Torino, sparatoria all’ufficio postale/ Ultime notizie, rapinatore ferito dal vigilante: è un vigile del fuoco

- Carmine Massimo Balsamo

Torino, sparatoria all’ufficio postale di piazza Eugenio Montale, Vallette: ultime notizie, vigile del fuoco 32enne assalta portavalori, ferito dal vigilante.

ambulanza_pixabay_2017
Immagine di repertorio

Torino, sparatoria all’ufficio postale di Piazza Eugenio Montale 8: momenti di paura nella zona Vallette del capoluogo piemontese. Oggi, venerdì 4 maggio 2018, all’ora di pranzo (verso le ore 13.00) è andata in scena la rapina orchestrata da Carlo Gallo, trentaduenne di professione vigile del fuoco ma sospeso dal servizio dalla commissione medica: secondo una prima ricostruzione dei fatti, riportata dai colleghi di Torino Today, l’uomo ha tentato di mettere a segno l’assalto al furgone della società All Sistem, sita alle Poste per un prelievo di denaro. Il vigile del fuoco era armato di una scacciacani ed ha puntato l’arma nei confronti delle guardie giurate, tentando di mettere a segno la ricca rapina. Da qui ne è nato un conflitto a fuoco con una guardia giurata: il rapinatore Carlo Gallo è rimasto ferito da tre colpi di pistola.

TORINO, SPARATORIA ALL’UFFICIO POSTALE

Secondo quanto trapelato negli ultimi minuti, Carlo Gallo è stato sospeso dai vigili del fuoco qualche giorno fa ed oggi ha tentato di assalire il furgone portavalori della All Sistem. Non giungono notizie ufficiali sulle condizioni dell’uomo, ferito da tre colpi di pistola da parte dei vigilanti: uno di questi ha centrato all’addome il rapinatore, che è stato soccorso dall’equipe medica 118 della Croce Verde. L’uomo è stato trasportato d’urgenza in codice rosso all’Ospedale Cto per le gravi ferite riportate. Sul luogo della vicenda sono immediatamente intervenuti i carabinieri, già presenti in zona per un normale controllo del territorio, e gli agenti della polizia: sull’episodio stanno indagando i carabinieri della compagnia di Oltredora. Infine, Il Giornale sottolinea che il rapinatore ferito era assistito da un complice, che si è dato alla fuga al momento dell’inizio del conflitto a fuoco.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori