MAMMA SALVA FIGLIA DA NOZZE COMBINATE/ In Bangladesh, la forza di dire “io” cambia tutto

- Roberto Persico

Una mamma bengalese in Italia ha avuto il coraggio di denunciare il marito, che oltre ai soprusi aveva procurato nozze combinate alla figlia di 10 anni. ROBERTO PERSICO

bangladesh_immigrati_milano_manifestazione_lapresse_2018
Manifestazione di bengalesi a Milano (LaPresse)

Finalmente mi fanno commentare una buona notizia. Shaila — questo il nome che le ha dato Il Giorno, che riporta la notizia — ha dieci anni. È nata in Bangladesh. Poco dopo il suo concepimento, il padre è venuto a lavorare in Italia. L’anno scorso è tornato in Bangladesh, ha preso moglie e figlia e le ha portate in Italia con sé. E fra poco avrebbe riportato la piccola laggiù per darla in sposa a un nipote, anni 22. Era tutto già combinato, i biglietti aerei erano già fatti. Ma la mamma di Shaila ha detto no. Durante l’ennesima lite col marito, ha preso i passaporti — il suo e quello della figlia — e li ha stracciati. E quando il padre-padrone, come niente fosse, è andato in questura per denunciare lo smarrimento dei documenti e chiederne il duplicato, lei è andata dalla polizia a denunciare le condizioni in cui erano tenute: il divieto di uscire di casa, l’obbligo per la bimba di studiare solo il Corano, i maltrattamenti. Ora madre e figlia sono in una casa d’accoglienza, tutelate dai sevizi sociali.

È una buona, una buonissima notizia. Perché una donna, per amore della figlia, è riuscita a dire “no”. È riuscita a dire “io”. È riuscita ad affermare la sua dignità. Perché due persone in più sulla faccia della Terra hanno la possibilità di essere se stesse.

Con un nota bene. A mene non viene da lanciarmi contro la cultura da cui quell’uomo proviene. L’idea che le donne siano in qualche modo un possesso degli uomini è un’idea antichissima e radicata pressoché ovunque. Da noi, l’articolo 587 del Codice penale che prevedeva per il “delitto d’onore” pene ridottissime — da tre a sette anni… — è stato abolito nel 1981. Volevo i pantaloni di Lara Cardella è del 1989. Non ripeto qui le espressioni che tanti dei miei studenti usano oggi — oggi — nei confronti delle donne. Non dico queste cose — mi sembra ovvio, ma non si sa mai — per giustificare quell’uomo. Ci mancherebbe. Le dico per ricordare quanto la rivoluzione cominciata duemila anni fa con Paolo di Tarso — “non esiste più né giudeo né greco, né schiavo né libero, né uomo né donna” — sia davvero una “rivoluzione permanente”, una battaglia sempre da combattere, una conquista sempre a rischio, una verità sempre da riguadagnare.

Oggi abbiamo una buona notizia da festeggiare. Una donna è riuscita a dire “io”. E ha trovato un Paese, un ordinamento giuridico pronto a sostenerla. Anche questa è una conquista da non dare per scontata. Una civiltà che, pur fra mille incertezze, ha fatto sua quella rivoluzione è una civiltà da difendere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori