SAN PIETRO, IL PAPA SALUTA I TRE PELLEGRINI ALTOATESINI CON I LAMA/ Benedette anche le auto di Formula E

San Pietro, il Papa saluta i tre pellegrini altoatesini con i lama: sono giunti in Vaticano con Buffon, Shaquiri e Tiento. Dopo 50 giorni, i sei hanno incontrato il Santo Padre

papa_francesco_aereo_viaggio_giornalisti_domande_lapresse_2017
Papa Francesco e il messaggio sui migranti - LaPresse

Non solo i pellegrini altoatesini con tanto di lama al seguito sono stati benedetti dal Santo Padre: a ricevere la benedizione di Papa Francesco è stata anche una delle vetture della Formula E che sabato sfrecceranno sul circuito di Roma. Si concretizzerà infatti l’ipotesi che da oltre quarant’anni si propone, quella di un Gran Premio automobilistico sulle strade della Capitale, all’EUR dove il tracciato cittadino è particolarmente praticabile. E così sarà, con Papa Francesco che ha incontrato una delegazione di piloti e dirigenti della Formula E, che hanno spiegato come le macchine, pur sfrecciando a velocità superiori ai 200 chilometri all’ora, saranno supersilenziose, destando la curiosità del Santo Padre. (agg. di Fabio Belli)

I LAMA CHIAMATI BUFFON, SHAQUIRI E TIENTO

Sono finalmente giunti in Vaticano i tre pellegrini altoatesini e i loro lama. Thomas Burger, Thomas Mohr e Walter Mair, erano partiti dal Trentino Alto Adige lo scorso 20 febbraio, per giungere in San Pietro in compagnia dei loro tre fidi amici, tre lama dai nomi decisamente particolari, visto che due di loro si chiamando Buffon e Shaquiri (due famosi calciatori), e uno si chiama Tiento. Sono partiti da un paesino nel cuore dell’Alto Adige, Renon, e i tre, un allevatore di lama e alpaca, un avvocato di Monaco di Baviera, e un manager, hanno percorso un tratto della nota via Romea Germanica, un’antica strada che è simbolo della cristianità e che termina proprio a Roma, nel cuore della regione cattolica.

“E STATA DURA MA INDIMENTICABILE”

I tre camminavano mentre i fidi lama portavano i loro bagagli: «E’ stato un cammino molto duro a combattere con pioggia, neve e gelo – racconta uno dei tre pellegrini ai microfoni del quotidiano La Repubblicauna faticaccia, ma ne è valsa la pena: abbiamo visitato paesi meravigliosi e conosciuto persone fantastiche». Oggi sono giunti in San Pietro, dove il Papa li ha accolti sul sagrato della basilica vaticana, e in cambio ha ricevuto in dono una papalina e dei calzini bianchi di lana di alpaca. I tre altoatesini erano giunti nella Città Eterna già da ieri, ed hanno subito suscitato l’interesse, la curiosità ma anche il divertimento dei romani e dei turisti. Bergoglio li ha incontrati al termine del giro in papamobile dopo l’udienza generale. Una giornata che sicuramente i tre dei lama non si dimenticheranno mai più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori