MILANO, SUICIDIO AL PALAZZO DELLA REGIONE LOMBARDIA/ Donna 41enne si lancia nel vuoto dal settimo piano

- Davide Giancristofaro Alberti

Milano, donna si suicida buttandosi dal settimo piano del palazzo della Regione: 41enne morta sul colpo. Si tratta di Luisella Bertazzo, dipendente della regione Lombardia

plasma lombardia Robbio roberto francese
Palazzo Lombardia (Lapresse)

La donna morta questa mattina nel Palazzo della Regione Lombardia rimane ancora “avvolta nel mistero” con le istituzioni che ancora non hanno confermato ufficialmente identità e possibili motivi dietro al gesto estremo: noi confermiamo le nostre fonti già circolate questa mattina e si tratterebbe di una 41enne originaria del Varesotto, precisamente a Busto Arsizio. È chiaramente morta sul colpo dopo un volo enorme dal settimo piano del nuovo Pirellone, cadendo davanti all’ingresso del Supermercato di via Algarotti: era una specialista in comunicazione che lavorava alla Direzione Generale della Sanità in Regione Lombardia, dopo che dal 2004 al 2008 aveva avuto come ruolo di prim’ordine quello di coordinatrice dell’Ufficio Relazioni con il pubblico, sempre in Regione Lombardia. Ora si attendono le conferme delle autorità anche e soprattutto a riguardo dei motivi dietro al quasi certo suicidio: le condoglianze e la preghiera vanno assieme alla famiglia e agli amici e colleghi che vivono in queste ore momenti di dolore e angoscia. (agg. di Niccolò Magnani)

DONNA SI LANCIA NEL VUOTO DAL NUOVO PIRELLONE

Dramma questa mattina a Milano, dopo che una donna si è suicidata gettandosi dalla finestra. L’episodio si è verificato attorno alle ore 8:00, quando una dipendente della Regione Lombardia si è gettata dal settimo piano del “Pirellone”, il palazzo della regione in via Algarotti, uno dei simboli della città meneghina. Fatale l’impatto con il suolo, visto che la donna di 41 anni si è gettata da un’altezza superiore ai 20 metri. Sul posto sono subito giunti i medici del 118 e gli agenti della questura, ma solo per appurare la morte della dipendente della Regione. Stando alle indiscrezioni circolanti in queste ore, si tratterebbe di Luisella Bertazzo, e prima di morire avrebbe lasciato una lettera per spiegare i motivi, strettamente personali, del suo tragico gesto.

“UNA GIORNATA DI LUTTO”

La segretaria milanese della funzione pubblica della Cgil, Mavì Gardella, ha commentato così il suicidio della donna: «E’ una giornata di lutto per la Regione Lombardia e per tutti noi». La donna si è gettata dal settimo piano, quello che ospita la giunta regionale, l’ufficio relazioni con il pubblico e alcune sale espositive. Gettatasi di sotto, è caduta davanti all’ingresso del supermercato Carreffour sottostante, e dopo l’arrivo dei soccorsi e dei medici, sono giunti anche gli agenti della polizia locale nonché della Questura di Milano, per avviare le indagini, anche se l’ipotesi suicida è fino ad ora l’unica pista attendibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori