volenteroso – ha ricordato nelle scorse ore Franco Porzio, ex pallanuotista nazionale e presidente dell’Acquachiara di Pomigliano d’Arco per la quale Riccio era tesserato – si impegnava negli allenamenti e gli stessi sforzi erano commisurati al suo fisico. So anche che i soccorsi sono stati immediati». Sognava di diventare un grande di questo sport, di seguire le orme dei vari Poltronieri, Magnini, Detti, Rosolino e via dicendo. Si impegnava molto per migliore i suoi tempi, e negli ultimi mesi aveva partecipato a diverse gare, come la 400sl del Miglio d’Oro di Portici, dove aveva chiuso col 50esimo posto, mentre il giorno prima aveva gareggiato nei 200sl, vinti proprio dall’iridato Detti. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

LA SCOMPARSA DEL POVERO MARIO RICCIO

Malore in piscina, muore nuotatore 17enne: tragedia nel mondo del nuoto, deceduto il giovanissimo Mario Riccio. La triste vicenda è avvenuta a Caivano, provincia di Napoli, nel centro sportivo Delphinia. Mario Riccio, nuotatore di diciassette anni, era tesserato con la società Acquachiara Ati 2000 di Napoli e alle 16.30 ha accusato un malore nel corso dell’allenamento: subito soccorso, il ragazzo è deceduto nonostante il lungo tentativo di rianimazione. Come sottolinea Tuttosport, sul posto sono intervenuti i carabinieri di Caivano e il magistrato della Procura della Repubblica di Napoli Nord ha disposto il trasporto del corpo del diciassettenne al Secondo Policlino di Napoli: la salma verrà sottoposta all’esame autoptico per stabilire le cause dell’improvviso decesso. Un grave lutto per tutto il mondo dello sport, con un ragazzo non ancora maggiorenne volato in cielo per un malore. Franco Porzio, olimpionico e fondatore della società Acquachiara, ha commentato: “E’ una tragedia immane”.

MALORE IN PISCINA, MUORE NUOTATORE 17ENNE

A dare il triste annuncio della dipartita del giovanissimo Mario Riccio è stata la stessa società Acquachiara, che tramite il proprio sito ha pubblicato la seguente nota: “Una terribile tragedia ha sconvolto il Mondo Acquachiara: Mario Riccio, 17enne nuotatore biancazzurro, è morto durante un allenamento nella piscina di Caivano. Soccorso immediatamente da Tommaso Cerbone, il suo allenatore, Mario è stato sottoposto a tutti gli interventi necessari. Gli è stato anche applicato il defibrillatore, ma non c’è stato nulla da fare. Tutto il mondo Acquachiara si stringe attorno alla famiglia di Mario”. Cordoglio attorno la famiglia del giovane sportivo, che segue di qualche giorno la tragedia della scomparsa di Davide Astori, difensore e capitano della Fiorentina deceduto domenica 4 marzo 2018 a Udine a causa di un arresto cardiocircolatorio per cause naturali. Attesi aggiornamenti nelle prossime ore dai risultati dell’esame autoptico, che stabilirà la causa dell’improvviso decesso.

I commenti dei lettori