Poliziotto attacca Mattarella/ Video, show dell’agente in divisa su Facebook: “Decade la sovranità del popolo”

Poliziotto attacca Mattarella, vdeo, show dell’agente in divisa su Facebook: “Decade la sovranità del popolo”. Attacco nei confronti del presidente dopo i fatti delle scorse ore

poliziotto_mattarella_2018
Poliziotto attacca il presidente Mattarella - Facebook

E’ divenuto virale in breve tempo il video pubblicato su Facebook, con protagonista un poliziotto che attacca il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. A parlare è un agente in divisa, con annessa bandiera tricolore, che attraverso il proprio profilo ha esternato la propria rabbia nei confronti del Capo dello Stato, che nelle scorse ore ha fatto “adere il governo M5S-Lega, dicendo no alla candidatura di Savona al ministero dell’Economia. «Chi dovrebbe dare l’esempio – dice il poliziotto nel suo attacco – non lo sta facendo. Sta decadendo la sovranità del popolo italiano. Io non ci sto, protesto». L’agente ha continuato: «Come ha detto qualcuno purtroppo a malincuore mi sto accorgendo che sta decadendo la sovranità del popolo italiano».

VIDEO RIMOSSO MA ONLINE OVUNQUE

Il video è stato rimosso dopo la sua diffusione di massa, ma è stato ripreso da diverse testate online ed è praticamente disponibile ovunque (lo potete trovare a questo indirizzo). «Io, per quanto riguarda il mio umilissimo pensiero, non ci sto – prosegue il suo show l’agente delle forze dell’ordine – sicuramente sono una piccola fetta di un’istituzione dello Stato, però protesto perché mi sento di rappresentare ancora gli italiani». Il poliziotto probabilmente sapeva già che quel suo video avrebbe creato scalpore, ed in effetti, la didascalia di accompagnamento al filmato era la seguente: «Per la prima volta mi prenderò una denuncia, dopo 22 anni di servizio». Troppo forte però la rabbia dell’agente, che ha ammesso di essere pagato dagli italiani, e che di conseguenza, vuole «difendere i diritti degli italiani». La questura di Catania ha acquisto il filmato per decidere eventuali azioni disciplinari nei suoi confronti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori