Meteo, caldo record in Italia poi violenti temporali/ Previsioni: da settimana prossima si torna alla normalit

Meteo, caldo record in Italia poi violenti temporali: da settimana prossima si torna alla normalità. Sembrerebbe avere i giorni contati l’estate anticipata del Bel Paese: ecco il quadro

sole_pixabay_2017
Meteo, caldo e afa in vacanza: in arrivo l'aria fresca

E’ caldo record in Italia, e in gran parte dell’Europa. La colonnina di mercurio sta toccando quota 30 gradi, per dei valori che sanno di mese di luglio, e di certo, non di aprile. Una situazione anormale, come confermato dai principali meteorologi, e che anche per questo dovrebbe avere vita breve. Stando a quanto dicono gli esperti, sottolineato in particolare da meteogiornale.it, con l’arrivo della prossima settimana torneranno ad abbassarsi le temperature di una decina di gradi, assestandosi quindi sulle medie del periodo. Intanto ci godiamo il bel tempo, e il caldo, anche se trattandosi di un evento non consuetudinario, si creeranno non pochi problemi a piante, quindi frutta e verdura, oltre che allergie, stanchezza e spossatezza.

PEGGIORAMENTO GIA’ DAL 25 APRILE

Dopo l’anticiclone europeo ci sarà un promontorio di alta pressione subtropicale che abbraccerà ancora la nostra penisola, con le temperature estive che perdureranno fino alla prossima settimana, forse fino alla fine del mese. A quel punto però, come anticipato sopra, si tornerà alla normalità, visto che il caldo lascerà spazio al fronte polare che investirà l’Europa. Attenzione però, perché tale incontro fra aria calda e fredda, potrebbe dare vita ai classici temporali estivi, molto forti e violenti, le famose “bolle d’acqua tropicali” che abbiamo imparato a conoscere molto bene negli ultimi anni. Il maltempo potrebbe iniziare ad insinuarsi già dal 25 aprile, con l’arrivo di aria fresca che investirà prima i rilievi alpini, quindi la Pianura Padana, creando tempo instabile. Successivamente, tutto il paese verrà investito dal maltempo, e addio, almeno per adesso, all’estate anticipata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori