Gavirate, maestra di asilo nido arrestata/ Video, ciabatte in faccia e maltrattamenti ai bambini

Gavirate, maestra di asilo nido arrestata, video: ciabatte in faccia e maltrattamenti ai bambini. E’ accaduto nella giornata di ieri, in una struttura del varesotto

asilo_gavirate_2018
Alcune immagini dell'asilo di Gavirate

Una maestra di un asilo nido è stata arrestata nella giornata di ieri, colpevole di aver maltrattato alcuni bambini della struttura in cui lavora. L’insegnante ha 32 anni, e i carabinieri l’hanno arrestata presso l’asilo privato di Gavirate, in provincia di Varese, “Imparare è un gioco”. Nel mirino degli inquirenti, i metodi utilizzati dalla stessa maestra nei confronti dei piccoli, terrorizzati soprattutto al momento della pranzo. Pare che la stessa lanciasse delle ciabatte contro gli alunni, o che li rinchiudesse in una stanza buia se non facevano come diceva lei, o se non mangiavano il cibo che avevano nel piatto. Insieme alla maestra, posta agli arresti domiciliari, fermata anche la cuoca della struttura, che però avrebbe un ruolo marginale nella vicenda, arrestata dalle forze dell’ordine perché responsabile dello stesso asilo.

IL VIDEO DEI MALTRATTAMENTI

La maestra è stata arrestata praticamente davanti agli occhi di tutti, con i carabinieri della stazione di Besozzo che sono intervenuti a sirene spiegate, entrando nell’asilo mentre erano in corso le lezioni, con i genitori terrorizzati e spaesati per quanto stesse accadendo. Le indagini sono partite mesi fa, e come al solito gli inquirenti hanno utilizzato il materiale video registrato, dopo che sono state piazzate delle telecamere nascoste in vari punti strategici dell’asilo. La cuoca, di 38 anni, è stata denunciata a piede libero, mentre le accuse nei confronti dell’insegnante sono di maltrattamento nei confronti di minori. L’inchiesta è nata in seguito alla denuncia di alcuni genitori, insospettiti dai comportamenti dei propri figli, ritenuti poco ortodossi. Qui un breve filmato con alcune delle riprese delle telecamere, pubblicato da IlGiorno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori