INCIDENTE IN A10, TIR ROVESCIATO/ Traffico tornato alla normalità ma Genova resta un problema

Incidente in A10, camion di traverso: l’autostrada è stata chiusa fra Aeroporto e Genova Pegli, conducente del tir in codice giallo. E’ successo questa mattina attorno alle ore 5:45

11.04.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
a10_incidente_2018
Incidente sull'A10 - Webcam Autostrade per l'Italia

Genova si è bloccata questa mattina per l’ennesima volta. Un tir, messosi di traverso sull’Autostrada A10, in direzione di Savona, fra Genova Aeroporto e Pegli, ha obbligato i soccorsi a chiudere quel tratto di strada con conseguenti ripercussioni non soltanto sul traffico autostradale, bensì su quello dell’intero capoluogo ligure. Non è la prima volta che la città portuale viene bloccata per via di un incidente o per dei lavori in corso, e sicuramente vi è un problema di viabilità non da poco. Ne ha parlato a IlSecoloXIX il sindaco Marco Bucci, che ha ammesso: «Talvolta – dice – dopo un incidente servono anche quattro ore prima di liberare la strada e questo è un problema. Noi non vogliamo dare la colpa a nessuno ma tutti quanti dobbiamo lavorare per trovare una soluzione. Se non c’è molteplicità di infrastrutture o perlomeno di vie di comunicazione – ha proseguito – quando se ne blocca una si blocca la città». Si rende quindi necessario completare al più presto la gronda a mare, ma vista la particolare conformità di Genova, con la presenza del mare a pochi metri dalle case, non è semplice realizzare opere di questo genere. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

LO SFOGO DEL SINDACO BUCCI

I problemi in riferimento al traffico sarebbero stati risolti, sia sulla A10 che sulla viabilità ordinaria dopo il brutto incidente avvenuto questa mattina intorno alle 6 tra Genova Aeroporto e Pegli in direzione Savona, durante il quale un tir si era rovesciato nel bel mezzo della carreggiata bloccandola totalmente. Dopo il sinistro si era formata una coda chilometrica che ovviamente aveva avuto grandi ripercussioni sull’intera rete autostradale genovese e sulla viabilità ordinaria. Intorno alle 10:00, documenta Il Secolo XIX, era stata riaperta una delle due corsie di marcia dell’autostrada, mentre proseguivano le operazioni di messa in sicurezza. Sul nodo autostradale da A7 e A12 e da Genova Ovest sono proseguite ancora per diverse ore le lunghe code e i rallentamenti. Intanto anche la seconda corsia della A10 è stata riaperta al traffico sebbene sarà nuovamente chiusa per la riparazione dei danni provocati dall’incidente solo questa notte. Qualche coda resta ancora sul tratto Genova Ovest e sull’ultimo tratto della A7 in direzione sud, verso lo svincolo con A10. La dinamica dell’incidente resta attualmente ignota ed al vaglio degli inquirenti. Intanto, come fa sapere il sindaco di Genova Marco Bucci, in seguito all’ennesima giornata non semplice sul piano della viabilità, ha chiesto soluzioni per evitare che la città possa andare nuovamente in tilt in vista di un altro incidente. Per questo ha avanzato la richiesta a società autostrade di “mezzi speciali da posizionare a Genova per permettere di liberare il più velocemente possibile le carreggiate in caso di incidente”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

TRAFFICO IN TILT A GENOVA CENTRO

E’ stato riaperto dopo quasi quattro ore il tratto di Autostrada A10 che va da Genova Aeroporto a Pegli. La chiusura era stata resa necessaria in seguito all’incidente di un tir, che è andato a sbattere contro il guard rail per poi mettersi di traverso e bloccare lo scorrere degli altri veicoli. L’incidente è avvenuto attorno alle 5:45 di stamattina, e solo poco prima delle 10:00 l’autostrada è stata riaperta (su una sola corsia), ma il traffico sull’A10 e nel capoluogo ligure era ormai in tilt. A Genova il centro città è praticamente invivibile, e ci sono tre chilometri di coda in direzione Savona, proprio causati dall’incidente. I Vigili del fuoco, il personale di Autostrade per l’Italia, e i soccorsi meccanici, stanno provvedendo alla messa in sicurezza della carreggiata, alla pulizia della strada e alla rimozione del mezzo pesante. Questa notte quel tratto verrà nuovamente chiuso per riparare i danni provocato dall’autista del tir, un guidatore di origini rumene che è stato portato al Pronto Soccorso ma che non è in pericolo di vita. L’incidente potrebbe essere stato causato da un colpo di sonno. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

L’INCIDENTE AVVENUTO ALLE 5:45

Questa mattina si è verificato un incidente sull’autostrada A10, quella fra Savona e Ventimiglia. Attorno alle ore 5:45 l’autista di un tir ha perso il controllo, è andato a sbattere, e si è messo di traverso, bloccando tutta la carreggiata. L’autostrada è quindi stata chiusa nel tratto che va da Genova Aeroporto e Genova Pegli, in direzione Savona, creando non pochi disagi per gli automobilisti. Sul posto sono subito giunti la Polizia Stradale, i Vigili del Fuoco e il 118, che hanno soccorso il guidatore, un uomo di origini rumene, poi trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale Galliera in codice giallo, non è quindi in pericolo di vita. Il camion non trasportava materiali pericolosi, e per le ore 10:00 è prevista la riapertura delle due corsie di marcia.

RIPERCUSSIONI SUL TRAFFICO CITTADINO

Si sta cercando di capire cos’abbia provocato l’incidente, ma la causa più accreditata è quella del classico colpo di sonno, soprattutto, tenendo conto dell’ora in cui è avvenuto, poco prima delle 6:00. «Il mezzo è piagato su se stesso e nell’incidente ha completamente bloccato la carreggiata – le parole di poco fa a Live News Mattina da parte di Federico Zanzarsi di Autostrade per l’Italia – sono in corso le operazioni utili a riallacciare la cabina alla motrice. Una volta fatto questo sarà possibile spostare il mezzo e liberare la carreggiata. In seguito sarà possibile pulire il piano stradale e ripristinare la barriera a bordo strada». L’incidente ha provocato 2 km di coda tra Genova Ovest e Genova Aeroporto, causando ripercussioni anche sul traffico cittadino, in particolare a Cornigliano e in via Guido Rossa nel capoluogo ligure.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori