NAPOLI, TRAGEDIA AL CENTRO DIREZIONALE/ Video, ragazza muore dopo volo di 40 metri, suicidio o omicidio?

- Emanuela Longo

Napoli, tragedia al Centro Direzionale dove una ragazza è precipitata dal 18esimo piano di un edificio morendo sul colpo: si tratta di un suicidio? Accertamenti in corso.

centro_direzionale_suicidio_video_twitter
Napoli, ragazza suicida al Centro Direzionale?

Ha lasciato decisamente sgomenti la notizia circa la morte tragica avvenuta questa sera, attorno alle ore 17:30, in quel di Napoli, presso il centro direzionale, dove una ragazza è deceduta in seguito ad un volo di circa 35/40 metri. Una scena a cui hanno assistito moltissime persone, visto che all’ora di punta la città partenopea pullulava di gente, e di conseguenza, si è creato il panico dopo la visione del corpo che si schiantava al suolo. Lo shock è aumentato ulteriormente dopo aver scoperto che quel corpo apparteneva ad una ragazzina di appena 14 anni. Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire l’accaduto e ogni ipotesi non è da escludere. Quella più caldeggiata porta al suicidio, magari per una questione amorosa, o per dei brutti voti a scuola, o per aver compiuto o subito qualcosa che forse la ragazzina non avrebbe voluto. Ma è ipotizzabile anche un omicidio, visto che la scala esterna al fabbricato è accessibile a tutti, e qualcuno avrebbe potuto spingere nel vuoto l’adolescente senza farsi vedere, per poi dileguarsi e confondersi fra la folla. Le forze dell’ordine stanno raccogliendo varie testimonianze avvalendosi anche delle immagini delle telecamere presenti nella zona della morte della giovane. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

DETTAGLI ANCORA FRAMMENTARI

Nel pomeriggio di oggi, una giovane donna è precipitata dai piani alti di un palazzo del Centro Direzionale, all’Isola G1 a Napoli, morendo sul colpo. Le informazioni sulla tragedia sono al momento ancora confuse e frammentarie in quanto con è ancora chiaro da quale piano sia caduta, né se si sia trattato realmente di un suicidio. Stando alla stampa locale, la vittima avrebbe compiuto un volo nel vuoto per almeno 35 metri prima di arrivare al suolo. Pare che fosse al diciottesimo piano dell’edificio quando, secondo le primissime indiscrezioni, si sarebbe tolta la vita gettandosi dal balcone. Sul posto, come spiega IlMeridianoNews, sono prontamente giunti gli agenti della Polizia con una volante e i mezzi di soccorso ma al loro arrivo per la giovane non ci sarebbe stato più nulla da fare, morendo sul colpo in seguito al violento impatto. Sul posto sarebbero giunti anche i genitori della ragazza, della quale non si conoscono al momento le generalità, e la madre avrebbe accusato un malore. L’episodio si sarebbe verificato nel pomeriggio di giovedì intorno alle 17.30. Ora la polizia sta ricostruendo sul posto la dinamica dell’immane tragedia anche servendosi delle testimonianze delle persone presenti e visionando le immagini delle telecamere della zona.

IERI UN TENTATIVO DI SUICIDIO

Gli inquirenti al momento non avrebbero escluso alcuna ipotesi in merito a quello che sembra essere un triste caso di suicidio e che resterebbe comunque la pista principale. Secondo Internapoli.it, la vittima avrebbe appena 14 anni e stando alle indiscrezioni pare che avesse già tentato nei giorni scorsi di togliersi la vita. Se confermata, la notizia contribuirebbe tristemente a rafforzare la tesi iniziale. Il presunto suicidio sarebbe avvenuto a circa di 24 ore da un tentato suicidio che era stato minacciato nella giornata di mercoledì nella medesima zona. Ieri mattina, infatti, una giovane ragazza aveva tentato di togliersi la vita per motivi sentimentali ma fortunatamente era stata messa in salvo dai sanitari del 118 della postazione San Gennaro prontamente intervenuti. La ragazza si trovava tra via Nuova Poggioreale e via Giovanni Porzio, in corrispondenza del Carcere (sul cavalcavia del Centro Direzionale) e solo grazie all’opera di mediazione di una donna presente e dell’autista la giovane alla fine si era fatta aiutare. Oggi, purtroppo, le cose sono andate drasticamente in modo diverso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori