MONTE PELLEGRINO, AUTO NEL BURRONE A PALERMO: MORTI DUE 28ENNI/ L’ultima serata con amici di Pietro e Simona

- Davide Giancristofaro Alberti

Palermo, auto vola giù da Monte Pellegrino, ultime notizie, due morti dopo un salto nel vuoto di 50 metri. Su una Mercedes bianca viaggiavano due ragazzi finiti nel dirupo

monte_pellegrino_2018
Monte Pellegrino, il luogo dove si è verificato l'incidente mortale

C’è un’intera comunità sotto shock per la tragica morte Simona Messina e Pietro Torres, i due ragazzi di 28 anni che hanno perso la vita in un incidente stradale avvenuto tra i tornanti del Monte San Pellegrino, a Palermo, al termine di un volo dalla carreggiata di oltre 50 metri. Come riportato da Il Giornale di Sicilia, i due avevano trascorso la serata insieme alla loro comitiva di amici. Poi avevano salutato tutti, dandosi appuntamento al giorno dopo. Un’amica della ragazza, in preda al pianto, ha dichiarato:”Eravamo un grande gruppo di persone che si conoscevano da tanto tempo, e ci volevamo un gran bene”. E tra le tante persone accorse sul luogo dell’incidente ci sono proprio gli amici di Simona e Pietro:”Avevamo appuntamento, abbiamo tentato di chiamare entrambi ma non ci rispondevano. Abbiamo avuto questo dubbio, quando poi abbiamo saputo e siamo tutti sconvolti”. (agg. di Dario D’Angelo)

ASCOLTATI I GENITORI DEI RAGAZZI

Nuovi aggiornamenti sulla tragedia avvenutra questa notte tra i tornanti di Monte Pellegrino, a Palermo: due ragazzi di 28 anni, Simona Messina e Pietro Torres, hanno perso la vita in seguito a un incidente stradale, con la Mercedes Classe A del ragazzo che ha distrutto il guard rail ed ha terminato la sua corsa terminando in un burrone dopo un volo di cinquanta metri. Come riportato dai colleghi di Repubblica, la polizia municipale sta ascoltando i genitori di entrambe le vittime per cercare di ricostruire come i due ragazzi hanno trascorso insieme la serata. Famiglie e amici dei due ventottenni sono sul posto, disperati per la tragica scomparsa di Simona Messina e Pietro Torres. Secondo le ultime indiscrezioni, la macchina stava viaggiando verso la città e la prima ipotesi legata all’incidente è di perdita del controllo dell’autovettura, causata dall’alta velocità. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

I DUE RAGAZZI AVEVANO 28 ANNI

Sono di Simona Messina (28 anni) e di Pietro Torres (anch’egli 28), i corpi trovati questa mattina ai piedi del Monte Pellegrino, in provincia di Palermo. I due erano incastrati nella loro auto, senza vita, dopo che la stessa Mercedes Classe A di colore bianco su cui viaggiavano, ha rotto il guardrail per poi fare un salto nel vuoto di 50 metri. Come riporta l’edizione online del quotidiano La Repubblica, gli inquirenti pensano che l’auto stesse viaggiando ad alta velocità quando il ragazzo alla guida ha perso il controllo ed è quindi finito di sotto. Torres, che lavorava nel negozio di famiglia dove vendeva vernici e altri materiali per l’imbiancatura, aveva precedenti penali per droga e abuso di alcol, e si sta valutando la possibilità di disporre gli esami tossicologici. Le salme dei due ragazzi, entrambi morti sul colpo, sono state trasferite presso l’istituto di Medicina legale del Policlinico, e il magistrato di turno, Dario Scaletta, ha disposto l’autopsia per entrambi. L’incidente sarebbe avvenuto fra le 4 e le 5 di notte, ma l’auto è stata individuata solo alle 8. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

STRADA CHIUSA AL TRAFFICO

La conferma arriva dai Vigili del Fuoco che sono intervenuti subito sul posto per provare ad effettuare un salvataggio disperato dei due giovani volati giù dal Monte Pellegrino: il giovane è stato sbalzato fuori dalla vettura nel volo tragico da circa 50 metri, mentre per il corpo della ragazza sono serviti diversi tentativi dei pompieri per estrarla purtroppo quando ormai non c’era più nulla da fare. Morti entrambi sul colpo per motivi ancora oscuri: sono infatti usciti di strada sulla loro Mercedes bianca ma ancora non è dato sapere, dai primi rilievi, se si tratti di un colpo di sonno, un guasto improvviso, uno scontro con un’altra auto o peggio un gesto volontario di uno dei due giovanissimi. La strada intanto è stata chiusa al traffico, con qualche disagio per chi proviene da Palermo, proprio per poter consentire i rilievi approfonditi di rito e accertare così le cause dell’incidente. Il nucleo Saf (Speleo alpino fluviale) ha battuto palmo a palmo l’intera zona vicina al punto di impatto per verificare la presenza di altre persone coinvolte nell’incidente ed eventualmente disperse. (agg. di Niccolò Magnani)

DUE GIOVANI IN AUTO VOLANO GIÙ DAL MONTE PELLEGRINO

Un volo di 50 metri per poi schiantarsi al suolo. Una coppia di giovani, un uomo e una donna, vittima di un incidente mortale nelle scorse ore in Sicilia, precisamente in via Monte Ercta a Monte Pellegrino, località in provincia di Palermo vicina a Mombello. I carabinieri stanno cercando di ricostruire l’accaduto, e per ora si sa solo che un tornante su viale Regina Elena è stato sfondato, molto probabilmente dalla stessa Mercedes di colore bianco su cui appunto viaggiavano le due vittime. Sul luogo dell’incidente sono giunti anche i vigili del fuoco, che solo dopo ore sono riuscite ad estrarre i corpi dalle lamiere contorte dell’automobile.

LE PAROLE DEL DIRETTORE DELLA RISERVA NATURALE

Le forze dell’ordine stanno cercando testimoni, e si sa solo che il luogo dell’incidente è poco distante da un ristorante di Monte Pellegrino. Sul posto sono arrivati anche gli uomini della polizia municipale e si teme che qualcuno sia stato sbalzato fuori dall’auto durante il volo. A dare l’allarme è stato il direttore della Riserva naturale di Monte Pellegrino, Giovanni Provinzano: «Un volontario ha segnalato alle forze dell’ordine e ai vigili del fuoco il punto esatto dove è precipitata la vettura – spiega ai microfoni de Il Giornale di Sicilia l’auto si trova dietro una villa che dà su viale Margherita di Savoia, all’altezza della rotonda prima di arrivare a Mondello. Sul posto i Rangers hanno visto il corpo di un ragazzo che sarà stato sbalzato fuori dalla vettura, mentre l’altro si trova ancora all’interno del veicolo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori