Ultime notizie/ Di oggi ultim’ora Ue: Tajani “Italia? Anacronistico uscire da Europa”. E Juncker.. (11 maggio)

- Fabio Belli

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: Tajani a giornata Ue a Firenze, “anacronistico che l’Italia esca dall’Europa”. Juncker, “i populismi minacciano l’Ue e sfilacciano la solidarietà”

antonio_tajani_juncker_lapresse_2017
Antonio Tajani, presidente dell'europarlamento (LaPresse)

Tajani, “anacronistico Italia esca da Ue”

Nella seconda giornata della Conferenza Europea “The State of The Union” sempre a Firenze in Palazzo Vecchio, questa mattina sono intervenuti il Presidente della Commissione Ue, Claude Juncker e il Presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani (previsti ancora oggi il governatore della Bce Mario Draghi, l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini e chiuderà i lavori Paolo Gentiloni, premier uscente). Con il governo Lega-M5s si torna a mettere in discussione, forse, la presenza dell’Italia nell’Europa che conta e lo stesso membro di Forza Italia dichiara tutto il suo allarme per un’ipotesi del genere. «Uscire dall’Europa non ha alcun senso come non ha alcun senso uscire dalla moneta unica: sarebbe anacronistico. Non siamo perfetti ma cambiare significa migliorare – ha aggiunto ancora Tajani -, andare avanti e non tornare indietro, e la prima cosa da fare è avere un’Europa sempre più politica». Secondo Junker invece è il populismo il vero male dell’Europa di oggi e di domani: «Populisti e nazionalisti hanno avuto materia per alimentare loro sentimenti e aumentare distacco dagli altri a causa della crisi migratoria; la solidarietà si sfilaccia e si perde poco a poco così i Paesi del Nord Europa hanno riscoperto un’espressione che detesto: il club del Mediterraneo, si deve usare solo per il turismo». (agg. di Niccolò Magnani)

La trattativa per il nuovo governo

Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno deciso che non ricopriranno la carica di Presidente del Consiglio. Questa è la decisione emersa dal primo vertice tra Lega e Movimento 5 Stelle, successiva al passo indietro di Silvio Berlusconi. L’incontro propedeutico alla scelta del Presidente del Consiglio, non ha però portato soluzioni su chi debba ricoprire il ruolo principale, con entrambi i capi politici delle forze vincenti alle ultime elezioni, che devono far digerire al proprio elettorato la scelta di una persona terza. Da indiscrezioni non confermate dai due, ma neppure smentite, Salvini dovrebbe andare al Ministero degli Interni mentre per Di Maio è pronto il ruolo di Ministro degli Esteri. Reddito di Cittadinanza, Flat Tax e controllo dell’immigrazione sono i punti centrali del programma di Governo. E’ stato chiesto tempo fino a lunedì prossimo al Presidente della Repubblica Mattarella per avanzare la proposta di Governo “gialloverde” tra Lega e Movimento 5 Stelle.

Vertice Stati Uniti d’America – Corea del Nord il prossimo giugno

L’incontro tanto atteso dal mondo intero, quello tra il presidente americano Donald Trump e quello della Corea, Kim Jong-Un, avverrà il prossimo 12 giugno a Singapore. La data e il luogo sono stati rivelati direttamente dal Presidente Trump con il solito Twitter, nel cinguettio l’inquilino dello studio Ovale ha sottolineato che il momento sarà uno dei momenti più importanti per la pace nel mondo. La scelta della città è avvenuta stante la presenza a Singapore di una delle poche ambasciate della Corea, stato che in tutto il mondo non ha più di una decina di delegazioni diplomatiche.Trump a sottolineare che la sua “politica della forza” sta avendo successo, ha inoltre atteso a Washington tre detenuti di nazionalità americana liberati da Kim nei giorni scorsi.

Papa Francesco in visita a Nomadelfia

“Sono venuto qui tra voi nel ricordo di Don Zeno Saltini e per esprimere il mio incoraggiamento alla vostra comunità da lui fondata, una realtà profetica che si propone di realizzare una nuova civiltà, attuando il Vangelo come forma di vita buona e bella.” Queste le parole con cui Papa Francesco ha salutato la comunità di Nomadelfia, in provincia di Grosseto, alla quale ha fatto visita nella giornata di giovedì. Oltre 3000 fedeli hanno salutato il Santo Padre che si è fermato a pregare sulla tomba di Don Zeno.

Il post Coppa Italia

La Juventus di Massimiliano Allegri festeggia il quarto successo consecutivo in Coppa Italia, al quale si aggiungerà ufficialmente il settimo Scudetto di fila. Un dominio mai esercitato da nessuna squadra in Italia, anche se probabilmente dalla prossima stagione in casa bianconera si aprirà una fase di rinnovamento per restare ai vertici del calcio italiano. Dall’altra parte, il Milan dovrà ora blindare la qualificazione in Europa League negli importanti scontri diretti contro Atalanta e Fiorentina. Ma c’è anche da decidere il futuro di Donnarumma, che con i suoi errori ha indirizzato la finale di Roma a favore dei bianconeri.

Napoli, De Laurentiis tuona contro il VAR

La presentazione del ritiro del Napoli, anche quest’anno a Dimaro in Trentino, è stata l’opportunità per il presidente De Laurentiis per fare il punto sullo Scudetto sfumato d’un soffio. VAR sotto accusa secondo le parole del numero 1 partenopeo: “Questi sei punti di distacco dalla Juve li dobbiamo mantenere se vogliamo poi fare una valutazione oggettiva e poter attribuire a qualcuno la responsabilità per gli otto punti che ci hanno rubato. A quel punto sì che gli arbitri e la Var nello specifico ci avrebbero negato lo scudetto. Nel mondo del calcio non è ancora chiaro quello che è lecito e quello che è illecito e noi dobbiamo stare in silenzio.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori