Bambina no-vax ricoverata per tetano / Torino, i genitori della bimba di 7 anni indagati per lesioni colpose

- Matteo Fantozzi

Bambina no-vax ricoverata per tetano, Torino: i genitori della bimba di 7 anni indagati per lesioni colpose. Anche il secondo figlio della coppia non è vaccinato e scatta l’allarme.

vaccino-pixabay
Vaccini meno efficaci in Piemonte

Scatta l’allarme per quanto riguarda i genitori che sono stati condannati dal Pm di Torino per lesioni colpose ai danni della figlia. E’ stato dimostrato come la bimba di sette anni avesse contratto il tetano perché non vaccinata e i genitori sono stati quindi indagati. Ora il rischio però è legato soprattutto all’altro figlio della coppia, anche lui rigorosamente non vaccinato. Sarà importante capire nel proseguimento del processo se ci sarà l’idea di rendere anche questo fatto lampante agli occhi del giudice. Di certo se venisse confermato quando disposto dal Pubblico Ministero Vincenzo Pacileo allora presto potrebbero esserci delle evoluzioni non molto piacevoli per la coppia indagata in questione. Staremo a vedere cosa ci diranno le prossime settimane.

GENITORI INDAGATI PER LESIONI COLPOSE

Una coppia di genitori è stata indagata per lesioni colpose sulla figlia di sette anni. Questo è stato quanto sottolineato dal Pubblico Ministero Vincenzo Pacileo, come riportato dalla Repubblica nella sua versione online, che ha evidenziato come la bimba avesse contratto il tetano come dimostrato dal ricovero d’urgenza all’ospedale Regina Margherita di Torino. La famiglia aveva sostenuto la tesi che la figlia non avesse mai contratto la malattia. La consulenza medica non ha fatto emergere nessuna ferita che avrebbe potuto portare all’infezione, ma va ricordato come la diagnosi di tetano sia differenziale. Questo nel senso che si ottiene anche escludendo altre patologie. Il Pm nei prossimi giorni ascolterà i due genitori e poi procederà con la probabile richiesta di rinvio a giudizio. Servirà del tempo per capire alla fine quale sarà la sorte dei due coniugi in merito a questa vicenda.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori