Montesilvano, calci e pugni all’ex moglie: arrestato 46enne/ Ultime notizie: non accettava la separazione

- Silvana Palazzo

Montesilvano, calci e pugni all’ex moglie: arrestato 46enne. Non accettava la separazione ed era geloso: temeva che la donna avesse un altro. Le ultime notizie

carabinieri_lapresse_2017
Carabinieri (LaPresse)

Accecato dalla gelosia, ha brutalmente picchiato l’ex moglie in strada fratturandole il naso. Il matrimonio era fallito e non accettava la separazione: queste le cause della violenta aggressione che un 46enne ha compiuto a Montesilvano nei confronti dell’ex moglie. Il sospetto che lei potesse aver voltato pagina con un altro uomo lo tormentava al punto tale da spingerlo ad un gesto così violento. Alle prime luci dell’alba il 46enne ha raggiunto la donna e l’ha picchiata selvaggiamente, causandole la frattura del setto nasale, procurandole anche una contusione cranica non commotiva e traumi evidenti all’anca destra. L’aggressione è avvenuta lungo viale Europa e ha richiamato l’attenzione di alcuni residenti che, come ricostruito da “Il Pescara”, hanno allertato il 112. Sul posto sono dunque intervenuti gli uomini del reparto Aliquota Radiomobile della Compagnia di Montesilvano. Quando sono arrivati hanno trovato la donna, 40enne, ancora a terra sanguinante.

MONTESILVANO, CALCI E PUGNI ALL’EX MOGLIE: ARRESTATO 46ENNE

L’ex marito è stato rintracciato nelle vicinanze con il telefono cellulare della vittima in mano. Quindi è scattato l’arresto per rapina, oltre che chiaramente per il reato di lesioni personali. Stando alle testimonianze raccolte, e riportate da “Il Pescara”, il movente dell’aggressione è la gelosia. L’uomo era intenzionato a scoprire, attraverso la lettura di sms e conversazioni private in chat, se l’ex moglie aveva intrapreso una nuova relazione sentimentale. Dopo aver preso a pugni e calcio l’ex moglie in strada è fuggito: quando ha visto arrivare i carabinieri ha preferito scappare, ma è stato rintracciato poco dopo. Nel frattempo la donna veniva trasportata in ospedale, dove i medici si sono subito presi cura delle sue ferite. La prognosi è di 15 giorni. I militari della Compagnia di Montesilvano, diretti dal tenente Donato Agostinelli, hanno arrestato il 46enne, che ora si trova in carcere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori