Benevento, matrimonio rap: Ave Maria? No, Jovanotti/ Video, “Oh vita” e benedizione con biglietti concerto

- Paolo Vites

Benevento, matrimonio rap: niente Ave Maria, c’è Jovanotti: video. Prete celebra nozze con “Oh vita” e benedizione gli sposi con i biglietti del concerto. Le ultime notizie

jovanotti_le_canzoni_lorenzo_live_2018_facebook
Jovanotti

Benevento non è poi così piccola che un’altra parrocchia non si riesca a trovare, anche se spostarsi per un matrimonio richiede qualche certificazione e un po’ di sbattimenti. Chi scrive però nella basilica di San Bartolomeo a farsi sposare da una specie di Bob Marley con tanto di cappellino rasta in testa, barba e capelli lunghi, non ci andrebbe mai. Se i primi a non mostrare rispetto per i luoghi sacri sono i preti, il luogo sacro non esiste più, diventa infatti come in questo caso una discoteca del “penso positivo” che va bene, come si diceva una volta “per cani e porci”. Sì siamo offensivi perché di questi sacerdoti che non hanno capito nonostante il seminario e gli anni di servizio che il prete sull’altare è lì per far sentire ai fedeli la presenza di Cristo siamo stufi. Di associazioni per il volontariato buonista è pieno il mondo e, come dice papa Francesco, la Chiesa oggi rischia di essere una Ong qualunque.

BENEVENTO, MATRIMONIO RAP: AVE MARIA? NO, JOVANOTTI

E allora vescovi che cantano Vasco Rossi, parroci che riscrivono le canzoni di successo improvvisando balletti coi bambini durante la messa: ma che squallore. Nel caso in questione don Cosimo Cavalluzzo, noto per il suo impegno contro la criminalità organizzata in Campania, sarà pure una ottima persona, ma ha ben poco o niente del sacerdote. Il suo ultimo exploit lo ha fatto durante un matrimonio celebrato in basilica: dopo la benedizione finale, invece di cantare una Ave Maria, ha pensato bene di avvicinare il suo cellulare al microfono da cui ha sparato fuori l’ultimo successo di Jovanotti, il brano Oh Vita. Ecco, perché Jovanotti sa indicare la retta via agli sposi, mica Dio. Inizialmente i presenti sono sembrati un po’ scioccati poi tutti a battere le mani a tempo. Ma non è finita, perché come suo regalo personale don Cosimo ha regalato due biglietti per il prossimo concerto di Jovanotti. E a questo punto si è capito tutto: il Cosimo – Marley in realtà non è un sacerdote, ma di lavoro vende biglietti per i cantanti pop. Ma per favore, quanta tristezza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori