Strage sulle Alpi, 14 morti: 7 italiani/ Sopravvissuto: “Ho capito cos’è l’inferno”

- Niccolò Magnani

Tragedia in Svizzera: 5 alpinisti sono morti congelati a 3mila metri e altri 6 sono gravissimi. Una tempesta di gelo ha impedito di raggiungere il rifugio: sono tutte vittime italiane

valanga_slavina_montagna_alpinisti_elicottero_soccorso_lapresse_2018
Immagine di repertorio

Tommaso Piccioli è uno dei sopravvissuti della tragedia svizzera, una strage sulle Alpi: quattordici in totale i morti, di cui sette italiani. Tra i salvi, Piccioli ha rilasciato una lunga intervista al TG3 in cui ha raccontato gli attimi di paura vissuti. “Adesso ho capito che cos’è l’inferno”, a testimonianza della grande paura: “L’inferno è quella cosa lì, non può essere altro che quel freddo lì e una notte come quella”. L’uomo, come sottolinea il Corriere della Sera, sta rientrando a Milano, dopo aver passato la sua notte all’addiaccio accanto a una ragazza tedesca, alla quale ha ripetuto nel corso delle travagliate ore: “Devi muoverti, ti prego muoviti, non ti fermare. E non dormire, non addormentarti”. Il kit di sopravvivenza recita chiaro in queste situazioni: non fermarsi mai e non cedere al sonno, che significherebbe morire. Una notte di inferno, che Tommaso è riuscito a superare… (Agg. Massimo Balsamo)

“VOLEVO LASCIARMI MORIRE”

Quello di Tommaso Piccioli, l’architetto sopravvissuto all’escursione da Chamonix a Zermatt sulle Alpi svizzere in cui hanno perso la vita per ora 7 persone, è un racconto a dir poco tragico. Intervistato dal Tg3, il testimone del dramma consumatosi in quella che doveva essere una bella avventura, ha ammesso:”Era una gita difficile non da fare in una giornata dove alle 10 sarebbe iniziato il brutto tempo: non era neanche da pensarci”. Ma a destare impressione è soprattutto il racconto della serie di errori commessi dal gruppo, che uno dietro l’altro hanno portato alla tragedia collettiva, come riporta l’Ansa:”Abbiamo sbagliato strada e ci siamo trovati nella bufera. Ci siamo persi quattro o cinque volte. Ho portato avanti il gruppo io perché ero l’unico ad avere un gps funzionante fino a che siamo arrivati a un punto in cui non si poteva più procedere perché con quella visibilità non era possibile. E’ arrivata la notte. Ci siamo fermati in una sella e anche quello è stato un errore perché non ci si ferma nelle selle quando c’è il vento. Devi fermarti in un punto riparato e scavare un buco. Ho cercato di non addormentarmi e ci sono riuscito, tutto lì,  perché in quelle situazioni se ti addormenti sei finito: l’ipotermia ti prende e ti uccide. Bisogna muoversi, muoversi, respirare e solo pensare di non morire. Ogni tanto mi veniva la voglia di lasciarmi morire, dopo pensavo a mia moglie. Eravamo tutti italiani tranne tre. Non sapevamo che la gita fosse lunga e impegnativa perché non ce l’aveva detto. Io sapevo già che sarebbero morti quasi tutti, comunque più della metà”. (agg. di Dario D’Angelo)

ALPI: 14 MORTI IN SETTE INCIDENTI

È davvero qualcosa di incredibile quanto successo nel giro di poche ore sulle Alpi, dalla Svizzera fino a quelle Bellunesi, passando per Monte Bianco, Monte Rosa e alpi francesi: sono in tutto 7 incidenti in alta montagna con un bilancio terribile. 15 morti, di cui 7 sono italiani: la tragedia più grande è quella avvenuta sulla via verso Zermatt in Svizzera con gli escursionisti rimasti intrappolati per ore di notte al gelo, con il tragico destino di avere il rifugio a pochissimi metri ma senza riuscire a raggiungerlo per la mancanza di punti di riferimento e visibilità sotto la tempesta di neve. Ma non è purtroppo l’unico epilogo drammatico di queste ore sulle Alpi: due scialpinisti sono rimasti travolti sotto la valanga del ghiacciaio Allalin, nel cantone vallese (uno si è salvato), mentre un’altra vittima è stata segnalata sulle Alpi svizzere per una slavina staccatasi ieri sulla salita Feechopf, 3.888 metri nel Vallese. Escursioni fatali anche sul Monte Rosa e Monte Bianco, mentre due esperti membri del Soccorso Alpino sono morti sulle Alpi bellunesi questa mattina dopo essere scivolati in un canalone. Sono i tutto 15 morti, in 7 diversi incidenti e con 7 vittime italiane: una tragedia immane nel giorno che doveva essere di vacanza e svago dal mondo del lavoro. (agg. di Niccolò Magnani)

LA GUIDA MORTA SUBITO: CERCAVA IL RIFUGIO PER GLI ALTRI COMPAGNI

Il primo dei 5 alpinisti italiani a morire durante una spedizione sulla Alpi svizzere nella haute route Chamonix-Zermatt, è stato Mario Castiglioni, la guida della compagnia, precipitato dalle rocce mentre stava cercando di individuare il sentiero per il rifugio de Vignettes dopo che insieme ai compagni era stato sorpresa da una violenta bufera a 3mila metri di altitudine. A riportarlo è il quotidiano svizzero Le Nouvelliste, ricostruendo la dinamica della tragedia. Gli altri scialpinisti, 13 in tutto, senza punti di riferimento, hanno trascorso la notte a poche centinaia di metri dalla struttura che li avrebbe messi in salvo, “a cinque minuti con gli sci”. Le temperature nella notte tra domenica e lunedì sono scese fino a -5 gradi con il vento che soffiava a circa 80 km/h. Nel frattempo il drammatico bilancio delle vittime continua a salire: sono 7, per ora, i morti sulle Alpi Svizzere. (agg. di Dario D’Angelo)

LA TESTIMONIANZA 

Sono purtroppo tutti e 5 italiani gli alpinisti morti nella tragedia sulla via a tremila metri di Zermatt: anche la quinta vittima, ancora non resa pubblica la sua identità, è di nazionalità italiana mentre la Farnesina ha confermato che non vi sono dispersi e che tutti gli altri escursionisti sorpresi dalla “trappola sulle Alpi” sono ricoverati nei vari ospedali della Svizzera. All’Ansa è intervenuto brevemente uno dei pochi sopravvissuti alla tragedia: si tratta di Tommaso Piccioli, uno dei partecipanti alla spedizione con gli amici bolzanini (lui vive con la moglie australiana dall’altra parte del mondo, ma era qua per votare e proprio per compiere questa escursione, ndr). «Sto bene. Mi hanno appena dimesso dall’ospedale». Il padre Stefano ha invece voluto raccontare nel dettaglio quanto l’architetto milanese sopravvissuto nella trappola del gelo a Zermatt ha dovuto passare nelle scorse tragiche e immaginiamo inquietanti ore: «Sono all’ospedale. È successa una cosa gravissima e sono sopravvissuto grazie alla mia esperienza», questa la prima telefonata di Tommaso al padre Stefano Piccioli, con relativa spiegazione poi di quanto avvenuto. « È rimasto sveglio tutta la notte. Non so come ha fatto. Spronava anche gli altri, a muoversi a non dormire ma nel buio non li vedeva. Non sapeva dov’erano»: una volta arrivata l’alba, lui e una escursionista tedesca hanno intravisto dall’altro lato della vallata un gruppo di sciatori e hanno iniziato ad urlare “help”. Da lì la macchina dei soccorsi è riuscita a raggiungere in breve gli escursionisti ma quasi tutti i suoi amici di Bolzano erano già tutti morti assiderati. 

4 ITALIANI MORTI DELLE 5 VITTIME SULLE ALPI

Le voci di ieri sera ora diventano conferme drammatiche: dei 5 alpinisti morti sulle Alpi nelle scorse ore ben 4 erano italiani, escursionisti esperti e navigati che sono rimasti intrappolati nel ghiaccio e nella tempesta di gelo avvenuta mentre stavano percorrendo la grande via Chamonix-Zermatt sulle Alpi svizzere. Oltre alla guida della spedizione, il comasco (ma residente in Svizzera) Marco Castiglioni, le vittime sono state confermate dalle autorità di soccorso intervenuti dopo ore di difficili condizioni meteo: si tratta di alpinisti esperti tutti di Bolzano, Gabrielle Bernardi (53 anni), Marcello Alberti (53enne) ed Elisabetta Paolucci. Erano compagni di cordata e di gite ormai da tempo, assieme anche agli altri escursionisti rimasti poi feriti e mezzi assiderati per l’impossibilità di poter arrivare al rifugio in tempo prima della notte all’addiaccio. L’operazione di salvataggio è partita dopo un allarme lanciato dal gestore del rifugio verso le 6.30. Sette gli elicotteri impiegati per cercare tutti gli alpinisti esperti Cai che si trovavano in difficoltà. 4 di loro, purtroppo, non ce l’ha fatta nella immane tragedia sulle montagne.. 

CI SONO ITALIANI COINVOLTI NELLA TEMPESTA

Arrivano conferme riguardo al fatto che ci siano anche italiani coinvolti nella terribile valanga tra Chamonix e Zematt, che ha già fatto registrare 4 alpinisti morti e 5 feriti in modo molto grave. In generale il gruppo era composto da 14 persone, delle quali 5 se la sono cavata con un’ipotermia leggera o comunque risolvibile. La Farnesina è al lavoro per capire se tra gli italiani coinvolti ci siano delle vittime, oppure se facciano solamente parte del gruppo dei feriti. Le notizie stanno arrivando alla spicciolata anche perché come detto metà del gruppo non è in grado di comunicare (oltre alle vittime, i 5 feriti verserebbero in condizioni molto serie). In più il gruppo, a causa delle avverse condizioni meteorologiche, è stato trasferito alla spicciolata in diversi ospedali, e questo sta rallentando la ricostruzione del quadro generale della tragedia. (agg. di Fabio Belli) 

ALTRE 2 VITTIME SUL MONTE BIANCO

Non bastavano i 4 morti tra Chamonix e Zermatt sul lato svizzero delle Alpi: ora giunge un’altra tragica notizia, questa volta dal Monte Bianco dove in un altro incidente in alta montagna hanno perso la vita due scialpinisti sul massiccio del Monte Bianco a Chamonix. Un 35enne di Annecy è morto a causa delle pessime condizioni del meteo sull’Auguille Verte, mentre in una valanga sul versante est dell’Auguille du Midi tre sciatori sono rimasti illesi mentre il quarto compagno non ce l’ha fatta, rimanendo travolto dalla slavina. Tornando sulla tragedia a pochi metri dal rifugio nella zona di Pigne d’Arolla, Steve Loger (portavoce della Polizia Cantonale) ha spiegato che le due comitive di escursionisti «facevano parte di due gruppi che avevano lasciato il rifugio alle 10 di domenica». A quel punto, spiega ancora il responsabile delle ricerche alpine di queste ore in Svizzera, la tempesta di gelo e neve ha colpito sorprendendoli a 3mila metri: «per quel motivo hanno dovuto passare la notte all’adiaccio». In una intervista breve a Rai News24, uno dei responsabili del soccorso alpino italiano ha spiegato che ci sarebbe un corpo rinvenuto anche sul versante italiano: «il maltempo ha finora impedito di recuperare il corpo dello sfortunato alpinista, ma prima del buio dovremmo riuscire a mandare una squadra se le condizioni lo permetteranno», di fatto confermando che l’uomo sia ormai tragicamente senza vita. 

HANNO DORMITO AL FREDDO

Una tragedia improvvisa e un’evoluzione dei fatti davvero tremenda a pochi chilometri dal nostro Paese: in Svizzera quattro alpinisti sono morti e altri cinque versano in gravissime condizioni dopo che sono stati costretti a passare una notte all’addiaccio a circa 3200 metri. Il motivo è il maltempo con una improvvisa tempesta di gelo che ha di fatto impedito al gruppo di 14 escursionisti (francesi, tedeschi e italiani) il raggiungimento del rifugio Cabane des Vignettes: l’escursione sull’Haute Route tra Chamonix (Francia) e Zermatt (Svizzera) si è trasformata in un incubo quando una nel tardo pomeriggio di ieri si è capito che non si sarebbe riusciti a raggiungere il rifugio per le condizioni proibitive del maltempo. La capanna-rifugio è a 3157 metri di quota, sopra la località di Arolla e fino all’ultimo il gruppo di 14 escursionisti dopo una traversata difficilissima hanno tentato di raggiungerlo. «Un vento gelido, accompagnato da folate di neve, ha fatto scendere repentinamente le temperature sotto i meno 5 gradi», spiega il metereologo Daniel Masotti al giornale Le Nouvelliste.

LA TEMPESTA E LA TRAGEDIA

Poi questa mattina i primi interventi del soccorso alpino dopo che le condizioni del meteo sono divenuti leggermente migliori per il volo degli elicotteri: attorno alle 6.30 sono giunte le prime squadre per salvare la comitiva ma purtroppo in 4 erano già morti (o sono mancati nel trasporto verso gli ospedali). Gli alpinisti sono stati trasportati agli ospedali di Sion e di Martigny, nel Canton Vallese, e agli ospedali universitari di Berna e Losanna: 5 ora sono in gravissime condizioni, con il soccorso alpino svizzero che ha fatto sapere di trovarsi di fronte a due distinte comitive, di 10 e 4 alpinisti “separati”. Le identità degli sventurati colti dall’improvviso maltempo a tremila metri e bloccati per una notte all’addiaccio ancora non sono state rese note alla stampa mentre le famiglie degli escursionisti restano ovviamente con il fiato sospeso in attesa di una comunicazione sullo stato di salute dei loro cari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori