Agrigento, auto giù dal viadotto: morti madre e figlio di 4 anni/ Ultime notizie, grave figlia di 7 anni

- Emanuela Longo

Agrigento, auto giù dal viadotto: morti madre e figlio di 4 anni, rimasti incastrati nelle lamiere. Gravissima la seconda figlia di 7 anni, ignote le dinamiche del sinistro.

incidente_stradale_triangolo_pixabay_2017
Pesaro, esce e si imbatte nell'incidente mortale del figlio (Pixabay)

Un incidente stradale dagli esiti drammatici ed ancora poco chiari si è registrato questa mattina sulla strada che collega Santo Stefano Quisquina, in provincia di Agrigento, a Lercara Friddi, nel Palermitano. Una donna e madre di due bimbi, viaggiava con i figli di 4 e 7 anni a bordo della sua auto, una Fiat Punto, quando, per cause ancora tutte da accertare, la vettura sarebbe precipitata già da un viadotto in contrada Contuberna. Il bilancio, secondo quanto riferisce il portale locale GrandangoloAgrigento.it, sarebbe gravissimo poiché la donna, Maria Stella Traina ed il figlio minore Angelo sarebbero deceduti a causa del violento impatto. La vittima aveva 32 anni era impiegata in una clinica privata del paese mentre il figlioletto deceduto nell’incidente aveva appena 4 anni. Estratta viva, invece, la bambina di 7 anni sebbene le sue condizioni siano risultati subito molto gravi. La piccola è stata trasportata d’urgenza in elisoccorso all’ospedale di Palermo. Sul posto, sono intervenuti i vigili del fuoco che si sono occupati di estrarre le vittime dall’abitacolo, così come i carabinieri incaricati a fare luce sull’immane tragedia. Giunto anche il sindaco di Santo Stefano Quisquina, Francesco Cacciatore.

DINAMICA DELL’INCIDENTE NON CHIARA

La dinamica del tragico incidente che si è registrato questa mattina in provincia di Agrigento non sarebbe ancora del tutto chiara. Secondo le prime informazioni pare che la donna si stesse recando con la sua auto al lavoro, e in auto ci fossero anche i suoi bambini, quando si è verificato il drammatico incidente stradale che non avrebbe coinvolto altre vetture. Non è però chiaro cosa sia accaduto negli attimi precedenti al volo dal viadotto e sarà ora compito di polizia locale e carabinieri ricostruire la dinamica. Paura, adesso, per le condizioni della seconda figlia maggiore dell’infermiera deceduta nel sinistro, anche alla luce dello stato gravissimo nel quale si trovava quando è stata trasportata in eliambulanza al vicino ospedale di Palermo. La madre, così come il figlio minore, secondo le indiscrezioni sarebbero morti sul colpo subito dopo l’impatto in seguito al volo dal viadotto. I due corpi sarebbero rimasti incastrati nelle lamiere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori