Mauro Pianta è morto/ Il giornalista piemontese stroncato da un arresto cardiaco dopo una gastroscopia

- Anna Montesano

Morto all’età di 47 anni Mauro Pianta, noto giornalista piemontese de La Stampa. Stroncato da un arresto cardiaco dopo una gastroscopia in sedazione totale

mauro_pianta
Mauro Pianta, giornalista La Stampa

Tragedia per il mondo del giornalismo: è morto Mauro Pianta, all’età di 47 anni. Il noto giornalista piemontese ci ha lasciati questa mattina, alle Molinette di Torino, a seguito di arresto cardiaco che gli è stato fatale. Come si legge su La Stampa, tutto è avvenuto al termine di una gastroscopia con radiofrequenza alla quale Mauro Pianta si è sottoposto presso il reparto di Medicina dell’ospedale torinese. Il giornalista è stato sedato totalmente durante un Day Hospital. L’infarto è arrivato proprio dopo la gastroscopia, appena dopo il risveglio dall’anestesia. L’infarto è stato inevitabile e purtroppo fatale. Al momento si attende l’autopsia e le sue risposte per comprendere se esiste un nesso tra l’esame di gastroscopia e l’arresto cardiaco.

CHI ERA MAURO PIANTA

Mauro Pianta lascia un grosso vuoto nel giornalismo italiano. Nato a Torino nel 1971, Pianta aveva 47 anni ed era appassionato di letteratura e storia ed aveva una moglie e due figli. Il giornalista vanta una lunga collaborazione con La Stampa, iniziata nel 2006, con reportage, servizi di attualità, cultura, economia e società. Ha lavorato anche per agenzie di comunicazione, agenzie di stampa oltre che per testate quali Il Sole 24 Ore, Il Corriere della Sera e Il Foglio. Mauro Pianta era laureato in Scienze Politiche con una tesi in Storia moderna, ed è stato redattore di Vatican Insider da giugno 2011 a gennaio 2017. “Ha partecipato alla prima, difficile fase della nostra testata online, quella dell’avvio, sempre piena di problemi, di intoppi e di imprevisti. – si legge sul sito de La Stampa -. Ha vissuto insieme a tutti noi eventi quali la rinuncia di Benedetto XVI e il conclave per l’elezione del suo successore”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori