GENOVA, 24ENNE CADE DAL MURETTO E MUORE/ Precipita per recuperare la felpa fuori dalla discoteca

- Dario D'Angelo

Genova, 24enne cade dal muretto e muore: tragico destino per un giovane ecuadoriano fuori dalla discoteca Estrella. Stava cercando di recuperare la felpa ma ha perso l’equilibrio…

carabinieri_incidente_lapresse_2017
Cuneo, accoltella madre e zia poi minaccia suicidio (LaPresse)

Un tragico destino: è quello a cui è andato incontro questa mattina un giovane di 24 anni di nazionalità ecuadoriana, morto dopo essere caduto dal muretto antistante la discoteca Estrella di Genova, in zona Dinegro nel quartiere Samperdarena. Come riportato da Il Secolo XIX, erano da poco passate le 5 di mattina quando gli ultimi avventori, compresa la vittima, stavano lasciando il locale. Dal racconto dei testimoni presenti sul posto, il ragazzo avrebbe perso l’equilibrio nel tentativo di recuperare la felpa che gli era rimasta impigliata in una balaustra. Evidentemente, però, il giovane si è sporto troppo oltre il muretto che affaccia sull’area portuale ed è caduto rendendosi protagonista di un volo di oltre 10 metri. A nulla è valso l’immediato arrivo dei soccorsi: all’arrivo immediato dei sanitari sul posto il decesso era già avvenuto.

IL GIOVANE ERA UBRIACO

Stando a quanto ricostruito da alcuni dei testimoni ascoltati dagli inquirenti – amici della vittima, un buttafuori della discoteca Estrella e un passante – il giovane morto a Genova dopo essere precipitato da un muretto era ubriaco al momento della tragedia. Stando al racconto, il 24enne sotto l’effetto dell’alcol si stava divertendo a lanciare in aria la sua felpa quando quest’ultima si è impigliata ad uno spuntone. Nel tentativo di recuperarla, però, il giovane ha perso l’equilibrio ed è precipitato per oltre dieci metri. Una tragedia dunque evitabile quella che ha portato alla morte del ragazzo, arrivata a conclusione di una lunga notte all’insegna del divertimento (probabilmente eccessivo). Gli inquirenti comunque in queste ore stanno continuando gli accertamenti del caso per verificare con sicurezza il reale svolgimento dell’accaduto. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori