Borgomezzavalle, casa venduta a un euro/ C’è obbligo di ristrutturazione: presto in vendita la seconda

- Paolo Vites

Un paesino di mezza montagna rimasto con la metà degli abitanti, le case senza eredi vengono vendute a un euro ciascuna ma il proprietario deve impegnarsi a ristrutturarla

borgomezzavalle-case
Borgomezzavalle

Chi non comprerebbe una casa che viene venduta a un euro? Sicuri? Non è certo una abitazione offerta nel centro di Roma e Milano, attenzione. Bisogna inerpicarsi per la provincia di Verbano-Cusio-Ossola e senz’altro amare la solitudine. Perché qui a Borgomezzavalle oggi vivono circa 300 persone non di più, a fronte delle 714 che erano state censite nel 1971, non molte di più in effetti. Il problema è che coloro che se ne sono andati avevano così voglia di andarsene che non si sono neanche preoccupati di mantenere il possesso delle abitazioni. Molti di loro in realtà saranno morti di vecchiaia e senza parenti in grado di ereditarle. Sta di fatto che il sindaco in un disperato tentativo di ripopolamento del paesino ha preso in mano tutte le case senza proprietari e le ha messe in vendita: a un euro ciascuna. Molte di loro sono se non da ricostruire, sono da sistemare per bene visti i decenni di abbandono. Il piano è venderne una decina al mese e intanto la prima è già andata via, racconta il sindaco:  “Un gruppetto di persone è salito in Valle Antrona per prendere visione della zona – ha detto il sindaco Alberto Preioni – e del fabbricato, a breve sarà in vendita la seconda casa. L’obiettivo è di proporne una decina nel giro di qualche mese”.

BORGOMEZZAVALLE, CASE A UN EURO: IL PROGETTO

L’acquirente una volta comprata è obbligato a presentare entro due anni la pratica edilizia di ristrutturazione e non deve essere obbligato a trasferire qui la sua residenza. Funzionerà il piano di ripopolamento? Molto difficile, al massimo saranno case in cui trascorrere le vacanze estive ogni tanto, oppure qualche weekend, ma chi ha una vita di famiglia e di lavoro non potrà mai venire ad abitare quassù. Di situazioni analoghe è piena l’Italia, basti pensare al bel entroterra ligure, letteralmente abbandonato da decenni, ormai tutti si sono trasferiti a vivere sulle città costiere che offrono opportunità di lavero e vita più comoda. Giusto qualche tedesco ogni tanto compra una di queste case abbandonate. Ma il ripopolamento di un mondo antico pieno di bellezza è un sogno e basta. Tutte le statistiche dicono che nel giro di pochi anni ormai le popolazioni mondiali vivranno in megalopoli da venti, trenta milioni di abitanti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori