Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Angelino Alfano, “Austria ha ritirato legge su consolati agli altoatesini”

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, 19 aprile 2018. Ultim’ora: Austria, Angelino Alfano annuncia “Governo Vienna ha ritirato legge sui consolati agli altoatesini di lingua tedesca”

Alfano_Doppio_Lapresse
Ultime notizie: Angelino Alfano - La Presse

LEGGE CONSOLATI AUSTRA RITIRATA

Negli scorsi mesi dopo le Elezioni in Austria il governo italiano aveva temuto che le proposte in campagna elettorale e le avvisaglie nell’ultima parte della legislatura precedente potessero sfociare in una legge particolare che avrebbe aperto consolati austriaci per gli altoatesini di lingua tedesca e ladina. Invece oggi, con l’avviso dato ufficialmente dal Ministro degli Esteri Angelino Alfano, questa legge pare sia definitivamente saltata: «Apprendiamo con soddisfazione che dal ministero degli Esteri austriaco è giunta notizia del ritiro del disegno di legge sull’Alto Adige. L’iter del procedimento legislativo è stato, infatti, bloccato», spiega dalla Farnesina il responsabile degli Esteri italiano. Secondo Alfano lo stop a questa legge rappresenta un passo molto positivo dopo le mosse dell’ambasciatore italiano a Vienna che ha cercato di riportare serenità e accordo sull’asse con Roma. «L’odierna decisione del governo d’Austria dimostra che la collaborazione tra Paesi europei è un bene da preservare con cura ed equilibrio», ha spiegato Alfano. (agg. di Niccolò Magnani)

BARI, BLITZ CONTRO CLAN CAPRIATI: 21 ARRESTI

Una vasta operazione della Polizia di Stato ha portato all’arresto di 21 persone a Bari e provincia. Gli investigatori ritengono che siano esponenti di spicco e gregari del clan “Capriati”, attivo nel Borgo Antico e in altri quartieri del capoluogo pugliese. Il blitz è partito alle prime luci dell’alba. I capi di imputazione sono diversi per le persone arrestate, che a vario titolo devono ora rispondere di associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti aggravata dal metodo mafioso e dall’uso delle armi, porto e detenzione di armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e continuate, associazione per delinquere aggravata e finalizzata alla realizzazione di furti. L’inchiesta è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) e condotta dalla Squadra mobile della Questura di Bari. (agg. di Silvana Palazzo)

CONSULTAZIONI CASELLATI: CENTRODESTRA-M5S, IL GIORNO DECISIVO

È stato affidato stamani dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella un incarico esplorativo Elisabetta Alberti Casellati presidente del Senato. L’incarico che scadrà venerdì prossimo è limitato a verificare l’esistenza di un eventuale maggioranza centro-destra e Movimento 5 Stelle. La seconda carica dello Stato ha iniziato immediatamente i suoi colloqui istituzionali, cercando di dipanare una matassa che appare sempre più intricata stante i veti incrociati emersi già dalle prime fasi. La situazione paradossalmente vede una berlusconiana di ferro dover convincere Silvio Berlusconi a tirarsi fuori dai giochi politici, e a spianare così un eventuale esecutivo grillino. È la seconda volta che un incarico esplorativo viene affidata una donna. Nel passato infatti a fare le veci del Presidente della Repubblica era stata chiamata solamente Nilde Iotti alla fine degli anni 70.

MORTA BARBARA BUSH

È morta nella sua casa attorniata dall’affetto dei suoi cari Barbara Bush ex first lady degli Stati Uniti d’America. La donna che è stata moglie per 73 anni dell’ex presidente George Bush era anche madre di George W. Bush. Barbara da lungo tempo malata aveva rifiutato l’ennesimo ricovero e a quanto si apprende è rimasta lucida fino alla fine. I funerali sono stati fissati per sabato mattina alle 11 ora locale. Immediatamente sono arrivati ai familiari messaggi di cordoglio dei presidenti emeriti, tra di essi Barack Obama e Bill Clinton, insieme alle consorti, che hanno elogiato la grinta che contraddistingueva la donna.

INDAGATI I GENITORI DI RENZI

Con la chiusura delle indagini e la contestuale notificazione degli avvisi di garanzia sono ufficialmente indagati i genitori dell’ex premier Matteo Renzi. La procura con questo atto vuole vedere chiaro su alcune presumibili false fatturazioni messe in atto da Tiziano Renzi è da sua moglie Laura Bovoli, nell’indagine a vario titolo rientra anche l’imprenditore Luigi D’Agostino. Nessuna dichiarazione è arrivata dall’ex segretario del partito democratico che nel passato aveva sempre professato l’innocenza dei suoi congiunti. Da indiscrezione rese note dalla procura l’indagine ruoterebbe su due fatture per un totale presunto di 160.000 euro.

SERIE A, SIMY RIAPRE IL CAMPIONATO

Un gol in rovesciata di Simy riapre a sorpresa la corsa allo Scudetto. La Juventus impatta 1-1 a Crotone e in pochi minuti si ritrova da +9 a +4 sopra il Napoli che stava perdendo contro l’Udinese e che chiude la gara 4-2. Ora domenica sera Juventus Napoli potrebbe davvero chiudere il discorso, come se fosse una finale. Bene la Roma di Eusebio Di Francesco che supera 2-1, non senza difficoltà, il Genoa allo Stadio Olimpico. Incredibile la gara del Franchi tra Fiorentina e Lazio dove la gara termina 3-4 tra mille polemiche soprattutto da parte dei biancocelesti. Il Milan non riesce ad andare oltre il risultato di 1-1 contro il Torino con Andrea Belotti che sbaglia anche un calcio di rigore. Ecco tutti gli altri risultati: Benevento Atalanta 0-3, Sampdoria Bologna 1-0, Spal Chievo 0-0, Verona Sassuolo 0-1.

NBA, PRIMA SCONFITTA PER IL PHILADELPHIA

Ed è la prima sconfitta quella di ieri sera per il Philadelphia di Marco Bellinelli, dopo ben 17 vittorie di seguito. Contro il Miami Heat la squadra ha perso 113 a 103, portando dunque la posizione delle due squadre in perfetta parità.I atleti che si sono distinti durante la partita sono stati Ben Simmons (ventiquattro punti) e Dwayne Wade, il migliore con ventotto punti e sette rimbalzi.

MARATONA NEW YORK, VINCITRICE UNA STATUNITENSE DOPO 33 ANNI

Era il lontano 1985 l’ultima volta che una statunitense è salita sul podio del vincitore della famosissima maratona di New York, che si svolge ogni anno nel terzo lunedì del mese di aprile. Ma ieri la campionessa Desiree Linden ha sfidato il maltempo e la fatica tagliando per prima l’ambito traguardo,in sole 2h39m54s.Primo uomo a salire sul podio il giapponese Yuki Kawauchi che ha impiegato 2h15m59s.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori