ISIS RITOCCA FOTO DI UN TURISTA ITALIANO A NEW YORK/ Allerta terrorismo: scagionato dopo l’interrogatorio

- Emanuela Longo

Isis ruba e ritocca foto di italiano a New York: turista sardo raggiunto e interrogato dall’Fbi dopo l’allerta terrorismo causata dal selfie modificato e finito online.

isis_foto_rubata_nypost
Isis ruba e ritocca foto di italiano a New York

La questione del turista sardo scambiato per un terrorista dell’Isis a causa di una sua foto ritoccata da militanti del sedicente stato islamico, ha rilanciato il tema della sicurezza di dati e foto su internet. Certo, l’aver indossato un passamontagna nero nel suo selfie davanti al Metropolitan Museum di New York ha sicuramente agevolato lo “scherzo”, se così si può chiamare, di cui è stato vittima il turista italiano. Ma questo significa, visto che è molto comune indossare un passamontagna a temperature come quelle di New York, che d’inverno scendono spesso di diversi gradi sotto lo zero, che chiunque può essere a tiro di scherzetti della propaganda di questo tipo. Sicuramente essere interrogato dall’FBI per una foto è stata una sorpresa non gradevole per il turista, ma proprio l’interrogatorio ha permesso di chiarire tutti gli aspetti, garantendo di risolvere questo singolare inconveniente. (agg. di Fabio Belli)

INTERROGATO DALL’FBI

Un’avventura quantomeno bizzarra, quella che vede protagonista un turista italiano a New York, finito a sua insaputa nel mirino dell’Fbi per un suo presunto legame con l’Isis e minacce agli Usa. La vicenda, venuta alla ribalta grazie al New York Daily News e poi ripresa anche dai quotidiani italiani tra cui Unione Sarda è abbastanza controversa: l’uomo, un sardo, lo scorso gennaio si trovava in vacanza nella Grande Mela quando decise di scattarsi un semplice selfie, tipico dei turisti, proprio davanti al Metropolitan Museum of Art. Siamo in pieno inverno ed il turista nostrano, per via del grande freddo e della neve, indossa un passamontagna nero. Lo scatto viene postato sui social e tutto sarebbe finito lì, nei ricordi virtuali dell’ignaro visitatore, se non fosse che la stessa foto, per chissà quale oscura ragione, sia finita nel mirino di qualcuno, evidentemente vicino all’estremismo islamico. Così quel selfie innocuo, una volta scaricato e ritoccato, è diventato una minaccia Isis per gli Usa poiché proprio sul passamontagna è stato aggiunto il tipico “logo” dello Stato Islamico. Quanto basta per far prontamente scattare l’allerta terrorismo in America.

TURISTA ITALIANO UNA VITTIMA IGNARA

Dopo aver rubato la foto del turista italiano, averla ritoccata e rimessa online con relative minacce agli Usa, l’antiterrorismo americano non poteva di certo restare con le mani in mano. Le minacce sono reali? Ci sarà un attacco al Museo di New York? O forse si tratta solo di un falso allarme? Nel tentativo di rispondere a questi dubbi è scesa in campo anche l’Fbi che è arrivata fino in Sardegna pur di interrogare il turista, identificato grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza del museo e i movimenti sulla sua carta di credito. Solo dopo attente indagini, dunque, l’Fbi ha appurato che lo stesso italiano era una vittima dell’intera vicenda. Citato dal Daily News, Bryan Paarmann, agente speciale della Divisione antiterrorismo dell’Fbi a New York si è limitato a commentare quanto realmente accaduto ai danni del povero italiano: “Ha solo postato una foto sui social media. L’Isis l’ha poi presa e aggiunto il suo logo alla sciarpa, per far credere di aver messo nel mirino il Museo. Hanno insomma rubato lo scatto, ma in realtà l’uomo ritratto è solamente un turista”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori