ANDRIA, GETTA BENZINA SU ASSISTENTE SOCIALE E PROVA A DARLE FUOCO/ Panico in Comune: bloccata e arrestata

Andria, getta benzina su assistente sociale e prova a darle fuoco: è successo questa mattina negli uffici del Comune. La Polizia è riuscita ad intervenire per tempo arrestando la donna.

17.04.2018 - Dario D'Angelo
polizia_concorso_lavoro_scuola_agenti_lapresse_2017
Immagine di repertorio (LaPresse)

Panico questa mattina negli uffici del comune di Andria, in provincia di Bari, dove una donna ha gettato della benzina addosso ad una assistente sociale e per poco non è riuscita a darle fuoco. Un episodio di una gravità indicibile e per il momento senza un’apparente spiegazione. Come riportato da La Gazzetta del Mezzogiorno, però, non è escluso che la donna resasi responsabile dell’aggressione abbia premeditato il tutto. Dalla ricostruzione del portale, infatti, sembra che la donna sia entrata negli uffici del Comune con una bottiglia di plastica piena di benzina. Alla vista della dell’assistente sociale, anche lei una donna, la malintenzionata si è scagliata sulla vittima e le ha versato su tutto il corpo il contenuto del recipiente. E proprio grazie alla prontezza dell’assistente sociale non si è consumata una tragedia.

LE URLA E L’ARRESTO

La destinataria dell’aggressione avvenuta questa mattina negli uffici del Comune di Andria, forse per l’odore della sostanza che le era stata appena gettata addosso, si è subito resa conto che la donna che si era scagliata contro di lei l’aveva ricoperta di benzina. Così si è messa subito ad urlare attirando l’attenzione oltre che degli impiegati come lei in servizio, soprattutto delle guardie municipali. Queste, mostrando una grande prontezza d’animo, sono subito intervenute per cercare di immobilizzare la donna e ci sono riusciti un attimo prima che riuscisse ad estrarre l’accendino dalla tasca scongiurando il rischio che l’assistente sociale prendesse fuoco. Dopo aver bloccato l’autrice dell’aggressione, i vigili urbani hanno affidato la donna alle forze dell’ordine che hanno provveduto ad arrestarla e adesso sono impegnate nel tentativo di risalire al movente di questo gesto scellerato.

I commenti dei lettori