Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Germania, furgone sulla folla a Münster: terrorismo (7 aprile)

- Matteo Fantozzi

 Ultime notizie di oggi, ultim’ora: attentato terroristico a Münster, in Germania? Un furgone si è abbattuto sulla folla: il bilancio per ora è di 3 morti e 30 feriti (7 aprile 2018).

polizia_germania_terrorismo_bomba_attentato_lapresse_2017
Polizia (Foto: LaPresse)

ATTENTATO TERRORISTICO A MUENSTER

Almeno 3 morti e più di 30 feriti: è questo il primissimo bilancio di quello che sembra essere a tutti gli effetti un attentato terroristico nel quartiere di Kiepenkerl, a Münster, in Germania. Secondo quanto riportato dallo Spiegel, un furgone si sarebbe abbattuto sulla folla falciando decine di passanti. Nella zona del presunto attacco è stato subito il caos, come si può notare dalle prime immagini e dai video che stanno circolando sul web a pochi minuti dall’attacco. Tavolini e sedie dei bar spazzati all’aria, persone che si dileguano alla ricerca di un posto sicuro mentre la polizia sta cercando di prendere il controllo della situazione e di mettere tutta l’area in sicurezza. Negli ultimi minuti però ci sarebbero pochissimi dubbi rispetto a quanto accaduto: siamo di fronte ad un nuovo attentato terroristico in Germania? (agg. di Dario D’Angelo)

TRUMP, STOP AL “CATCH AND RELEASE”

Pugno di ferro di Donald Trump sull’immigrazione. Il presidente degli Stati Uniti ha firmato un memorandum per porre fine alla prassi nota negli Usa come ‘catch and release’ (cattura e rilascia), per cui gli immigrati illegali dopo essere stati arrestati vengono liberati in attesa dell’udienza sul loro status. A renderlo noto è stata la Casa Bianca, sottolineando che nel memorandum Trump ha chiesto una lista delle strutture penitenziarie, comprese quelle militari, disponibili ad ospitare i detenuti clandestini. Il presidente Usa ha dato al segretario per la sicurezza nazionale un tempo di 45 giorni affinché, coordinandosi con il Pentagono, con l’attorney general e con il segretario alla Sanità, descriva dettagliatamente tutte le misure che i diversi dipartimenti hanno messo in atto o stanno ponendo in essere per mettere fine al catch and release. (agg. di Dario D’Angelo)

CONSULTAZIONI, CENTRODESTRA UNITO DA MATTARELLA

Nel primo giorno post consultazioni importante novità in casa centro destra, rispondendo Infatti all’invito del leader della Lega Matteo Salvini, Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno acconsentito di salire al Colle, per le prossime consultazioni, in maniera unitaria. La novità è un chiaro segnale nei confronti del MoVimento 5 Stelle, che nei giorni scorsi aveva cercato di spaccare l’alleanza, proponendo solamente alla Lega di fare parte di un eventuale primo governo grillino. Nella giornata odierna da sottolineare anche la presa di posizione del Partito Democratico, il reggente di quest’ultimo, Martina, ha Infatti dichiarato che il suo partito non è disponibile ad un governo a matrice pentastellata. Da parte sua Di Maio spinge sull’acceleratore per avere dal capo dello Stato l’incarico pieno a formare il nuovo esecutivo.

2 MORTI DI PICCOLI PAZIENTI CHE FORSE SI POTEVANO EVITARE

Doppio caso di decessi di piccoli pazienti, che forse con un po’ di attenzione in più si potevano evitare. Il primo caso a Catania dove un neonato di appena 10 mesi ha trovato la morte per le complicanze legate al morbillo. Il neonato, di cui non sono state rese le generalità, è stato trasportato due giorni fa in condizioni gravissime all’ospedale Garibaldi del capoluogo etneo, nonostante tutti gli sforzi dei sanitari il decesso è avvenuto questa mattina. Dai primi accertamenti sembrerebbe che il neonato abbia contratto la malattia dalla madre, che nel passato aveva rifiutato di vaccinarsi. Il secondo caso è avvenuto a Brescia, dove una ragazzina di 4 anni è deceduta per le complicazioni legate ad un otite mal curata, la ragazzina era stata portata dai genitori in ospedale ma rimandata a casa senza essere ricoverata. Per questo secondo caso il ministro della salute Lorenzin ha inviato gli ispettori nel nosocomio bresciano.

DURI SCONTRO SULLA STRISCIA DI GAZA

5 morti a un migliaio di feriti questo è il bilancio di nuovi violenti scontri avvenuti al confine con lo Stato di Israele. L’esercito con la stella di Davide non ha esitato a sparare quando un nutrito numero di manifestanti si è avvicinato alle recinzioni che proteggono il confine. Non è la prima volta che in quella zona di confine a vengono duri scontri, la settimana scorsa in una simile situazione sono state registrate 16 vittime. Un alto esponente dell’ esercito israeliano ha giustificato i militari, affermando che sono stati i manifestanti ad attaccare per primi le installazioni di confine, con colpi di arma da fuoco ed ordigni esplosivi.

ELICOTTERO DELLA MARINA CADE IN ACQUA, UN MORTO

Un elicottero della Marina Militare è precipitato in acqua, mentre era impegnato in una missione d’addestramento. Il veicolo per cause sconosciute ha mancato l’appontaggio su “Nave Borsini”. Stante la vicinanza con l’unità militare immediati i soccorsi che hanno permesso di recuperare i 5 occupanti, purtroppo uno di loro non è riuscito a sopravvivere. Il militare morto è il primo maresciallo specialista Andrea Fazio, alla famiglia di quest’ultimo sono immediatamente giunte le condoglianze del ministro Pinotti. La procura in merito all’incidente ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di “omicidio colposo”.

SERIE A, SI TORNA IN CAMPO CON LA ROMA PROTAGONISTA

In attesa di giocare il ritorno di Champions League al Santiago Bernabeu, i bianconeri si rituffano nel campionato alla ricerca del successo per mantenere a debita distanza il Napoli. La sfida è un autentico testacoda, con l’incrocio sul terreno del Benevento, ultimo in classifica. Per Allegri è l’occasione per effettuare un discreto turnover con Szczesny che torna titolare al posto di Buffon ed anche Mandzukic e Cuadrado in campo fin dal primo minuto, mentre ci sarà un turno di riposo per Chiellini con l’ingresso di Rugani. Allegri vuole “blindare” il vantaggio nei confronti di Sarri per poi provare quella che sembra un’impresa disperata contro gli spagnoli ed ha dichiarato “Siamo leoni feriti, non morti”, mettendo anche a tacere le voci che parlavano di un possibile distacco dalla Juventus a fine stagione. Dopo la sfortunata prova del Camp Nou anche la Roma di rituffa nel campionato e ospita nell’anticipo la Fiorentina. Di Francesco manderà in campo una squadra con diversi cambi rispetto a quella vista in casa del Barcellona, sicuramente senza Perotti e Under, e non sa se potrà contare su Nainggolan. In attacco di sarà staffetta tra Dzeko, in rete in Champions, e Schick. Il tecnico giallorosso teme il buon momento della formazione viola, che ha vinto le ultime 5 partite disputate. Completano la giornata di anticipi Spal Atalanta alle ore 18.00 e Sampdoria Genoa alle 20.45.

F1, PRIMA GIORNATA DI PROVE: BENE LA FERRARI

Le prove libere del GP del Bahrein si sono aperte con una grande prova delle Ferrari. Sono infatti le due vetture di Maranello di Raikkonen e Vettel ad essersi classificate al 1° e 2° posto, lasciando le due Mercedes di Bottas e Hamilton a mezzo secondo di distacco. Le due “rosse” hanno quindi messo alla frusta gli avversari diretti ed anche le due Red Bull che sono in quinta e sesta posizione con Verstappen e Ricciardo. Dopo la prima giornata sale quindi l’attesa per le prove ufficiali per la pole position, in programma domani alle 17.00 ora italiana. Oggi andranno in scena le qualifiche

MOTOGP, MARQUEZ IL MIGLIORE NELLE LIBERE

Grande attesa per il ritorno della MotoGp con interesse per vedere come andrà Valentino Rossi con la sua Yamaha. Intanto nelle prove libere spunta un grandissimo Marquez che fa il migliore tempo nella Fp2 e si dimostra in grande forma in attesa delle qualificazioni che andranno in scena oggi. Andrea Dovizioso invece delude e si posiziona solo ventiquattresimo e proprio da questa ”sconfitta” si prepara per rifarsi prima in qualifica e poi nella gara. L’attesa sale e i protagonisti proveranno a dire la loro, sperando che li accompagni anche un pizzico di fortuna.

COPPA DAVIS, ITALIA FRANCIA 1-1

Nella prima giornata del turno di quarti di finale della manifestazione tennistica a squadre più importante, Italia e Francia hanno vinto un incontro ciascuna. Prima è sceso in campo Seppi, che è stato battuto da Pouille con il punteggio di 3 set a 2 ed una battaglia molto lunga, Dubito dopo è stata la volta di Fognini che se la doveva vedere con Chardy ed ha ottenuto il punto vincendo per 3 set a 0. Ora si attende con trepidazione il doppio di domani.

DOMANI SI CORRE LA PARIGI-ROUBAIX

Dopo il Giro delle Fiandre che si è svolto nel giorno di Pasqua, continuano le grandi classiche del nord con la Parigi Roubaix, da sempre ritenuta la classica più dura per la presenza del pavè che costringe i corridori a delle vere e proprie acrobazie in sella. Nella lista dei partecipanti sono presenti anche diversi corridori italiani ma i favori del pronostico vanno al belga Van Avermaet ed al campione del mondo, Sagan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori