Parma, morto bimbo di 18 mesi dopo due giorni di febbre alta/ La Procura ha aperto un’inchiesta

Parma, morto bimbo di 18 mesi dopo due giorni di febbre alta: la Procura ha aperto un’inchiesta. E’ avvenuto nella giornata di mercoledì, con il piccolo giunto in arresto cardiaco

08.04.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
ospedale_civile_brescia_ambulanza_incidente_lapresse_2018
Foto LaPresse

Un bimbo piccolissimo è morto per cause ancora da accertare. Aveva 18 mesi, ed è spirato in seguito ad un arresto cardiaco. Il povero era ricoverato nell’ospedale Maggiore di Parma, dopo che allo stesso era venuta una febbre molto alta da un paio di giorni. I genitori lo hanno trasportato d’urgenza al Pronto Soccorso della struttura ospedaliera, ma è giunto già in condizioni gravissime. La Procura ha voluto aprire un’inchiesta per cercare di fare luce sulla vicenda, visto che il bimbo non soffriva di patologie particolari, ma comunque non mostrava alcun segno di violenza sul proprio corpo. Il bambino di 18 mesi ha padre tunisino e la madre di Parma, e la coppia ha già due figli. Stando a quanto si legge sul fascicolo, come riportato dall’agenzia Ansa, l’indagine per morte sarebbe come conseguenza di altro reato, ma per ora non vi sono indagati.

APERTO UN FASCICOLO

Il Procuratore ha deciso di disporre l’autopsia sul corpo del piccolo, e bisognerà quindi attendere le prossime settimane per capire con esattezza la causa che ha portato alla sua tragica quanto prematura scomparsa. I pm hanno inoltre disposto che vengano effettuati gli esami tossicologici sul bambino, per cercare di capire quali sostanze siano state somministrate allo stesso. I genitori hanno spiegato di aver dato della semplice tachipirina al proprio figlio, ma poco dopo la situazione è degenerata con la successiva morte. L’episodio è avvenuto nella giornata di mercoledì scorso nella città emiliana. Si tratta purtroppo del terzo caso in pochi giorni di bambino deceduto: prima il bimbo di Catania di 10 mesi, morto per aver preso il morbillo forse dalla madre non vaccinata, quindi la povera Nicole di Brescia, deceduta per una semplice otite dopo essere stata respinta da due ospedali.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori