Roma, Atac a rischio sospensione: manca fideiussione/ Ultime notizie: Ministero, “vogliamo garanzie su conti”

- Fabio Belli

Atac a rischio stop indeterminato? Ultimatum del Ministero dei Trasporti all’azienda pubblica romana, ma in Campidoglio la maggioranza tranquillizza i cittadini

atac_roma_wikipedia
Atac, referendum rinviato a Roma

Da anni c’è preoccupazione attorno ad Atac e le possibili implicazioni relative ai conti disastrati dell’azienda municipalizzata romana del trasporto pubblico. Ma la resa dei conti potrebbe essere particolarmente vicina, visto che dal Ministero dei Trasporti è arrivato un aut-aut per Atac che potrebbe portare alla conseguenza estrema: l’interruzione del servizio. Il che potrebbe avere ripercussioni clamorose sulla già caotica vita dei romani. L’ultimatum del Ministero dei Trasporti riguarda le garanzie sui conti che Atac dovrebbe riuscire a fornire al più presto per ottenere via libera sui prossimi esercizi di gestione. Il Ministero in particolare ha chiesto ad Atac di iscriversi entro 60 giorni al Ren, il registro elettronico nazionale per gli operatori della mobilità: in caso contrario, sarà revocata la concessione del servizio pubblico. QUI LE ULTIME NOTIZIE SUL CAOS ATAC

LA SINDACA RAGGI TRANQUILLIZZA

“Si tratta di una procedura amministrativa, risolveremo il problema il prima possibile. Non c’è pericolo per la circolazione dei mezzi.” Da fonti del Campidoglio, la Sindaca capitolina Virginia Raggi ha tranquillizzato riguardo la prospettiva che possa esserci davvero un’effettiva interruzione del servizio imposta ad Atac dal Ministero dei Trasporti. E il capogruppo del Movimento 5 Stelle in Campidoglio, Paolo Ferrara, getta altra acqua sul fuoco con un post su Facebook: “Roma e tutti i cittadini possono rimanere tranquilli: gli autobus continuano a circolare
regolarmente. È in corso una procedura per rilanciare l’azienda e farla rimanere di proprietà dei romani. C’è qualche politico che spera di svenderla? Questa amministrazione non lo permetterà mai.” Ma il PD ha già chiesto che la maggioranza riferisca in aula per chiarire la situazione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori