ÖTZI, L’UOMO DEI GHIACCI ERA MALATO DI CUORE/ Aveva tre calcificazioni coronariche di tipo genetico

- Paolo Vites

Nuovi studi effettuati sulla mummia dell’uomo preistorico conservatasi grazie ai ghiacci delle dolomiti rivelano che soffriva di tre calcificazioni coronariche al cuore

otzi-the-iceman
Ricostruzione dell'uomo dei ghiacci

Le calcificazioni coronariche indicano la presenza di malattie coronariche, il calcio coronarico infatti è un fattore di rischio superiore ad altri, per quanto riguarda le patologie cardiache con un potere predittivo positivo, che si attesta tra il 20% e il 35%, e un potere predittivo negativo che sfiora il 100%. Esse aumentano più si invecchia e sono maggiormente presenti negli uomini che nelle donne. Gli infarti sono collegati a questa problematica. A soli 46 anni di età il mitico Ötzi, detto anche l’Uomo del Similaun. l’uomo preistorico rinvenuto nei ghiacci delle Dolomiti poco lontano da confine svizzero, ne aveva ben tre di queste calcificazioni coronariche. E’ questo quanto ha diagnosticato un gruppo di medici guidati dalla radiologa di Bolzano Patrizia Perntner.

L’UOMO DEI GHIACCI ERA MALATO DI CUORE

L’uomo preistorico continua infatti a essere studiato sin dal suo primo ritrovamento, perché caso straordinario che permette di ricostruire come vivevano gli uomini della sua età storica. I risultati dello studio  sono stati pubblicati nella rivista scientifica specializzata “RöFo – Fortschritte auf dem Gebiet der Röntgenstrahlen”. Si tratterebbe però di predisposizione genetica e non a un fattore dovuto al tipo di vita o di alimentazione: la quantità di calcio è infatti la stessa che si può ritrovare oggi in un unimmo di razza bianca della sua stessa età. Avendo poi uno stile di vita non certo sedentario lo studio è servito a capire che la predisposizione genetica è un fattore scatenante significativo per l’arteriosclerosi. Secondo gli studi effettuati precedentemente l’uomo non sarebbe morto di malattia, ma per una freccia penetrata nella spalla sinistra fino quasi al cuore, dunque durante un combattimento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori